Ordina qui l'edizione estiva

Una vita diversa.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Adelheid Gulbrandsen (42 anni) usa le proprie esperienze come fonte di ispirazione

Il romanzo più venduto dell'autunno La casa del padre. Gulbrandsen si è distinto come l'unico marrone

la ragazza di Solør – dopo che sua madre si era recata a Blindern per studiare filosofia ed era venuta

torna con la pancia grossa dopo aver incontrato un tipografo di giornali dal Kenya. Mora era sola e

la vita non era sempre facile, ma sia lei che la sua famiglia erano piene di risorse. Il nonno era uno

istituzione come segretario del partito, lo zio era il sindacalista Tore Gulbrandsen e

la zia era sposata con SVer e poi con il professor Steinar Stjernø. Lo dice lo stesso Gulbrandsen

è "nata in politica e in ogni modo sputata nella socialdemocrazia".

Riusciva a malapena a trasferirsi a Oslo e iniziare la scuola di legge prima di diventare un'impiegata a tempo indeterminato presso LO.

Fu durante questo periodo che realizzò davvero il razzismo nella società norvegese. Sulla strada

a casa da un viaggio d'affari, è stata fermata alla dogana di Fornebu e molestata a causa di

colore della pelle. Gulbrandsen è rimasto profondamente deluso quando LO non ha approfondito la questione politicamente. Lei

continuò nel lavoro, ma alla fine si ruppe. Nell'edizione di questa settimana di HK-nytt

racconta di quando si è alzata e ha pensato di saltare fuori dalla finestra dell'ufficio al 9° piano. Quindi

chiamato Dag Børge Akerø con un'offerta di lavoro a TV2. Non ha accettato il lavoro, ma l'ha accettato

insieme. Era stata "vista" di nuovo.

Potrebbe piacerti anche