Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Una sorta di atto d'accusa non ufficiale contro lo Stato di Israele

Il Laboratorio Palestinese: come Israele esporta la tecnologia dell’occupazione nel mondo
Forfatter: Antony Loewenstein
Forlag: Verso, (USA)
Palestina / Israele ha coltivato stretti rapporti con “Papa Doc” ad Haiti, Nicolae Ceaușescu in Romania, Pinochet in Cile e il regime hutu in Ruanda. E quando si è tenuta la più grande fiera delle armi di Israele, la Biennale ISDEF, ha attirato più di 12 visitatori internazionali provenienti da oltre 000 paesi diversi tra militari, polizia e servizi di sicurezza.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Nonostante le sue dimensioni modeste, Israele è tra i 10 maggiori produttori ed esportatori di armi al mondo. COME Israelela più grande fiera d'armi del mondo, La Biennale dell'ISDEF, tenutosi l'ultima volta a Tel Aviv nel marzo 2022, ha attirato più di 12 visitatori internazionali provenienti da oltre 000 paesi diversi tra servizi militari, di polizia e di sicurezza. Affiancato da ufficiali decorativi israeliani altamente decorati, venditori di start-up e aziende affermate, che Elbit e AnyVision, presentano una vasta selezione di novità israeliane Armi e tecnologia. Qui, gli acquirenti interessati potrebbero trovare droni, mine, bombe, granate, pistole, gas lacrimogeni e tutto ciò che rientra nella tecnologia di sicurezza e antiterrorismo supportata dall'intelligenza artificiale, inclusi biometrico Software per la registrazione e il riconoscimento automatici di volti, impronte digitali, impronte di mani, iridi, forma del corpo e posa di individui.

Che Israele sia all'avanguardia nella tecnologia militare e di polizia internazionale non sorprende: è per ragioni storiche che la ragion d'essere dello Stato ebraico consiste nel mantenere la "sicurezza" con ogni mezzo immaginabile. Ma ciò che per Israele è un mezzo di autoconservazione e di libertà, altrove è allo stesso tempo un mezzo di distruzione e di oppressione. Non solo in Palestina, ma in molti paesi del mondo.

Droni, mine, bombe, granate, pistole, gas lacrimogeni e tutto ciò che rientra nella tecnologia di sicurezza e antiterrorismo supportata dall'intelligenza artificiale...

Secondo il giornalista Antony Loewenstein, autore del libro TLaboratorio Palestina: come Israele esporta la tecnologia dell’occupazione nel mondo, è un ciclo di feedback violento in cui Palestina usato come una specie di essere umano laboratorio per lo sviluppo di armi e tecnologia, che vengono poi vendute a paesi come Bahrein, Bielorussia, Filippine, Uganda, Marocco, Nigeria e altri paesi che spesso compaiono nelle liste nere delle ONG e delle organizzazioni per i diritti umani. Nelle parole di Loewenstein: "Israele ha sviluppato un industria degli armamenti di livello mondiale con attrezzature opportunamente testate sui palestinesi occupati e poi commercializzate come “provate in battaglia”.''

Commerciare con regimi brutali

I Il Laboratorio della Palestina Loewenstein spiega come Israele, “l'unica democrazia” del Medio Oriente, sembra non avere problemi a vendere armi e tecnologia ai regimi repressivi di tutto il mondo. Anzi. Dagli anni ’1960, Israele è stato direttamente o indirettamente coinvolto in alcuni dei conflitti più sanguinosi del mondo. Loewenstein descrive come è emerso il servizio di intelligence israeliano Mossad in collaborazione con la CIA, ha sviluppato strette relazioni con una serie di regimi dittatoriali come parte di un programma anticomunista della Guerra Fredda per promuovere gli interessi commerciali globali dei due paesi.

Ad esempio, negli anni ’1960 Israele ha avviato una collaborazione stretta ma fino a poco tempo segreta con lo Scià iraniano, nella quale Israele si è offerto di addestrare la polizia iraniana e fornire armi alla teocrazia in cambio di prezzi petroliferi favorevoli. Nello stesso periodo, il Mossad lavorò sotto copertura per garantire accordi commerciali con il Generale Suhartuin Indonesia, sapendo che tra il 1965 e il 1966 questo aveva portato all’uccisione di mezzo milione di persone, uno dei genocidi più sanguinosi del ventesimo secolo.

Dagli anni ’1960, Israele è stato direttamente o indirettamente coinvolto in alcuni dei conflitti più sanguinosi del mondo.

Israele ha anche coltivato stretti rapporti con "Papa Doc" ad Haiti, Nicolae Ceaușescu in Romania, Pinochet in Cile, così come la brutale famiglia Somoza in Nicaragua, fornita da Israele Armi fino alla caduta del regime nel 1979. Ma il sostegno e il commercio di Israele con regimi brutali non è stato solo un fenomeno della Guerra Fredda. Secondo Loewenstein, fonti recentemente scoperte indicano che lo Stato israeliano ha continuato la sua strada esportazione di armi al regime Hutu i Ruanda anche dopo l’aprile 1994, quando i massacri della popolazione tutsi assunsero il carattere di genocidio e furono uccise fino a un milione di persone in soli 100 giorni. Infine, ci sono gli stretti legami di Israele con Myanmar, che nel 2018 è stato accusato di genocidio dall'ONU, ma che è stato comunque invitato in Israele fiera delle armi e 2019.

Secondo Loewenstein, tuttavia, il problema non è solo che Israele condona o facilita la censura di altri paesi, la violenza di stato, l'eliminazione degli oppositori politici, la persecuzione delle minoranze e la pulizia etnica. Israele, come Loewenstein lo definisce seguendo Amnesty International e l’Organizzazione Human Rights Watch, tra gli altri, è esso stesso una potenza occupante illegale e uno stato di apartheid. Il manuale per opprimere i palestinesi, secondo Loewenstein, Israele deriva dalla sua stretta collaborazione con il regime dell'apartheid in Sudafrica prima di Nelson Mandela, che Loewenstein cita da un discorso del 1993, poco prima della caduta del regime l'anno successivo: "Il popolo sudafricano non dimenticherà mai il sostegno di Israele al regime dell'apartheid".

Due decenni di attività giornalistica

Il libro XI è stato pubblicato nel maggio 2023, cioè sei mesi prima Hamasspettacolare attacco contro Israele il 7 ottobre. Questo non è un editoriale scritto con affetto sull’offensiva militare israeliana a Gaza, che secondo le stime delle autorità palestinesi locali è costata più di 34 vite umane, circa il 000% delle quali donne e bambini, e ha portato fino all’70% delle vittime. popolazione a fuggire. Un’offensiva così violenta che nel dicembre 85 il Sudafrica portò Israele davanti alla Corte internazionale di giustizia dell’Aja con l’accusa di estrema ingiustizia: genocidio.

Basandosi su due decenni di lavoro giornalistico nella regione, Loewenstein ha scritto una sorta di atto d'accusa non ufficiale contro lo Stato di Israele, in cui elenca una serie di potenziali crimini che precedono la cosiddetta "guerra contro Hamas" in corso. L'elenco è lungo e risale al controverso movimento politico, il sionismo, che dalla fine del diciannovesimo secolo ha lavorato per la creazione di uno stato nazionale ebraico sovrano come ideologia politica e movimento storico sionismo vaeret
oggetto di discussione ed è diventato un elemento centrale delle teorie del complotto antisemita. Alcuni commentatori politici, come Martin, caporedattore di Weekendavisen Krasnik, ha sostenuto che la critica al sionismo è necessariamente un'espressione di antisemitismo.

Crescere in una famiglia “sionista liberale”.

Loewenstein non crede a questa premessa. Nel libro, Loewenstein descrive come, durante la sua educazione in una famiglia di "sionisti liberali" a Melbourne, in Australia, abbia vissuto continue manifestazioni contro ogni critica nei confronti di Israele. I suoi nonni, sopravvissuti all'Olocausto, arrivarono in Australia come rifugiati e vedevano l'esistenza di Israele come stato ebraico sovrano e indivisibile come una necessità per la sopravvivenza e la sicurezza del popolo ebraico. Ogni riferimento all'occupazione israeliana dei territori palestinesi e all'espansione degli insediamenti illegali è stato respinto dalla famiglia Loewenstein con riferimento alla minaccia di annientamento da parte dei paesi arabi circostanti. Per la famiglia Loewenstein, come per molti altri nella diaspora ebraica, la storia dominante sullo Stato di Israele era basata sulla paura: «Gli ebrei erano costantemente sotto attacco e Israele era la risposta. Indipendentemente dalle sofferenze che i palestinesi hanno dovuto sopportare per la sicurezza degli ebrei."

La storia di Israele come nazione vittima costantemente minacciata è una “lezione perversa dall’Olocausto”

Il sionismo era una specie Faustpagt con l’Occidente, dove ogni passo verso la meta finiva per trascinarsi dietro una scia di distruzione infernale: “La nascita dello Stato di Israele nel 1948 fu un miracolo per molti ebrei nel mondo ma un disastro per
popolazione palestinese”.
Il disastro era il cosiddetto nakba, dove tra il 1947 e il 1949 i coloni filo-israeliani cancellarono 531 villaggi dalla mappa geografica, scacciarono fino a 750.000 palestinesi dalle loro case e uccisero più di 15 persone.
La storia di Israele come nazione vittima costantemente minacciata è una “lezione perversa dall’Olocausto”
Per Loewenstein, criticare il sionismo non significa semplicemente criticare un desiderio astratto di uno Stato ebraico, ma una critica a un disastroso progetto politico inseparabile dall’imperialismo occidentale e dal colonialismo dei coloni che lo hanno consentito e finanziato. Per Loewenstein, che si è stabilito a Gerusalemme Est tra il 2016 e il 2020 per coprire i conflitti nella regione, la storia di Israele come nazione vittima costantemente minacciata è una “lezione perversa dell’Olocausto”. Lo Stato d’Israele è stato fin dall’inizio, secondo Loewenstein, un progetto politico che non mirava tanto a garantire la sopravvivenza degli ebrei quanto ad assicurare l’egemonia globale dell’Occidente: una continuazione dello , progetto solitario che si presenta con il pretesto di una soluzione alla cosiddetta questione ebraica.

Domenico Routhier
Dominique Routhier
Routhier è un critico regolare di Ny Tid.

Potrebbe piacerti anche