Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Un manifesto politico

Concetti per una società democratica ed ecologica,
Forfatter: Yavor Tarinski
Forlag: Zero Books, (USA)
DEMOCRAZIA DIRETTA / Abbiamo bisogno di un nuovo sistema sociale con beni comuni e declino. Ed è possibile raggiungerlo. Abbiamo abbastanza esperienza e conoscenza dai tempi precedenti. È solo questione di iniziare, scrive Yavor Tarinski in un recente libro di discussione.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Yavor Tarinski è un libero pensatore, accademico, attivista e autore bulgaro. Partecipa a vari movimenti sociali nei Balcani, si occupa di diffondere la "conoscenza dal basso" e siede nel consiglio del Transnational Institute of Social Ecology.

Attraverso 93 pagine, note incluse, Tarinski ci presenta ora un manifesto politico che mira a rimodellare le nostre società in una direzione più radicale, dove la democrazia non è principalmente caratterizzata da elezioni ogni quattro anni, ma piuttosto nella forma di ciò che lui stesso definisce un democrazia diretta ecologica.

Rompere la dottrina della crescita

La diagnosi di Tarinski, che poi costituisce la base della sua affermazione del cambiamento necessario, è semplice: la radice di tutti i mali è il capitalismo e l'avidità che il sistema capitalista crea. Distrugge la vita di miliardi di persone e con essa l'ambiente.

Questa è una diagnosi così ampia che, credo, ha poco valore. Diventa quasi come un incantesimo. Tuttavia ho simpatia per il progetto di Tarinski. Il mondo deve agire ora affinché si possa raggiungere un equilibrio sociale ed ecologico. Allora qual è la soluzione proposta da Tarinski? Naturalmente può esserci solo una cosa: creare un buco nella dottrina della crescita.

Tarinsku scrive: "Dovremmo andarcene crescitadottrina nel suo insieme e dirigere l’attenzione sul ritmo già enorme della nostra produzione economica. Non ha senso espanderlo ulteriormente, al contrario, se vogliamo avere un futuro su questo pianeta, dobbiamo ridimensionarlo. Ma questo può avere senso solo se decidiamo di condividere equamente ciò che creiamo."

Irlanda, Svizzera, Nepal e Messico

Per raggiungere questo obiettivo, dobbiamo espandere la nostra democrazia, scrive Tarinski, sotto forma di democrazia più diretta. Questo è ciò che chiedono gli attivisti climatici di Extinction Rebellion: una maggiore partecipazione popolare per inviare segnali più chiari agli organi eletti sulle nuove direzioni che come società dobbiamo scegliere. La democrazia diretta è descritta da Tarinski come: "[m] prendere il potere equamente tra tutti i membri della società".

Questo è più facile a dirsi che a farsi. Non tutti i cittadini parteciperanno a riunioni pubbliche, sondaggi o attività di volontariato. Un consiglio cittadino non è necessariamente più democratico delle assemblee elette come lo Storting. Ma: questo potrebbe avere ancora qualcosa da fare se i cittadini si sentiranno maggiormente coinvolti in questo senso. La partecipazione crea buoni sentimenti di appartenenza e significato. Ci sono esempi di una forma di estensione democratici diversi luoghi in Europa, come in Irlanda, con la sua forma di consigli cittadini, o referendum in Svizzera. Ci sono anche molte cosiddette Città di Transizione, alcune con una propria valuta e un alto grado di partecipazione popolare al governo e all’assistenza locale. Tarinski cita anche esempi dal Nepal e dal Messico.

Inoltre, si basa su lavori teorici svolti da teorici sociali come Cornelius castoridis e Murray Bookchin, e visita anche nomi famosi come Hannah Arendt, David Graber, Elinor Ostrom e David Harvey per dimostrare le loro affermazioni.

Beni comuni

Tarinski risale all'antichità e al Medioevo e alla forma di democrazia diretta che allora esisteva in varie forme città statolo è, anche se il concetto di cittadino all’epoca era ristretto. Trova ispirazione anche in una rete di città in tutto il mondo che stanno sperimentando nuove forme di diretta cittadinopartecipazione, non diversamente dagli esempi storici. Queste sono spesso anche città in cui l'accento è posto sulla progettazione ecologica nello sviluppo urbano. Crea entusiasmo e aumenta la partecipazione. Le persone sentono di prendere parte allo sviluppo dei beni comuni più prossimi. E questa è la strada da percorrere, secondo Tarinski: dobbiamo ravvivare i nostri sentimenti pubblico in generaleer.

Sia capitale finanziario che fisico, capitale naturale, capitale sociale e capitale umano.

Anche Tarinski affronta l'argomento nedvekst ("decrescita"). Dobbiamo accontentarci di un’economia più piccola, ha insistito Ecologiaaccadono principi. Sarà anche un’economia essenzialmente più basata sulla solidarietà.

Tarinski ha un linguaggio fresco e attacca sia a destra che a sinistra. Entrambi sono troppo preoccupati del controllo gerarchico. Il dominio di una classe sull'altra, di un clan sull'altro, di una razza sull'altra e il dominio dell'uomo sulla natura, alla fine portano alla catastrofe globale, sia socialmente che ecologicamente.

E la Norvegia?

La rivoluzione mondiale è probabilmente molto lontana e forse dovremmo esserne contenti. Posso gestirmi in modo troppo semplicistico capitalismocritiche che tagliano a tutto campo l’intero Occidente. Gran parte delle critiche mosse da Tarinski riguardo alla mancanza di codeterminazione democratica non si applicano affatto alla Norvegia. Ma siamo forse uno dei pochi paesi così ben sviluppati?

Ma Tarinski ci fa guardare avanti e ci dà buoni suggerimenti su cosa si può fare. E diversi paesi stanno ora mettendo in discussione i vecchi concetti di crescita; si applica sia alla Scozia che alla Nuova Zelanda. Hanno lavorato con un concetto di crescita che comprende diverse dimensioni, sia con capitale finanziario che fisico, capitale naturale, capitale sociale e capitale umano. Si ricerca la crescita, ma una politica che accresca una forma di capitale e allo stesso tempo distrugga altri capitali sarà sbagliata. Diverse città europee, come ad esempio Grenoble, ha iniziato a vietare i manifesti pubblicitari nei luoghi pubblici.

Sta succedendo qualcosa. E Tarinski contribuisce con i suoi pensieri.

Andrew P.Kroglund
Andrew P. Kroglund
Kroglund è un critico e scrittore. Anche segretario generale della BKA (Grandparents Climate Action).

Potrebbe piacerti anche