Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Una memoria collettiva di crescita

Memorie d'infanzia
ROM / Oltre alla nostra cultura visiva su larga scala, Iris Maria Tusa ha un raro libro di fotografie sui Rom: qui vediamo come l'infanzia ci modella e in seguito plasmiamo la nostra immagine dell'infanzia.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Negli anni 1966-68 lavorò il fotografo americano Bruce davidson (n. 1933) con una serie di fotografie di motivi della East 100th Street. Il lavoro includeva migliaia di negativi e culminò in una pubblicazione di un libro da parte della Harvard University Press e in una mostra al MoMa nel 1970. L'intenzione di Davidson con il progetto era quella di incontrare le persone che vivevano nelle aree fuori moda e fatiscenti della città "occhi negli occhi" , per documentare la vita della città, rappresentandola sia come un problema che come un'opportunità.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

In connessione con la mostra dell'autunno 1970, il curatore scrisse: Giovanni Szarkowski (1925-2007), nel comunicato stampa sulla sincera empatia di Davidson nei confronti delle persone raffigurate: "La maggior parte dei fotografi si è avvicinata alle minoranze visibili d'America come se fossero prede esotiche da perseguitare e catturare, o come statistiche che potrebbero sostenere una posizione politica, o come simboli dei colpevoli della maggioranza. Bruce Davidson ha fatto una cosa più difficile e più preziosa: ci ha mostrato persone vere e specifiche, fotografate in quei momenti privati ​​di azione sospesa in cui la complessità e l'ambiguità delle vite individuali trionfano sull'astrazione." (1) Nello stesso comunicato stampa si afferma che la serie di Davidson è il risultato di una collaborazione consapevole tra il raffigurato e il fotografo e si presenta come l'antitesi della fotografia documentaria inconscia. Ci piace capirlo da come le persone raffigurate appaiono in una posa consapevole, con lo sguardo saldamente rivolto verso l'obiettivo della fotocamera. In questo modo si ottiene l'effetto che la storia trasmessa è "nostra", dove gli occhi dello spettatore sono l'obiettivo dell'apparato fotografico, dove la distanza tra Lo spettatore og il set non si verifica nel modo in cui (spesso) avviene nella fotografia documentaria. Allo stesso modo, bisogna dire che le immagini rientrano nel genere della fotografia documentaria.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Allo stesso tempo, il metodo di Davidson nasce da una certa necessità, in quanto va detto che è impossibile entrare nelle case delle persone senza che esso stabilisca delle linee guida su come si presenta la vita domestica. Inoltre, la magia della macchina fotografica è così forte che la maggior parte delle persone adotta naturalmente un atteggiamento in posa nei suoi confronti. Nella nostra cultura dell’immagine prodotta in serie, vediamo anche come i bambini piccoli scivolano nell’altro personaggio appena una macchina fotografica sembra accesa: guardami!

L'antitesi della fotografia documentaria inconscia.

Forse non era necessario che un lettore informato indicasse il canonizzato di Davidson East 100th Streetserie come sfondo per leggere la serie della fotografa contemporanea rumena Iris Maria Tusa Memorie d'infanzia , ma può essere utile vedere il rapporto storico di questa categoria di immagini possono essere avere, per evidenziare ciò che il presente può eventualmente avvalersi della tradizione.

Creato in Dubrussia

Memorie d'infanzia è una serie continua di fotografie realizzate a Dubrusja, un'area che si estende dal sud-est della Romania alla Bulgaria nord-orientale. La popolazione è mista, ma chiaramente dominata dai rumeni. (2) Il fotografo stesso ha descritto la serie come la creazione di una memoria collettiva della crescita. (3) In questo sta non solo un riconoscimento del forte senso di crescita, ma anche uno sguardo leggermente nostalgico a un mondo che non era caratterizzato dai tanti fattori che uccidono il momento della modernità. Le immagini sono state realizzate nel corso di diversi anni, ma non è stata creata alcuna cronologia per quanto riguarda l'emergere delle opere da parte del fotografo. (4) È anche nella natura dei motivi che una certa cronologia effettiva sia di minore interesse, a parte le considerazioni di catalogazione. In tutta la serie emerge un circuito di motivi conservatori.

Lo sfondo con i Davidson#Centesima strada est# possono quindi apparire ricercati. I suoi motivi mostrano al massimo grado contemporaneo e appaiono tanto storici quanto sono effettivamente trascorsi gli anni dalla loro apparizione. Sappiamo anche che le sue immagini hanno avuto un effetto, nel senso che i decisori sono stati resi consapevoli dei pregiudizi sociali nel paesaggio urbano e hanno dato priorità ad un adeguamento tempestivo. C'era una responsabilità sociale implicita nel lavoro di Davidson? Non è facile dirlo e tocca un campo complicato. Secondo il materiale stampa del MoMa del 1970, Davidson ha evitato di creare qualsiasi forma di pornografia della povertà lavorando a stretto contatto con l'individuo o la singola famiglia, in modo che non apparissero come il materiale statistico di una grande città. Per Tusa tali questioni non sembrano rilevanti. Oppure lo sono?

Romania

Per un vero norvegese, è difficile pensare alla Romania rurale senza pensare alla povertà estrema, anche se la realtà è molto più sfumata. Non sorprende quindi una reazione immediata alla serie Memorie d'infanzia può essere un'empatia umana. Non sprecarlo! Ma allo stesso tempo, le immagini probabilmente aprono qualcosa di più di quanto sia abituata la rivista natalizia di un ente di beneficenza. Aprono capitoli della propria storia, ed è una storia che, per pochissime persone, riguarda il crescere in Dubrussia. Per il fotografo invece sono importanti le radici della rigenerazione dei nonni sul territorio. È un legame e una chiave per gli interessi. Le esperienze del fotografo sono importanti strumenti artistici, proprio come l'orizzonte dello spettatore modella l'esperienza.

L'infanzia ci plasma e in seguito plasmiamo la nostra immagine dell'infanzia. La maggior parte delle persone riesce a ricreare la sensazione di essere in movimento, di come le piccole falesie siano come vette eterne, dell'aria che ci porta avanti, del calore che si riflette o della rugiada che incontra i piedi nudi. Tutto ciò in realtà è registrato e giace lì come ricordo in modo tale che sappiamo che il capitolo è chiuso: non è più così.

È così per chi è bambino oggi? Sotto i molti strati di varietà moderne dell’infanzia che esistono solo adesso, probabilmente lo è, almeno in una certa misura. Le estati della mia infanzia non sono trascorse né in gite in barca a vela, al Sud, né in spedizioni. Erano abbastanza quotidiani e venivano trascorsi a Dombås, Møre o Kongsvinger. Dove non c’era, per così dire, l’era moderna, ma uno sviluppo azzerato.

Momenti simili vengono ricreati a Tusas Memorie d'infanzia. Non sono le esperienze soggettive di crescita dell'individuo a mostrare interesse, ma piuttosto la crescita come fenomeno. In questo modo, anche il luogo (Dubrusja) e il tempo (adesso) vengono separati come componenti nella lettura delle immagini, così come lo sono fattori circostanti come le condizioni sociali o le infrastrutture. Verrà meno anche la distanza dei fotografi dall'area rappresentata come problematica, poiché la stragrande maggioranza di loro dovrà ammettere di essere stati bambini. Si guarderà allo specchio, non importa come lo guardi. Ciò si riflette anche nei bambini nelle immagini, che nella maggior parte dei casi si rivolgono apertamente al fotografo o al pubblico. Tali motivazioni possono essere vissute come conflittuali. Tra chi eri e chi sei. Oppure i raffigurati possono agire completamente assorbiti nel loro paesaggio, nel loro "gioco".

Un'infanzia consiste in una determinata interazione con altre persone. A volte puoi vivere libero da legami troppo stretti, altre volte sei presente e ricerchi attivamente nella tua comunicazione. Questi sono gli elementi che Tusa alterna in questa serie.

Ottengono scorci di esperienza di vita

Potrebbe essere utile vedere Memorie d'infanzia in relazione con Joseph Koudelkas Zingari# (1962-1971). Ci sono molte somiglianze tra le serie per quanto riguarda la concentrazione condensata che un cerchio di motivi limitato offre la possibilità.

Tra chi eri e chi sei.

Anche nei quadri di Koudelka il tempo si dissolve e l'uomo è abbandonato agli elementi della natura, come in un film di Kurosawa. È inconcepibile che ciò non accada Zingari è stato fonte di ispirazione per Tusa. Ma per quanto riguarda il contenuto c’è una differenza importante. A Koudelka viene mostrato un gruppo di persone e veniamo informati sulle loro condizioni di vita. Naturalmente questo è un modo semplificato per descrivere uno dei progetti fotografici più importanti degli anni Sessanta, ma è attraverso la semplificazione che i punti emergono più facilmente. IN Memorie d'infanzia gli elementi che circondano l'esterno umano sono così attenuati che rimane un nucleo che ruota attorno ai pochi scorci di esperienza di vita che ti portano avanti.

Iris Maris Tusa è una fotografa indipendente con sede a Bucarest, Romania. Ha avuto molte mostre. Vedere https://artistreets.altervista.org/iris-maris-tusa-childhood-memories/

Sverre Folstad
Sverre Følstad
Quasi registro d'arte I TEMPI MODERNI.

Articoli Correlati