Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Un Internet of Things (IoT), Internet of Bodies (IoB) e Internet of Minds (IoM)

Conversazioni alla velocità della luce. La costruzione del regno digitale dei morti.
Forfatter: Ole Sverre Olsen
Forlag: Paradigmeskifte forlag (Norge)
Zuckerberg presenta le visioni per il 21° secolo, bisogna prestare molta attenzione a qual è il contenuto concreto di ciò che presentano della tecnologia, ricercata nei laboratori della Silicon Valley.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

La tecnologia si sta sviluppando proprio alla velocità della luce. Nonostante l'eccezionale sviluppo tecnologico, il dibattito e il pensiero critico sono quasi completamente assenti nel dibattito politico e non nel dibattito sociale norvegese. È inquietante. Stiamo parlando di una comunicazione telepatica digitale molto avanzata tra umani e computer.
"Il futuro di Facebook è la telepatia", afferma il fondatore di Facebook Zuckerberg. La telepatia in oscure sedute spiritualistiche è una cosa, ma in questo contesto la telepatia è connessa concretamente con la neurotecnologia.

La società di Elon Musk, Neuralink, ha già lanciato questa tecnologia nel 2019, che consente la comunicazione digitale tra umani e PC, automobili e robot avanzati. In altre parole, il trasferimento del pensiero tra cervello e computer.

Una tecnocrazia tecnofascista

L'autore Ole Sverre Olsen visualizza e riflette su alcune delle questioni più rilevanti legate a questa tecnologia nel suo saggio Conversazioni alla velocità della luce. Olsen basa la sua discussione su una storia che risale molto indietro nella storia della civiltà nella cultura occidentale quando si tratta della visione della simbiosi tra uomo e macchina. Affronta i dilemmi morali ed etici, non ultimi quelli riguardanti l'integrità personale quando si tratta di essere implementata dalla tecnologia in un senso molto concreto. La nostra sostanza personale sarà in grado di dissolversi in punti di cristallo digitali in una visione horror di una tecnocrazia tecno-fascista che vuole creare un mondo completamente digitalizzato con sorveglianza totale e controllo commerciale in questa cultura consumistica neoliberista in cui ci troviamo piuttosto impotenti. è sinonimo di dominanza.

Olsen fa riferimento a quattro nuovi diritti umani: 1. Il diritto alla libertà cognitiva. 2. Il diritto alla privacy mentale. 3. Il diritto all'integrità mentale. 4. Il diritto alla continuità psicologica.

L'ultimo bastione

Lo storico Yuval Noah Harari, noto per diversi libri anche sulla rivoluzione cognitiva, mette in guardia contro quello che può essere definito lo sviluppo transumanista nel 21° secolo (YouTube: Will the Future Be Human).

I nostri figli e nipoti saranno esposti a una battaglia per l’ultimo bastione della speculazione commerciale e tecnocratica, per non dire dell’occupazione: il cervello umano. Le aziende commerciali ad alta tecnologia sono preparate. Sfortunatamente non lo siamo. La società Neurolink di Elon Musk sta già producendo recettori ipersensibili che possono essere impiantati nel cervello, o nanofili digitalizzati, che saranno in grado di captare gli impulsi nel cervello e ciò che chiamiamo coscienza con impulsi di eccitazione, desiderio, gioia e tristezza. La tecnologia sarà in grado di trasferire questa "elettronica del cervello" su un computer. Guru e profeta del transumanesimo è Ray Kurzweil, pioniere americano della tecnologia informatica.

Il transumanesimo è un’ideologia controversa che prevede lo sviluppo degli esseri umani come specie con l’aiuto della tecnologia, dell’intelligenza artificiale, della biotecnologia (e dei miracoli medici) e altro ancora. Kurzweil profetizza da tempo in modo ottimistico la fusione tra uomo e macchina. Musk sta attualmente sviluppando un'auto a guida autonoma che presto raggiungerà le autostrade entro questo decennio e che potrà essere avviata e controllata tramite comunicazione telepatica digitale. Ovviamente dipende se tu stesso sei disposto a impiantare questa tecnologia nel tuo cervello, o nei tuoi vasi sanguigni (nanofili), o sotto la pelle sul dorso della tua mano.

Un metodo più semplice consiste nell’iniettare nell’arteria carotide nanofibre, minuscole macchine o recettori digitali che seguono i vasi sanguigni e si depositano nella corteccia cerebrale. "Il flusso sanguigno è il sistema di trasporto perfetto per tutti i neuroni del cervello", scrive Musk, secondo Olsen. Collegati alla tecnologia di Musk potremo avere una comunicazione telepatica tra di noi. Chi ha realizzato i veri cyborg. Attraverso i sensori nel cervello gestiremo e controlleremo il nostro utilizzo dell'hardware e, in ultima analisi, anche quello delle altre persone, un pensiero che ci fa rabbrividire, ma che in realtà è stato implementato nella ricerca e sarà industrializzato e commercializzato nel 21° secolo. È necessario solo un minuscolo chip (che è stato fabbricato) prima che tu possa, tramite la forza/impulso del pensiero, far interagire la porta del garage, l'aspirapolvere e il tuo PC e soddisfare inizialmente le tue esigenze pratiche, ma perché no anche le tue fantasie emotive che è disponibile all'interno di una realtà virtuale molto avanzata. Ray Kurzweil ritiene che la tecnologia possa essere lanciata commercialmente già nel 2029.

Malato. Niels Bo Bojesen, vedi Www.Libex.Eu

Harari afferma nella sua conferenza sopra menzionata: "Siamo probabilmente una delle ultime generazioni di Homo Sapiens. Entro un secolo o due, la terra sarà dominata da creature più diverse da noi di quanto lo siamo noi dai Neanderthal o dagli scimpanzé. Perché nelle prossime generazioni impareremo a costruire corpi, cervelli e menti. Questi saranno i principali prodotti dell’economia del 21° secolo”.

La tecnologia si chiama BCI, Brain-Computer Interface, che collega la mente umana con il computer, il robot. Diventerà possibile un collegamento di persone a livello digitale di coscienza, scrive Olsen, e ci fonderemo in una nuova specie di persone che comunicano in una coscienza collettiva condivisa. Già agiamo e pensiamo in modo molto simile sui social network digitali (come Facebook) ai quali siamo collegati tramite algoritmi secondo esigenze più o meno simili (mimetiche). Le onde cerebrali possono essere misurate e analizzate tramite programmi e app per computer. Siamo disposti a condividere pensieri (impulsi elettrici) attraverso la telepatia digitale? Queste sono domande con le quali dobbiamo confrontarci, che lo vogliamo o no.

La tecnologia c'è e arriverà presto qua, presto, là presentata in un design elegante, e chissà se renderà la nostra vita quotidiana e il nostro lavoro molto, molto più semplice! La tecnologia richiede infrastrutture avanzate. Forse è proprio questo il caso della rete 5G, con una velocità elettronica inimmaginabile e un’enorme capacità digitale. L’informatica si sta sviluppando a un ritmo che nel corso del 2022 raddoppierà ogni 18 mesi, scrive Olsen, sempre secondo Ray Kurzweil. Come accennato, c’è poca preoccupazione (ma molte cospirazioni) riguardo alla telepatia digitale. Nel contesto norvegese, Olsen cita il libro di Einar Flydal e Else Nordhagen 5G and our wireless reality, high stakes with Health and the Environment (https://einarflydal.com/wp content/uploads/2019/09/Prøvepå5Gboka-s-1- 24.pdf .)

E Dag Hareide ha chiesto un dibattito pubblico approfondito su ciò che questa tecnologia può fare per l’umanità e per i tecnopoteri. La crisi dovuta al coronavirus ha agito da catalizzatore per uno sviluppo tecnologico al quale molti di noi non erano preparati, anche perché la tecnologia ha così tante dimensioni invisibili. Molte teorie del complotto sostengono che le élite al potere (Klaus Schwab e il World Economic Forum) stiano guadagnando terreno per la loro agenda tecnocratica e transumanista durante la crisi.

La tecnologia di sorveglianza avanzata, il regime vaccinale (la popolazione obbediente), la tecnologia di tracciamento e in generale le conseguenze di ciò che la tecnologia automatizzata digitalizzata può comportare sono aree sensibili e difficili da affrontare, e difficilmente riusciamo a vedere o cogliere la portata dell'importanza della tecnologia e cambiamenti (che possiamo influenzare, se vogliamo). L’ignoranza è nell’interesse delle società commerciali. Si può discutere di qualcosa di semplice come il diritto di essere umani. Anche Klaus Schwab e Musk, dobbiamo aggiungere, hanno dei dubbi, ma allo stesso tempo prevalgono sulla tecnologia come quarta rivoluzione industriale del capitalismo e sulla necessità della crescita economica.

Insieme a Thierry Malleret, Kurzweil ha pubblicato Covid-19: The Great Reset, in cui entrambi mettono in guardia contro la mancanza di quello che chiamano ordine globale. Olsen cita dal libro: "Non c'è tempo da perdere. Se non prepariamo il funzionamento e la legittimità delle nostre istituzioni globali, il mondo diventerà presto ingestibile e molto pericoloso. Non può esserci alcun miglioramento duraturo senza un quadro strategico globale per la governance” (p. 86 nell’edizione PDF). In altre parole, un governo mondiale, che amministrerà la quarta rivoluzione industriale.

Se l’uomo si fonde con Internet, otterremo un collegamento tra l’uomo, la potenza delle macchine e la rete mondiale (iCloud). Otterremo ciò che la filosofia di Internet prevede nell’espansione di Internet: Internet of Things (IoT), Internet of Bodies (IoB) e Internet of Minds (IoM).

Ole Sverre Olsen fornisce una visione decente e di facile lettura del crescente sviluppo high-tech che includerà tutte le attività umane nel prossimo futuro. Il saggio avrebbe potuto essere modificato in modo più accurato e le considerazioni esoteriche potrebbero essere saltate o riprese come un guadagno extra, a seconda dei casi. Il libro contiene generosi riferimenti a siti Web e canali YouTube per ulteriori approfondimenti.

Terje Dragseth
Terje Dragseth
Autore e regista.

Potrebbe piacerti anche