Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Un quadro piuttosto assurdo e frammentato del presente

Olena Myhashko
Olena Myhashko
Myhashko è l'editore di Gwaramedia.com, un sito web indipendente che scrive dei cambiamenti sociali in Ucraina, principalmente da Kharkiv e dintorni, ma anche dal resto del paese.
UCRAINA / Portiamo qui un saggio sulla fatica delle notizie dell'editore Olema Muhasko nella pubblicazione ucraina Gwara Media. C'è ancora spazio per storie che possono sfidare la propria visione del mondo? Ricordiamo quanto sia fragile una vita pacifica?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

È facile stancarsi ed esaurirsi quando notizie spaventose prendono il sopravvento nella vita di tutti i giorni. Mantenere tale attenzione nel tempo – e far fronte al suo fallimento – è un aspetto del tipo di fatica che la guerra porta con sé. Come possiamo come pubblico evitare un'attenzione così ridotta? Provo con questa personale narrativa ucraina:

"Non possiamo più accettare così tanti testi sull'Ucraina", ha affermato il nostro media partner all'estero. "I nostri lettori sono stanchi." Al momento della stesura di questo articolo, sono passati diversi mesi dall'invasione russa dell'Ucraina e la guerra è ancora in prima pagina in molti media di tutto il mondo. Ma altre questioni politiche e aspetti della vita meritano la nostra attenzione, come l'inversione di Roe v. Wade, la gestione cinese del covid-19 o altri eventi. Decine di immagini di atrocità russe e centinaia di notizie dall'Ucraina dominano con una sorta di fondale nella quotidianità di oggi per un pubblico abituato e stanco delle notizie.

Il feed delle notizie

Allo stesso tempo, i giornalisti stanno diventando sempre più desiderosi di trovare storie “sanguinose” e insopportabili che si sovrappongano ai resoconti di guerra esistenti. Alla fine di marzo lo scrittore, documentarista e produttore mediatico ucraino Alik Sardarian ha menzionato questa tendenza in un saggio per openDemocracy. Mentre la guerra continua, sempre più giornalisti chiedono di realizzare reportage di viaggi nei luoghi dell'Ucraina dove si svolge qualche azione [hotspot, ndr], anche se questo rappresenta un rischio enorme per gli organizzatori ucraini: "Leopoli non gli basta più », afferma Sardarian. I giornalisti lo fanno perché i lettori sono stufi delle solite vecchie immagini di baraccopoli fatiscenti, di famiglie nelle stazioni ferroviarie o altre scene con rifugiati – francamente: "porno della povertà".

Ma le persone non possono semplicemente mettere in sospeso la propria vita, come sono costretti a fare gli ucraini. Piccole battaglie politiche, eventi sportivi e persino ricette di torte compaiono nelle vostre notizie insieme alla guerra in Ucraina, e insieme questo crea un'immagine piuttosto assurda e frammentata dei nostri tempi. Purtroppo la stanchezza del pubblico è naturale e inevitabile.

È impossibile per noi percepire, accogliere e simpatizzare con tutti i tipi di perdita con la stessa forza per diversi mesi consecutivi.

Quello che per qualcuno può essere un momento unico in un disastro, per altri può essere percepito come l'ennesima triste storia trasmessa in TV. Questa stanchezza è l’aspetto inespresso della guerra che incontro non solo nelle conversazioni con i colleghi stranieri, ma anche tra i cittadini ucraini nel Paese. È impossibile per noi percepire, accogliere e simpatizzare con tutti i tipi di perdita con la stessa forza per diversi mesi consecutivi.

Ma perché il mercato dei media deve essere così volubile? C'è ancora spazio per storie che possano sfidare la propria visione del mondo? Credo di si. Penso anche che queste storie possano fare a meno di immagini cupe.

Sembrava surreale

Ricordo bene il 21 marzo. Erano trascorse tre settimane dall'invasione. La popolazione della capitale ucraina ha continuato a vivere sotto bombardamenti limitati ma costanti, ma non è successo nulla di significativo.

Ero sdraiato sul pavimento del mio vecchio appartamento a Kiev e ascoltavo un podcast del Guardian. L'appartamento non è stato ristrutturato. Il corridoio in stile sovietico con lampadari e lampade dei primi anni '1960 era stato temporaneamente utilizzato come camera da letto. L'episodio del podcast riguardava le elezioni di medio termine negli Stati Uniti e come le elezioni sarebbero state influenzate dalla guerra in Ucraina.

Nel podcast un ex politico si chiedeva se la richiesta di armi degli ucraini sarebbe stata ripugnante per la sinistra politica statunitense. Nel podcast si è discusso anche delle reazioni delle persone all'aumento dei prezzi del gas, della prospettiva dell'inflazione mondiale e di alcune altre questioni.

Ostacoli che dovrebbero fermare i carri armati nelle zone residenziali. Foto: Myhashko

Ho avuto un’illuminazione improvvisa, la forte sensazione che tutto il mio essere fosse – in modo del tutto involontario – modellato dal panorama geopolitico. Ero come il personaggio di un normale documentario: eccomi qui, il figlio bilingue dei miei genitori di origine sovietica e di lingua russa, che mi nascondevo dai razzi russi nel corridoio, ascoltando Politics Weekly America mentre fissavo la perdita sovietica nel crepuscolo. .

Il conduttore e l'ospite del podcast parlavano di termini e cose che erano per lo più concetti, che non avevano proprietà fisiche: nelle mie cuffie potevo ancora sentire le esplosioni reali e ricorrenti all'esterno che soffocavano le loro battute mentre cercavo di dormire. Le loro voci sembravano così distanti, il loro stile di cronaca così pacato e superficiale che mi ha fatto pensare: uno dei nostri paesi semplicemente non è reale. "Vivono nella realtà?" mi sono chiesto. “E se sì, dove sono? Come si chiama questo posto dove i prezzi della benzina, i vestiti, i beni e le comodità non contano?"

Queste due dimensioni – una zona di guerra e una zona di pace – per un momento si sono avvicinate così tanto l’una all’altra che all’improvviso sono sembrate entrambe surreali.

Penso che giornate come quelle definiscano una sorta di confine, dove perdi ciò che può farti esprimere pienamente verso chi non ha vissuto il tuo stesso momento.

Ansie casuali

Qualche mese fa ho studiato storia del teatro e scrittura creativa e sono riuscito a trovare cose che non hanno uno scopo pratico ma sono tangibili e reali. Il 21 marzo ho scoperto che tutto ciò che avevo letto e imparato aveva perso il suo fascino. Nessuno di loro – da Jean Baudrillard ai vincitori del Pulitzer – poteva dire qualcosa sulla mia realtà. Non hanno nulla da contribuire; non si adattano.

Allo stesso tempo, ho scoperto una serie di ansie profondamente radicate e quasi casuali che sono emerse e hanno piantato invisibilmente paura e terrore nella mia vita quotidiana.

Ho paura di non riprendermi da tutto l'odio.

Eccone l'elenco:

Temo che il mondo intero ci dimenticherà, mentre resteremo isolati in un conflitto di lunga durata.

Temo di non riuscire a mantenere amicizie con persone che non sono state esposte alla guerra.

Ho paura che ogni bicchiere di vino che verrà brindato in futuro sembrerà “una festa durante la peste”.

Ho paura che qualsiasi vestito che non sia cucito per necessità, ma solo per avere un bell'aspetto, non mi andrà mai più.

Ho paura che ogni guerra – ovunque scoppierà – sarà in qualche modo “la mia guerra”.

Ho paura di non riprendermi da tutto l'odio.

Ho paura che la guerra abbia messo la persona che sono in modalità pausa.

È importante capire – senza immagini di accompagnamento – che questa è solo una breve visita a uno stato che molte persone, soprattutto quelle che sono state violentate, derubate o gravemente ferite, hanno acquisito nel corso di anni o decenni. Per molti, qualsiasi ritorno a una cosiddetta esistenza normale con consigli sullo stile di vita sarà impossibile.

Sembra che al popolo ucraino sia stato tolto qualcosa di essenziale, ovvero l’idea fondamentale che il mondo possa essere un luogo sicuro.

La durata inaccettabile

Mentre le lesioni fisiche sono facili da individuare e testimoniano gli orrori e le atrocità della guerra, il trauma e l’ansia che le persone portano con sé sono, forse meno visibili, ma più duraturi.

Contrariamente alla natura dei media e alla loro economia dell’attenzione, la guerra tende a rivelare nel tempo il suo volto più spaventoso e le sue maggiori conseguenze. Ed è la durata inaccettabile che conta, più del fatto scioccante che sia successo in primo luogo.

Milioni di persone rischiano che i loro traumi vengano messi a tacere e normalizzati.

Milioni di persone rischiano che i loro traumi vengano messi a tacere e normalizzati, nonostante l’ampia attenzione dei media durante le primissime settimane di guerra. Naturalmente ora vengono prodotte molte immagini che vengono viste, insieme a fatti, storie e statistiche. Ma cosa possono realmente mostrarci? Possono rivelare la stanchezza delle persone riguardo alle notizie? Rischiamo di sostenere la tendenza a nascondere la testa sotto la sabbia perché non è la tua guerra?

A differenza dei media e delle redazioni locali che lottano per sopravvivere, le più grandi organizzazioni mediatiche hanno le risorse e il potere per adattarsi e possono anche rendere più complessa la visione del mondo dei lettori. Nonostante le regole dell’economia dell’attenzione, che appare come il potere dei media, le grandi case mediatiche dovrebbero essere in grado di trovare modi per ricordarci quanto sia fragile una vita pacifica: questa è la realtà di quelli come noi, con i quali dovremmo avere una certa empatia. Non devi necessariamente regalare tutto ciò che hai alle persone svantaggiate, ma la tua visione del mondo moderno non dovrebbe essere ingenua.

Dopotutto, l’industria dei media e i suoi proprietari dovrebbero ricordare che la loro missione principale come canale di notizie pubbliche è informare per coinvolgere e ampliare le nostre prospettive, non alienare. Perché questo è importante? Perché la tendenza a dimenticare qualcosa che non è più virale e cattura la nostra attenzione è uno dei motivi per cui le guerre vengono accettate.

©Eurozine/Gwaramedia


Olena Myhashko

Myhashko è l'editore di gwaramedia.com, un sito web indipendente che scrive dei cambiamenti sociali in Ucraina, principalmente da Kharkiv e dintorni, ma anche dal resto del paese. Durante i primi giorni della guerra, Gwara Media sviluppò un bot di controllo dei fatti, Perevirka, che le persone potevano utilizzare per verificare le notizie. Secondo il manifesto di Gwara, si preoccupano di riportare la realtà, diffondere notizie locali e vogliono “ripristinare la giustizia”. Producono articoli, brevi filmati video e altri contenuti digitali.

 

 

- proprio annuncio -

Ultimi commenti:

Articoli Recenti

Un accordo di pace ideale che metta fine alla guerra una volta per tutte

FRED: Trecento anni dopo la nascita di Immanuel Kant, gli argomenti del filosofo prussiano a favore di un pacifismo razionale e lungimirante sono più attuali che mai. L’Europa è recentemente diventata un luogo in cui l’opposizione tra bene e male viene regolarmente invocata per giustificare una brutalità irresponsabile e dove i tamburi di guerra suonano sempre più forte. Kant è conosciuto come l'autore di uno dei saggi contro la guerra più famosi della storia della filosofia: La pace eterna. Il cosmopolitismo di Kant si fonda sul possesso originario e comune della terra da parte dell'uomo e implica il riconoscimento del “diritto” a visitare tutti i luoghi senza essere trattati con ostilità.

Dov’è la certezza giuridica?

COMMENTO: Dall'11 febbraio 2023 Ilaria Salis è detenuta a Budapest per il tentato omicidio di due militanti neonazisti. Si dichiara non colpevole. L'accusa ha chiesto 11 anni di reclusione, 24 anni se non confessa. E l'Ungheria?

Il linguaggio della donna maledetta

SESSISMO: Quando morì di cancro l'anno scorso, all'età di 51 anni, Michela Murgia era diventata un'icona femminista in Italia. Come scrittrice e drammaturga, ha vinto premi di alto profilo negli anni 00 prima di iniziare a vedere la scrittura come uno strumento di attivismo. Come giornalista e femminista, ha veramente compreso il potere della simbiosi tra suono e scrittura. Le parole contano, possono dividere e possono contagiare.

"La nostra cultura è costituita da pezzi di pietra rotti, ma la luce del sole del presente cade costantemente su di essi, e in ciò risiede la speranza."

POESIA: TEMPI MODERNI presenta qui il filippino Cirilo F. Bautista. È un internazionalista, influenzato dall'alto modernismo europeo e americano. Per Bautista, non c’è altro modo per comprendere la politica filippina contemporanea se non raccontandone la storia.

Politica estera femminista – teoria e pratica

FEMMINISMO: In Why the Future of Foreign Policy is Feminist, Kristina Lunz cerca di dare un contenuto concreto alla politica estera femminista. Svezia, Canada, Germania, Francia e Messico hanno introdotto le proprie politiche estere femministe. Ma non esiste un legame automatico tra l’aumento della rappresentanza femminile e il miglioramento delle condizioni delle donne in generale.

Un patrimonio di conoscenza spudorato

RIVISTA: Le riviste in quanto parte del pubblico letterario rischiano di essere cancellate? La critica indagatrice, quella che osa essere letteratura indipendente, osa essere autoreferenziale, introspettiva e autoimplicativa.

Dag Hammarskjöld era gay?

FILM: L'umorismo, il dramma, il calore, l'azionismo, la rabbia, l'ironia, gli incontri con la stampa e i giovani di Hammarskjöld, le sue riflessioni spirituali e piene di sentimento formano possibilità infinitamente ricche e affascinanti che il regista Per Fly tocca solo eccezionalmente in questo nuovo film.

Postcoloniale e critico nei confronti del potere

VINCITORE DEL PREMIO HOLBERG: I libri di Achille Mbembe ruotano tutti attorno al modo in cui le persone negli stati postcoloniali vengono tenute a freno ed emarginate. Ma anche di come la democrazia oggi non funzioni perché minacce, violenze e omicidi tengono le persone lontane dalla sfera pubblica, dai dibattiti, dal poter dire quello che si pensa per paura di perdere il lavoro, di essere messi in prigione o uccisi.

Ne ero completamente fuori

Tema: L'autore Hanne Ramsdal racconta qui cosa significa essere messi fuori combattimento e tornare di nuovo. Una commozione cerebrale provoca, tra le altre cose, che il cervello non è in grado di sopprimere impressioni ed emozioni.

Quando vuoi disciplinare silenziosamente la ricerca

PRIORITÀ: Molti di coloro che sollevano domande sulla legittimità delle guerre americane sembrano essere stati spinti fuori dalla ricerca e dalle istituzioni dei media. Un esempio qui è l'Institute for Peace Research (PRIO), che ha avuto ricercatori che storicamente sono stati critici nei confronti di qualsiasi guerra di aggressione, che è improbabile che appartenessero agli amici intimi delle armi nucleari.

La Spagna è uno stato terrorista?

SPAGNA: Il Paese riceve aspre critiche a livello internazionale per l'uso estensivo della tortura da parte della polizia e della Guardia Civile, che non viene mai perseguita. I ribelli del regime vengono incarcerati per sciocchezze. Le accuse e le obiezioni europee vengono ignorate.

C'è qualche motivo per tifare per il vaccino corona?

COVID19: Dal lato pubblico, non viene espresso alcun reale scetticismo sul vaccino corona: la vaccinazione è raccomandata e le persone sono positive sul vaccino. Ma l'adozione del vaccino si basa su una decisione informata o su una cieca speranza per una normale vita quotidiana?

I comandanti militari volevano spazzare via l'Unione Sovietica e la Cina, ma Kennedy si oppose

Militare: Consideriamo il pensiero militare strategico americano (SAC) dal 1950 ad oggi. La guerra economica sarà integrata da una guerra biologica?

Nostalgia

Bjørnboe: In questo saggio, la figlia maggiore di Jens Bjørneboe riflette su un lato psicologico meno noto di suo padre.

Arrestato e messo in isolamento per il blocco Y

BLOCCO Y: Cinque manifestanti sono stati portati via ieri, tra cui Ellen de Vibe, ex direttrice dell'agenzia di pianificazione e costruzione di Oslo. Allo stesso tempo, l'interno Y è finito in container.

Un ragazzo del coro perdonato, purificato e unto

Le pinze: L'industria finanziaria prende il controllo del pubblico norvegese.

Il nuovo film di Michael Moore: Critical to alternative energy

AmbientePer molti, le soluzioni di energia verde sono solo un nuovo modo per fare soldi, afferma il direttore Jeff Gibbs.

La pandemia creerà un nuovo ordine mondiale

Mike Davis: Secondo l'attivista e storico Mike Davis, ci sono fino a 400 tipi di coronavirus nei bacini selvatici, come tra i pipistrelli, che aspettano solo di infettare altri animali e persone.

Lo sciamano e l'ingegnere norvegese

COMUNITÀ: L'attesa di un paradiso libero dal progresso moderno si è trasformata nella storia del contrario, ma soprattutto Newtopia parla di due uomini molto diversi che si sostengono e si aiutano a vicenda quando la vita è più brutale.

Esposizione senza pelle

Anoressia: spudorata Lene Marie Fossen usa il proprio corpo tormentato come una tela per il dolore, il dolore e il desiderio nella sua serie di autoritratti – rilevanti sia nel film documentario Auto ritratto e nella mostra Gatekeeper.