Teatro della crudeltà

Esperienze con la NATO – 20 anni dopo

IL PARERE CONTRO LA NATO / Mentre i ministri degli esteri della NATO sono riuniti a Washington per brindare all'eccellenza dell'alleanza, l'opinione pubblica contraria alla NATO si rafforza negli Stati membri.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

In Danimarca è stato recentemente pubblicato un opuscolo, "NATO – posizione e documentazione", che contiene una serie di importanti articoli, informazioni e citazioni. Uno degli articoli è scritto da Preben Wilhjelm e affronta le esperienze con la NATO, sia in termini di distensione che di rapporto con il Terzo Mondo. Segue qui in un'edizione abbreviata e rivista. (ORIENTERING 12 APRILE 1969)

Dopo vent'anni di appartenenza alla NATO, ci sono in particolare due esperienze che sono importanti al momento di decidere sulla futura politica di sicurezza, e che sono altrimenti comuni ai due blocchi militari:

1) Qualunque sia lo scopo dei blocchi, sono molto più strumenti per assicurare il predominio delle superpotenze sui loro alleati minori, che strumenti di sicurezza comune nei confronti dell'altra parte.

2) Dopotutto, la de-escalation che abbiamo sperimentato in Europa negli ultimi dieci anni non è avvenuta a causa, ma nonostante i blocchi. La minaccia alla democratizzazione della Cecoslovacchia non proveniva dall'Occidente, ma dai partner dell'alleanza del paese. La minaccia alle forze democratiche in Spagna e Portogallo non viene dall'Est, ma dai leader militari di questi paesi e dai loro alleati. La minaccia alla democrazia greca non viene dall’est, ma dalle forze reazionarie interne, sostenute dagli alleati della Grecia. La minaccia alle forze democratiche in Francia non viene dall’Est, ma dall’esercito stesso del paese e, in una determinata situazione, anche dall’aiuto della NATO richiesto da de Gaulle l’anno scorso, se le sue stesse truppe non fossero in grado di mantenere bassa la popolazione.

Indipendenza perduta

Qualsiasi discussione sulla NATO tende a concludersi con affermazioni contro affermazioni. Ciò che sarebbe accaduto al nostro Paese senza la NATO è destinato a rimanere un’ipotesi. Ciò che possiamo constatare con certezza, tuttavia, è che abbiamo perso parte della nostra indipendenza a causa dell’adesione. Qui stiamo pensando non solo alle restrizioni che compaiono negli accordi scritti, ma alla sottomissione al non trattato che ha portato a chiare differenze ad es. Politica estera svedese e danese. Si potrebbe dire che questo è il prezzo per aver preservato gran parte della nostra indipendenza, ma poi finiamo subito per indovinare. Tuttavia, se guardiamo alle esperienze concrete di vent'anni, possiamo forse comprendere più facilmente qualcosa della vera natura della NATO. In questi anni i vari Stati membri della NATO sono stati coinvolti militarmente con uomini e materiali in un'ampia gamma di conflitti. Senza ricorrere a libri di consultazione, si possono citare a colpo d'occhio: Indonesia, Iran, Corea, Guatemala, Kenya, Indocina, Cipro, Algeria, Libano, Giordania, Egitto, Cuba, Aden, Congo, Laos, Angola, Guinea, Mozambico . Repubblica Dominicana, Vietnam, ecc. In ognuno di questi casi si tratta o di una guerra per i propri interessi coloniali o di sostegno a regimi reazionari e golpisti che si oppongono ai movimenti popolari di riforma sociale. E ciò che è ancora più rivelatore: non c’è un solo esempio di intervento della NATO che abbia portato benefici alle forze democratiche! Certamente non può essere dovuto alla mancanza di opportunità, non solo in Grecia, Rhodesia e Sud Africa, ma anche nella maggior parte dei paesi sopra menzionati.

I sostenitori della NATO sosterranno di no è stata la NATO in quanto tale ad essere coinvolta in tutte queste ostilità. Ma se si pensa così, è come chiudere gli occhi sull'amara realtà le prove inequivocabili del coinvolgimento degli Stati membri non dicono nulla al riguardo la natura dell'alleanza. Per inciso, il nostro governo lo ha fatto in quasi tutti i casi rimase in solidarietà morale con gli Alleati fino all’undicesima ora – per poi, come al solito, cerco di spiegare le azioni dei partner dell'alleanza come pure tragico errore. Ma parlare non può avere molto a che fare con l’analisi sugli errori tragici quando si verificano in dozzine di casi e dopo stesso modello.

I crimini di guerra commessi in Vietnam negli ultimi anni hanno reso sempre più persone consapevoli di questo modello, e si è quindi cominciato a parlare di una nuova NATO, una sorta di NATO come strumento di allentamento della tensione. Ma come sono state le esperienze in questo ambito negli ultimi anni?

Riarmo

Il primo Il periodo fu caratterizzato dalla pressione tedesco-americana in direzione della Germania occidentale riarmo e ammissione alla NATO. Il riarmo iniziò nel 1952 e la pressione per l’adesione alla NATO era costante più forte. Si può riscontrare la paura dell’Europa orientale di una Germania militarmente forte comprensibile o no, ma è una realtà che li ha sempre colpiti politiche dei paesi. Negli anni di cui stiamo parlando, l’Unione Sovietica si è estesa molto lontano per evitare che il riarmo della Germania occidentale acceleri attraverso l’adesione alla NATO.

Si raggiunse una situazione decisiva commissione per il disarmo a Ginevra nel 1955. Le potenze occidentali per prime proposero la loro "sei principi" respinti dall'Unione Sovietica, ma che i paesi occidentali propongono incontro dopo incontro. Il 10 maggio 1955 avvenne in modo abbastanza sorprendente che il La delegazione sovietica si presentò con un piano in otto punti, come nella realtà era una copia dei principi occidentali. Non in qualsiasi momento, non prima o in seguito si è arrivati ​​molto vicini ad accordi sul disarmo equilibrato e controllato.

Quelli occidentali le delegazioni hanno immediatamente chiesto l'interruzione dei negoziati. Per quattro mesi respinta tutti i russi tentano di ottenere una discussione sulle proposte. Il primo a settembre si tenne di nuovo un incontro, e qui le proposte sovietiche furono respinte, dopodiché esse Anche i paesi occidentali hanno dichiarato che i loro “sei principi” non sono più validi con la forza.

La situazione del maggio 1955, che è stata chiamata "il momento della speranza", è stata senza dubbio della massima importanza per lo sviluppo successivo. Nel contesto immediato seguì l'ammissione della Germania Ovest alla NATO (senza che Danimarca e Norvegia esercitassero il loro diritto di veto), e poi la creazione del Patto di Varsavia. Gli anni successivi offrirono tuttavia diversi passi sovietici nella direzione di un disarmo equilibrato e controllato (vedi qui: "La corsa agli armamenti", scritto dall'esperto inglese di disarmo Philip Noel-Baker, che si trovava nell'ala destra del partito laburista). Sono stati tutti respinti dalle potenze occidentali, così come iniziative come il Piano Rapacki e il Piano Gomulka.

Equilibrio di potere

In tutti gli anni la nostra politica di sicurezza ha costruito sul dogma secondo cui tutti i downgrade devono essere bilanciati. Esso La mistificazione chiamata “equilibrio dei poteri” è diventata un cuscino addormentato che ci ha esentati governo a fare qualsiasi cosa. Ma quando nasce il famoso “equilibrio dei poteri” esisteva? Se fosse stato istituito con la NATO nel 1949, probabilmente sarebbe dovuto andare in malora quando i sovietici ottennero la bomba all'idrogeno? Se esistesse nel 1955, allora non può esistere esisteva immutato quando l’Unione Sovietica ottenne i missili intercontinentali? La cosa è ovviamente non c'è mai stato alcun delicato equilibrio che lo abbia fatto rischioso fare anche il più piccolo passo.

Da allora Nel 1952, una commissione si sedette alle dipendenze delle Nazioni Unite e negoziò un approccio equilibrato e sostenibile disarmo controllato. Qui sono in realtà i blocchi che negoziano, e la cosa più sorprendente della de-escalation che ha effettivamente avuto luogo è che non è in alcun modo il risultato di tali negoziati. Le Scritture lo hanno sono stati unilaterali e ogni volta sono stati accolti con sfiducia e riluttanza la superpotenza in questione. L’Unione Sovietica era più che scettica nei confronti di quella polacca indipendenza che si è espressa attraverso iniziative come Rapacki e Il piano Gomulka. Né avanzarono, come fecero i paesi occidentali sbrigativo. Successivamente le cose andarono un po’ meglio quando la Romania allentò un po’ la presa, e La Francia ha intrapreso una manovra simile nei confronti della NATO. L'Unione Sovietica e gli Stati Uniti divennero molto ansioso, ma si scopre che ai paesi piccoli non piace essere guidati serrare in un blocco se si notano segni di allentamento nell'altro. Questo fa sì che i passi unilaterali non siano in realtà unilaterali, ma che essi verrà risposto rapidamente. È andato tutto troppo lentamente, ma l'essenziale in questo Il collegamento è che è proprio questo meccanismo di rilassamento ad avere effettivamente effetto ha funzionato mentre per 16 anni si è tentato di utilizzare i blocchi come strumenti di rilassamento senza un unico risultato.

Naturalmente il metodo a gradini unilaterali ha anche il suo limite. La Cecoslovacchia ha provato ad usarlo e si è detto fermare. Ma è una logica contorta che fa sì che alcune persone la usino Il destino della Cecoslovacchia nella discussione per la continuazione dell'adesione alla NATO: Det I cecoslovacchi si sforzarono di diventare più indipendenti rapporto con la superpotenza dominante. Quando i politici danesi esprimono simpatia per questi sforzi, ma allo stesso tempo chiarisce che non sono disposti a farlo intervenire per sciogliere il secondo blocco, non solo è illogico, ma a presa in giro diretta dei cecoslovacchi.

Politica di blocco

Lo sviluppo all'interno di ciascuno dei due i blocchi sono fortemente influenzati da ciò che accade nell'altro blocco. Risoluzione un posto porterà inevitabilmente alla dissoluzione dell'altro. Questo processo è appena iniziata, ma siamo noi, i piccoli paesi del blocco occidentale, a farlo stato molto moderato.

I paesi più piccoli hanno un interesse comune a rompere i blocchi. Ciò che dovremmo quindi fare qui, alla fine del ventennio della NATO, sarebbe usare tutta la nostra energia politica e la nostra immaginazione per trovare soluzioni alternative invece di continuare a contribuire alla politica del blocco. La base per tali indagini deve essere un chiaro riconoscimento del fatto che piccoli paesi come la Danimarca e la Norvegia non possono essere difesi militarmente senza la distruzione totale, e che la nostra sicurezza risiede quindi più nella distensione che nel riarmo. Dovrebbero essere esaminate tutte le opzioni pertinenti, comprese le possibilità per una federazione di neutralità nordica, la partecipazione a una zona neutrale che includa paesi più piccoli dell’est e dell’ovest e una neutralità isolata. I Venstresocialistene (VS) avanzarono una proposta di questo tipo per uno studio delle alternative durante il dibattito sugli affari esteri nell'autunno del 20, ma fu respinta. Il ministro degli Affari esteri ha dichiarato poco dopo nel Consiglio dei ministri della NATO che non esiste alternativa alla NATO. Ma come puoi saperlo con certezza quando respingi tutte le proposte di indagine?

Leggi anche: La nostra cara NATO

Potrebbe piacerti anche