Il movimento operaio del nostro tempo

Perché stiamo ancora parlando del movimento operaio nella Norvegia di oggi?

(Tradotto da Norwegian di Google Gtranslate)

Non molto tempo fa abbiamo festeggiato il 1 ° maggio con tutto ciò che comporta. Appelli, treni e una buona festa da ascoltare e da ascoltare. Un momento clou regolare a Oslo oggi per i giovani di sinistra è l'evento L'evento Red on the Blue, organizzato da Alleanza di sinistra. A questa festa, a un certo punto ho avuto una conversazione con una persona che ha chiesto retoricamente se questa è davvero una festa per movimento operaio. Ma cos'è il movimento operaio oggi, ed è ancora così importante?

Il movimento operaio norvegese. Quando Norwegian People's Aid fu fondato nel 1939, si basava sul Comitato Spagnolo e sull'Igiene dei Lavoratori. Il movimento operaio era probabilmente un po 'più facile da definire a quel tempo: la classe media norvegese era notevolmente più piccola, mentre la classe operaia era corrispondentemente più grande. Diversi norvegesi all'epoca avevano problemi a far quadrare i conti, allo stesso tempo una percentuale significativamente maggiore della popolazione impegnata nel lavoro fisico. Il lavoratore fisico è per molti un forte simbolo della differenza tra un proprietario di capitale e un lavoratore puro. Questa differenza non è così chiara oggi: molti guadagnano di più e il lavoro non fisico è più diffuso.

Un punto importante è che lo sviluppo dal 1939 ad oggi non è universale e che la classe operaia a livello globale non ha seguito lo stesso percorso del norvegese. Lo sviluppo norvegese è in parte dovuto al fatto che lo stato ha preso il controllo delle scoperte petrolifere e, inoltre, ha avuto un ruolo l'ampia quota femminile nel mercato del lavoro.

Lo sviluppo di una grande classe media potrebbe aver reso il movimento operaio meno visibile. Tradizionalmente, la classe media è stata posta al di sopra della classe operaia puramente socio-
economicamente, quindi quando la maggioranza della popolazione norvegese appartiene alla classe media, il ruolo del movimento operaio diventa meno chiaro. Di conseguenza, il movimento operaio sembra essere meno radicale di prima; le azioni del movimento sono state coinvolte nel trascinare la vita lavorativa nella direzione dei lavoratori. Pertanto, la necessità di un vero radicalismo può sembrare meno necessaria. Oggi, a quanto pare, si parla molto meno di ideologia di prima, semplicemente perché la stragrande maggioranza dei lavoratori nella Norvegia di oggi sbarca il bilancio. Perché parlare di sfruttamento e forza lavoro se noi, i lavoratori in Norvegia, stiamo davvero bene così com'è?

- annuncio pubblicitario -

Opzioni. Sia in Norvegia che in generale, tuttavia, le disuguaglianze sono in aumento. Poche risorse vengono distribuite in poche mani, mentre altre ricevono sempre meno reddito disponibile. Uno degli strumenti più importanti per aumentare le differenze è la capacità di organizzare. Ciò protegge la società dal fatto che l'influenza politica dipende dallo status e dal capitale e contribuisce invece a buoni processi democratici. Per il lavoratore, questa è una sicurezza inestimabile.

A livello internazionale, conosciamo bene i lavoratori sottopagati e sfruttati, ad esempio su alcuni vigneti sudafricani. Norwegian People's Aid collabora con alcuni dei lavoratori che hanno conosciuto questi problemi sul corpo. Proprio come noi, anche questi lavoratori dipendono da qualcuno che paghi abbastanza per il loro lavoro. Non hanno diritti come lavoratori e sono quindi in una posizione in cui coloro che sono più in alto nel sistema rispetto a coloro che detengono tutto il potere. L'intero lavoro si basa sui locali del datore di lavoro.

Affinché gran parte del lavoro che si svolge si svolga alle condizioni del lavoratore, dobbiamo organizzarci. Il movimento operaio è e sarà internazionale e sarà fondamentale per le donne e gli uomini nelle strade finché seguiremo l'attuale sistema economico. Il movimento operaio è importante come lo è sempre stato, ma l'espressione del movimento cambierà di pari passo con la vita lavorativa.

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Un cluster agricolo – un complesso industriale all'avanguardia

PAZZO: Il problema è l'accesso al cibo. Tutti devono mangiare per vivere. Se vogliamo mangiare, dobbiamo comprare. Per acquistare dobbiamo lavorare. Mangiamo, digeriamo e cagiamo.

La dittatura della virtù

CINA: Il Partito comunista cinese si vanta oggi di essere in grado di riconoscere uno qualsiasi degli 1.4 miliardi di cittadini del paese in pochi secondi. L'Europa deve trovare alternative alla crescente polarizzazione tra Cina e Stati Uniti – tra una dittatura che monitora lo stato e la spietata autoespressione dell'individualismo liberale. Forse una sorta di ordine sociale anarchico?

La protesta può costarti la vita

HONDURAS: La pericolosa ricerca della verità dietro l'assassinio dell'attivista ambientale Berta Cáceres di Nina Lakhani finisce in più domande che risposte.

Il legante culturale

ROMANZO: DeLillo mette in scena una sorta di stato generale, paranoico, un sospetto che ha portata globale.

Distruzione creativa

SPAZZATURA: La Norvegia non è attrezzata per lo smistamento dei tessuti. Anche se selezioniamo la spazzatura, non siamo neanche lontanamente vicini a luoghi in Giappone che possono riciclare in 34 categorie diverse. L'obiettivo è che i comuni non siano lasciati con rifiuti e senza camion della spazzatura!

La società di controllo e gli indisciplinati

MAMME TARDIVE: Le persone oggi stanno acquisendo sempre più controllo su ciò che li circonda, ma stanno perdendo il contatto con il mondo. Dov'è il limite per misurazioni, garanzie di qualità, quantificazioni e routine burocratiche?