Teatro della crudeltà

REACH è abbastanza buono?

Il Parlamento dell'UE ha accettato REACH, la nuova legislazione europea sulle sostanze chimiche, ma la maggior parte delle organizzazioni ambientaliste coinvolte temono che REACH protegga troppo la nostra salute e l'ambiente in Europa.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

C'era grande fermento in vista della riunione in Parlamento del 17 novembre. Entro due ore, 600 membri del parlamento avrebbero dovuto votare su poco più di 1.000 diversi emendamenti alla proposta avanzata dalla Commissione europea.

Interessi commerciali ben organizzati hanno condotto per diversi anni una campagna mirata per indebolire il più possibile REACH, e la proposta alla Commissione europea era quindi molto più debole della proposta originariamente proposta.

La decisione del Parlamento Ue indebolisce la proposta della Commissione su punti importanti, ma su altri punti ci sono una serie di vittorie ambientali.

Peggio della Commissione

La maggioranza parlamentare ha ridotto il numero di test per le sostanze chimiche prodotte o importate in quantità da 10 a 100 tonnellate all'anno. E per le sostanze chimiche in quantità comprese tra una e 10 tonnellate, gli utenti – ei consumatori – ricevono molte meno informazioni rispetto a quanto proposto dalla Commissione europea.

Questi indebolimenti sono stati adottati perché i socialdemocratici erano d'accordo con il diritto (i conservatori nel PPE e i liberali nell'ALDE) di risparmiare le spese dell'industria chimica.

Ci sono oltre 17.000 sostanze chimiche che vengono immesse sul mercato in quantità comprese tra una e 10 tonnellate all'anno. La decisione in Parlamento significa che produttori e importatori non devono controllare i rischi per la salute e l'ambiente del 90 per cento di queste sostanze chimiche.

Alimenti e mangimi sono esenti

L'industria alimentare è riuscita a escludere gli alimenti e i mangimi dal REACH e per questo ha ricevuto il sostegno della Commissione Europea. La logica era duplice. REACH avrebbe imposto costi elevati all'industria, invocando allo stesso tempo il fatto che esistono già norme speciali per il controllo di alimenti e mangimi.

Inoltre, l’industria alimentare temeva come avrebbero reagito i consumatori se gli alimenti e i prodotti chimici fossero rientrati nella stessa legislazione. Si potrebbe obiettare che è proprio così quando sempre più sostanze chimiche finiscono nei nostri alimenti sotto forma di additivi artificiali. Ma il confezionamento e l'imballaggio rientrano ancora nel campo di applicazione di REACH, secondo la maggioranza del Parlamento europeo.

Meglio della Commissione

Un numero sufficiente di socialdemocratici ha fatto sì che il Parlamento migliorasse la proposta della Commissione su due punti.

Le norme per l'approvazione di sostanze particolarmente pericolose sono diventate più severe di quanto proposto dalla Commissione. I gruppi più importanti sono le sostanze chimiche che provocano il cancro, le sostanze chimiche che alterano gli ormoni, le sostanze chimiche che danneggiano il materiale genetico o la capacità di avere figli sani e le sostanze chimiche che non si degradano in natura, ma che si accumulano in concentrazioni sempre maggiori lungo la catena alimentare .

Una progettazione più rigorosa ha inoltre stabilito le regole secondo cui devono essere utilizzate sostanze sostitutive se rappresentano un'alternativa a sostanze più pericolose.

REACH salvato per un voto

La maggioranza è rimasta fedele a quello che era un principio fondamentale di REACH: l’onere della prova spetta ora ai produttori e agli importatori di sostanze chimiche. Sono loro che devono garantire che le merci non siano pericolose per la salute e per l’ambiente.

Con una maggioranza di un voto (!) il Parlamento ha inoltre deciso che anche i "prodotti chimici pericolosi" devono essere registrati se sono contenuti in altre merci. Se la minoranza avesse vinto, gran parte del significato di REACH svanirebbe! Questo è quanto poco verde sia il Parlamento europeo dopo le elezioni del giugno 2004.

La strada da percorrere prima che venga presa una decisione è ancora lunga

C’è ancora molta strada da fare prima che venga presa una decisione definitiva. La proposta REACH arriverà prima alla Commissione Europea e poi al Consiglio dei Ministri. Se i massimi burocrati della Commissione e i ministri del Consiglio dei ministri non saranno d’accordo con il Parlamento su tutti i punti, e sicuramente non lo faranno, REACH passerà attraverso un nuovo ciclo attraverso il Parlamento, la Commissione e il Consiglio dei ministri. Potrebbe esserci una decisione definitiva nell'estate del 2006, ma non è sicuro.

Il commissario per la protezione ambientale Stavros Dimashar ha affermato che la Commissione può sostenere la maggior parte degli emendamenti adottati dal Parlamento, incluso il fatto che non è necessario registrare il contenuto chimico di alimenti, minerali e rifiuti. Gli interessi commerciali ne sono molto contenti.

Nessuna questione ambientale per i ministri!

Quando 25 ministri si riuniscono per i loro governi nel Consiglio dei ministri, REACH non viene definita una questione ambientale, ma una questione di politica industriale. Non saranno quindi i ministri della tutela dell'ambiente a riunirsi per affrontare REACH. Questo è ciò che dovrebbero fare i ministri delle Imprese in quello che ufficialmente viene chiamato Consiglio Competitività!

Poi c'è da chiedersi se i ministri dell'Economia abbiano portato qualche considerazione ambientale da casa, o se sia la competitività dell'industria chimica dell'UE a dover pesare di più.

La proposta REACH avrebbe dovuto essere esaminata dal Consiglio dei ministri del 28-29. Novembre. Ma la Germania è riuscita a far sì che la cura venga rinviata poiché il governo di Angela Merkel non entrerà in carica prima del 22 novembre. Il governo britannico si sta impegnando molto per ottenere una decisione in seno al Consiglio dei ministri quest'autunno. In tal caso si tratterebbe dell’unico risultato che gli inglesi potranno vantare di aver realizzato in termini di decisioni importanti nei sei mesi in cui hanno ricoperto la presidenza dell’UE.

Deve entrare nel SEE

Poiché REACH per l’UE è politica commerciale e di concorrenza, tutta questa legislazione chimica deve, secondo i prerequisiti, essere inclusa nell’accordo SEE. La Norvegia ha una riserva proprio lì. Dovrebbe ovviamente essere utilizzato se esiste il rischio che REACH indebolisca la nostra libertà di azione nel decidere quali sostanze chimiche siano così pericolose per la salute e per l'ambiente da dover essere vietate o fortemente limitate nel loro utilizzo.

Ora nel REACH è la Commissione Europea a dover approvare quelle che vengono chiamate "sostanze particolarmente pericolose". Ma ciò deve essere fatto in collaborazione con le autorità nazionali.

È quindi concepibile che la Norvegia possa accettare REACH come pacchetto legislativo, se abbiamo garanzie che la cooperazione con la Commissione europea possa essere avviata in modo tale che le autorità norvegesi abbiano il diritto di decidere in quale misura singole sostanze particolarmente pericolose possono essere importate e utilizzato in Norvegia.

Potrebbe piacerti anche