Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

La resistenza dell'UE è un progetto di destra?

Emergono costantemente affermazioni secondo cui SV sarà presto l'unico partito di sinistra in Europa che si oppone all'UE. Ma la critica fondamentale all'Ue è sempre arrivata da sinistra.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

È vero che i partiti socialdemocratici hanno sempre più messo da parte il loro precedente scetticismo verso l'UE. Ma i difensori più fedeli e più stabili del progetto Ue in tutte le fasi sono stati i partiti di centro e di destra borghesi.

In alcuni paesi, i partiti populisti di estrema destra e di destra hanno raccolto elettori di protesta contro una critica aggressiva e spesso di matrice nazionalista nei confronti dell'UE. Ma questi partiti sono inutili come testimoni della verità su ciò che è veramente l'UE.

I socialdemocratici si arrendono

La maggior parte dei partiti socialdemocratici nell'Europa occidentale è stata scettica nei confronti dell'UE sin dall'inizio. La maggior parte dei socialdemocratici vedeva l'integrazione europea come qualcosa al servizio delle grandi aziende e come una minaccia alle opportunità che i partiti di centrosinistra avevano per realizzare vere riforme a livello nazionale.

Negli anni '1980, la maggior parte dei partiti socialdemocratici ha cambiato le proprie opinioni sull'UE. Ma allo stesso tempo hanno anche cambiato la politica in direzione neoliberista. La "nuova destra", con Thatcher e Reagan come i campioni più aggressivi, ha indotto molti socialdemocratici ad abbandonare il progetto socialdemocratico di una gestione sociale globale della vita lavorativa e dello sviluppo del welfare.

Aumentano le critiche di sinistra

La critica all’UE da parte dei partiti a sinistra dei socialdemocratici, d’altro canto, è aumentata sia in portata che in forza nel tempo. Molti partiti europei di sinistra inizialmente hanno adottato un approccio positivo o di attesa nei confronti del progetto dell’UE. Ma la maggior parte si è spostata in una direzione critica per l’UE quando, a partire dal 1986, l’UE ha avviato il progetto del “mercato interno”, l’attuazione di principio delle quattro libertà di mercato del Trattato di Roma, la libera circolazione di beni, servizi, capitali e lavoro.

Il progetto del mercato unico non ha incontrato alcuna critica da parte della destra in Europa. Tutte le critiche e le opposizioni provenivano naturalmente dalla sinistra. Tutti i principali partiti della sinistra socialdemocratica si sono opposti a questa drammatica dedemocratizzazione della vita economica. In Danimarca il partito socialdemocratico si è schierato dalla parte del “no” anche al referendum sul mercato interno del 1986.

Nessun dibattito nel 1957

Quando l’UE fu messa a tacere nel 1957, non ci fu un vero dibattito nei sei stati membri originari. I partiti comunisti furono gli unici ad opporsi, soprattutto per ragioni di politica estera.

Al contrario, il dibattito fu intenso e in parte sconvolgente prima che tre nuovi Stati membri entrassero intorno al 1972. Quattro paesi fecero domanda di adesione, Gran Bretagna, Irlanda, Danimarca e Norvegia, e in tutti e quattro l’opposizione all’UE aveva il suo centro di gravità a sinistra.

In Gran Bretagna, la maggioranza dei laburisti si oppose all’adesione nel 1972 e il partito costrinse il partito a indire un referendum sul ritiro quando il partito riprese il potere governativo nel 1974. La svolta nella direzione positiva dell’UE arrivò solo dopo che Margaret Thatcher ebbe stracciato l’intera legislazione britannica sul lavoro. e ha spezzato con forza la capacità di lotta del movimento sindacale.

In Irlanda, il partito laburista e il movimento sindacale sono stati la spina dorsale dell’opposizione all’adesione all’UE. E come è noto, l’opposizione all’UE in Danimarca e Norvegia è stata caratterizzata in larga misura dai partiti di sinistra e dalla sinistra nel movimento sindacale e nei partiti socialdemocratici. Questo è stato anche il caso della Svezia durante il dibattito sull’iscrizione nel 1994.

Tratti del Mot Maastricht

È anche difficile trovare partiti di sinistra che fossero favorevoli al Trattato di Maastricht quando venne discusso nel 1992. Se è così, sono piccoli. Anche i partiti di sinistra che fino ad allora avevano il profilo più favorevole all’UE, la Federazione spagnola della sinistra (Izquierda Unida), Rifondazione Comunista italiana e il PDS in Germania, si opposero attivamente al Trattato di Maastricht.

Alla base delle critiche della sinistra c'erano i due grandi progetti offensivi per i quali il Trattato di Maastricht aveva dato il via libera: lo sviluppo di "un'unione sempre più stretta" sia in termini di economia che in termini di politica estera e di sicurezza.

Verso l’unione monetaria

Dal 1990/91 il dibattito sull’unione monetaria dell’UEM ha riunito con forza i partiti europei di sinistra attorno ad un’opposizione comune e di principio a questo grande progetto dell’UE. Anche i partiti europei di sinistra si sono uniti per lo sviluppo di una Fortezza Europa con forze di polizia ed militari congiunte e un’azione congiunta contro le persone in fuga dalla guerra e dalle difficoltà.

I partiti europei a sinistra della socialdemocrazia non sono quindi mai stati così uniti nella critica e nell’opposizione al progetto dell’UE come lo sono adesso. Solo due partiti di sinistra finirono per dare il loro sostegno all'unione economica e monetaria nel 1998/99, il finlandese Vänsterförbundet e il partito gemello greco dell'SV, Synaspismos.

Tutti i partiti di sinistra in Europa sono tuttavia uniti nella loro opposizione all’unione monetaria “realmente esistente”. Sono andati contro il cosiddetto “requisito di convergenza” che il Trattato di Maastricht ha introdotto come condizione per l’adesione di un paese all’unione monetaria. Si sono mossi per dare ai banchieri centrali tutto il potere sulla politica monetaria, e si sono mossi affinché la banca centrale dell’UE abbia come unico compito la lotta contro l’inflazione. Ciò significa che tutti i partiti della sinistra europea si sono uniti nella lotta politica contro gli effetti brutali del requisito della convergenza: tagli nel settore pubblico e aumento della disoccupazione.

No al federalismo

Nell'aprile 2000, al vertice UE di Nizza di dicembre, il Parlamento europeo ha adottato una dichiarazione contenente i requisiti per il lavoro che avrebbe portato a un nuovo trattato. La dichiarazione chiedeva nuovi, lunghi passi nella direzione federalista: più potere per le istituzioni dell’UE, meno per i governi dell’UE e i parlamenti nazionali.

La grande maggioranza del gruppo socialista di sinistra ha votato contro la dichiarazione. Solo un greco ha votato a favore, ma durante la votazione ha utilizzato il pulsante sbagliato. Nove dei 45 membri del gruppo si sono astenuti dal voto, vale a dire i quattro spagnoli e tre trotskisti francesi.

I socialdemocratici danesi hanno votato contro la dichiarazione. Lo stesso hanno fatto molti socialdemocratici austriaci, portoghesi e greci. I socialdemocratici britannici e svedesi non hanno votato. Sono stati i grandi partiti della classe media e di destra ad assicurarsi la maggioranza per la dichiarazione.

No alla proposta costituzionale

Al Parlamento europeo tutti i 17 partiti del gruppo di sinistra (GUE/NGL) si sono opposti alla proposta di Costituzione. Sia in Spagna, Francia che nei Paesi Bassi, i partiti di sinistra sono stati le forze trainanti del fronte del “no”. In Spagna la sinistra era troppo debole per vincere. In Francia e nei Paesi Bassi le forze di sinistra sono riuscite a dominare il dibattito con argomenti ben noti alle argomentazioni del SV in questo paese.

In entrambi i paesi, le forze di sinistra hanno sottolineato che la costituzione proposta bloccherebbe la base liberale del mercato per l’UE e il progetto di destra dell’unione monetaria – e darebbe il via libera all’UE in aree importanti per diventare un formazione statale sovranazionale senza radici popolari.

Potrebbe piacerti anche