Teatro della crudeltà

Donald Trump è un fascista?

Gioca sulla paura e sul destino che caratterizzano la società americana. Ma ha senso chiamarlo fascista?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Gioca sulla paura e sul destino che caratterizzano la società americana. Ma ha senso chiamarlo fascista?
Alcune espressioni dovrebbero essere usate con cautela. Se vuoi evitare l'inflazione, o semplicemente evitare di farti troppi nemici, dovresti usare le espressioni solo quando sono ovviamente appropriate. In politica ci sono ragioni storiche per astenersi da alcune forme di discorso. Ci possono essere anche ragioni legate all'obbligo della democrazia di mostrare normale cortesia e rispetto per i nostri oppositori. fascista è una parola del genere. Alcuni adolescenti pronunciano la frase in giro senza sapere cosa stanno dicendo. Per un periodo fu spesso usato e abusato dalla sinistra. A quali condizioni può essere legittimamente utilizzato oggi?
La questione si pone sulla base della campagna elettorale americana e in particolare in relazione alla retorica sempre più aggressiva di candidati repubblicani come Ted Cruz, Carly Fiorina e, non ultimo, Donald Trump.
il Donald chiuderà il Paese a una particolare religione. Vuole costruire un muro contro il Messico. Dice alla CNN che gli piace andare armato e scherza dicendo che può estrarre la pistola in qualsiasi momento. Si appella agli elettori frustrati e scarsamente istruiti della classe operaia con promesse di cambiamenti drammatici. Sembra avere un rispetto minimo per la costituzione, gioca sfrenatamente sulla paura del terrorismo e altre inquietudini sociali e si presenta come l'unico che può salvare il Paese dall'abisso. Trump vede la discussione come una debolezza. Ciò che conta è budella e azione. Il comandante in capo dovrebbe essere come un potente amministratore delegato, un manager al di sopra delle meschine richieste della politica democratica di conformità e autocontrollo. Egli gioca incessantemente sulla sfiducia della classe politica professionale di Washington. Le sue manifestazioni elettorali sono sedute rumorose e nazionaliste. Sembra cogliere una fondamentale sfiducia nei confronti delle forme di governo democratiche in generale.

Una superpotenza fascista? Trump è un fascista? Quando il commentatore Jeffrey Tucker usò la parola in un articolo sulla rivista Newsweek la scorsa estate, sembrò un'esagerazione. La campagna elettorale era appena iniziata e il fenomeno Trump non sembrava essere vivo. Ora che Trump si candida come il favorito per vincere la nomination, l’affermazione è diventata molto più comune. L’economista Paul Krugman ha usato la parola f su Trump; Gli editorialisti del New York Times lo hanno fatto; e nel dibattito democratico del 19 dicembre dello scorso anno, il candidato democratico Martin O'Malley si è alzato e ha usato la parola. Nelle aree di sinistra liberale dello spettro online si riscontra un flusso sempre più forte di accuse di fascismo.
Quindi quanto è grave questa cosa? È davvero possibile che gli Stati Uniti stiano diventando uno stato fascista? Una superpotenza fascista?
No, diranno molti commentatori. Trump ha un grande vantaggio nei sondaggi. Forse può vincere le elezioni per le nomine. Tuttavia, ha molti avversari formidabili. Le persone che non sono a favore di Trump sono spesso fortemente contrarie a lui. Relativamente pochi elettori centrali indecisi potranno votare per lui. Nessuno diventa presidente degli Stati Uniti senza conquistare le grandi masse centrali.

Porta socchiusa. Inoltre, probabilmente dovrà affrontare l'esperta e ben organizzata Hillary Clinton. Se all’inizio della campagna elettorale gli elettori sono attratti dagli estremi, tenderanno a votare con maggiore cautela il giorno delle elezioni. Qualunque cosa si pensi di Hillary – che è comprata e pagata da Wall Street, che è corrotta, che non ci si può fidare di lei e così via – sembrerà una scelta più sicura rispetto al non dimostrato Trump. Ultimo ma non meno importante, Trump ha alienato ampi gruppi di elettori. Dopo aver etichettato i messicani come criminali e stupratori, è difficile immaginare che otterrà molti voti dall'importante categoria dei latini. Lo stesso, ovviamente, vale per i musulmani. Se Hillary è considerata dubbia a causa dei suoi legami con Wall Street, è comunque una politica estremamente professionale che fa tutto ciò che è in suo potere per evitare di alienare i collegi elettorali.
Non dimentichiamo inoltre che Trump appartiene al gradino più alto degli odiati uno per cento-ers. È un agente immobiliare spudoratamente ricco con un taglio di capelli particolarmente divertente. Indubbiamente un uomo volgare e autoritario allo stesso tempo.
Giusto. Ma cosa succederebbe se l’Isis portasse con sé altri attacchi terroristici? O del resto: e se si ripetesse quanto accaduto a San Bernardino? Un piccolo gruppo, o forse una singola persona, con legami reali o immaginari con un'organizzazione terroristica, esce e spara a delle persone innocenti? Gli elettori non si precipiteranno verso "l'uomo forte"?
La verità è che non sappiamo cosa potrebbe succedere. Una porta è socchiusa. Il panorama politico, come ha detto Noam Chomsky, è cambiato. Una democratica come Hillary Clinton si trova oggi allo stesso posto di una repubblicana moderata nel 1990. Allo stesso tempo, la maggior parte dei candidati repubblicani alle presidenziali si trova ora al di fuori dello spettro politico tradizionale.
Un mio collega che insegna filosofia politica sostiene che attualmente gli Stati Uniti sono Weimar redux. "Non deve essere stato esattamente così nella Repubblica di Weimar all'inizio degli anni '1930?" ha detto qualche settimana fa. “Un elettorato estremamente frustrato e confuso che ha recentemente attraversato sia una guerra fallita che una crisi economica. Una profonda sfiducia nei confronti di tutta la politica tradizionale. Un'esperienza in cui è in gioco il futuro della nazione. La sensazione di essere circondati da nemici interni ed esterni. E in mezzo a tutto questo, un salvatore, una persona che alle élite istruite sembra un clown, ma che alle grandi masse appare come la risposta."

La paranoia americana ha una lunga storia.

Neoliberismo splendente. Sono l’ultimo a difendere Trump, ma non è certo un nuovo Hitler. RazzistA? Sì, sicuramente, e una parte importante della piattaforma della campagna è quella di deportare con la forza decine di migliaia di immigrati messicani illegali. Tuttavia, occorre fare una distinzione tra la richiesta di Trump di un drastico inasprimento dei controlli sull’immigrazione e l’esplicita politica di annientamento di Hitler, come era già stata formulata nel Mein Kampf nel 1925. Il presidente Trump priverà quindi in modo decisivo i musulmani e altri gruppi dei diritti essenziali, come il diritto a una sfera privata senza restrizioni e al libero ingresso. D'altra parte, mi addolora credere che farà degli internati di massa e poi li ucciderà.
Credere che la storia si ripeta può fornire prospettive utili sul presente. Tuttavia, può anche apparire oscurante. Se Trump è un fascista, è più perché assomiglia a Silvio Berlusconi, primo ministro italiano in quattro governi, che a Hitler.
Berlusconi era ricco, volgare e affamato di media. Pensava poco alle procedure della democrazia formale, era decisamente corrotto, ma non tentò mai alcun vero e proprio colpo di stato. Tuttavia, la vera parola chiave qui è capitalismo come ideologia e sistema economico. Sia Hitler che Mussolini erano alquanto scettici, o almeno ambivalenti, nei confronti del capitalismo, che entrambi vedevano periodicamente come antinazionale, anticocollettivo e (in particolare nel caso di Hitler) dominato dagli ebrei urbani. Berlusconi, d’altro canto – e questa è la somiglianza fondamentale con Trump – ha incarnato l’ordine neoliberista così come si è formato, consolidato politicamente e globalizzato a partire dagli anni ’1980.
Se Trump ha successo politicamente è perché, da un lato, rappresenta il modo di pensare egemonico neoliberista che enfatizza il successo individuale, la massima libertà individuale, la mercificazione di tutti i valori e le relazioni umane, nonché la riduzione aggressiva dei diritti umani. tradizionale responsabilità dello Stato per il benessere della nazione. Con i suoi grattacieli, gli elicotteri e i "sei licenziato" dal reality show L'apprendista (che riguarda proprio il fatto che tutto è legale finché alla fine si vince), Trump è quanto di più vicino si possa ottenere a una perfetta parodia del neoliberismo. Luccica e brilla.

La paura dello scioglimento. Tuttavia, l’auto-messa in scena neoliberista non sarebbe un successo politico se Trump non tenesse conto anche di qualcos’altro e di più oscuro, vale a dire un sentimento collettivo di paura e un senso di sventura che sta attualmente prendendo piede nella società americana. ci sarà-l'esame-del-sangueLa paranoia americana ha una storia lunga e ricca di sfumature frontiera-mentalità (perfettamente rappresentata nel film di Paul Thomas Anderson Il petroliere), ma anche delle idee protestanti di un mondo profondamente peccaminoso dove solo il lavoro e lo sforzo dell'individuo possono dare valore alla vita. Oggi è soprattutto l’economia a creare incertezza. Dopo un periodo di 30 anni di privatizzazioni e di smantellamento dello stato sociale, la classe media americana, un tempo stabile e prospera, si sta erodendo e scomparendo, in gran parte sostituita da un esercito mobile di lavoratori dei servizi con contratti a breve termine con pochi o nessun diritto. All’indomani della crisi finanziaria, la stessa classe media ha scoperto non solo che beni fondamentali come pensioni, sanità e istruzione sono diventati in vendita al miglior offerente, ma che le loro proprietà – grazie a pratiche bancarie losche e corrotte – potrebbero anche rivelarsi essere a rischio. Poche condizioni ancorano la classe media americana al mondo più concretamente della proprietà; se è in pericolo, le persone si sentono completamente indifese. L’anarchismo americano delle armi affonda le sue radici proprio in questo: garantire l’invulnerabilità della proprietà a tutti i costi.
Trump riesce meglio di chiunque altro in questo momento a unire le due forze nel subconscio del partito repubblicano: simboleggia il capitalismo "chi vince prende tutto", il capitalismo imprenditoriale e il capitalismo da casinò, cioè un'ideologia ultraliberale. Allo stesso tempo, egli simboleggia una risposta al vero fallimento di questa ideologia, cioè alla sua totale mancanza di responsabilità democratica e collettiva per la sicurezza e il benessere generale della società. Questa è la forza neoconservatrice. Trump condivide la sensazione della sinistra secondo cui il corpo sociale si sta disintegrando, che tutto è diventato pericoloso e imprevedibile. Ma in contrasto con la richiesta della sinistra liberale e socialista di un maggiore coinvolgimento del governo nei compiti sociali fondamentali come la sanità, l’istruzione e l’assistenza agli anziani, Trump rivolge l’accusa contro i messicani, i musulmani, i cinesi, gli afroamericani e così via. SU. La colpa è loro! Sono loro da cui dobbiamo proteggerci!

Meritato. Stigmatizzare i gruppi etnici per farne dei capri espiatori, utili sostituti dei veri cattivi, è una nota strategia fascista. Trump è senza dubbio un candidato particolarmente spregevole e pericoloso. Se meritiamo di chiamarlo fascista è ancora lungi dall’essere certo. Se lo facciamo, lo etichettiamo come un mostro e un’anomalia. Perdiamo di vista i contesti in cui si colloca. Io stesso scelgo di interpretare Trump come un’escrescenza – sì, forse un tumore canceroso – del Partito Repubblicano e forse della vita politica americana in generale nell’era del neoliberismo. Ciò è diventato possibile dopo che l’intera politica americana ha virato a destra per tutta la vita. Se non hai chiesto quest'uomo, almeno te lo sei guadagnato.

Potrebbe piacerti anche