Teatro della crudeltà

Creare cittadini felici è un obiettivo nazionale?

Produrre cittadini felici – Come la scienza e l'industria della felicità controllano le nostre vite
Forfatter: Edgar Cabanas, Eva Illouz
Forlag: Polity Press (Storbritannien)
FELICITÀ / Glæde è recentemente diventata un'attività grande e redditizia nella maggior parte del mondo occidentale. Il nuovo libro fa una saggia valutazione della ricerca della felicità da parte della società moderna e conclude che la felicità è in molti casi illusoria.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Non puoi comprare la felicità. Il denaro non è la soluzione e devi crearne uno tuo la gioia con altri mezzi.

Queste sono cose che conosciamo come verità quasi universali, eppure negli ultimi tempi la gioia è diventata un affare grande e redditizio nella maggior parte del mondo occidentale. In molti luoghi è diventato un obiettivo nazionale creare cittadini felici e la felicità sul posto di lavoro è diventata una delle parole chiave nella gestione di ogni grande azienda. La felicità porta a minori costi sanitari sui bilanci pubblici, e la felicità porta a maggiori profitti nel capitalismo neoliberista, quindi il concetto ha dato vita a un'industria da un milione di dollari composta da tutto, dai libri di auto-aiuto a guru più o meno credibili.

Questo è il punto di partenza per un'analisi stimolante e provocatoria, che la ricercatrice israeliana Eva Illouz e il suo collega spagnolo Edgar Cabanas presentano in un nuovo libro di Polity Press. Qui puntano i riflettori su un fenomeno, ampiamente percepito come qualcosa di positivo ed estremamente umano, e giungono alla conclusione che si tratta di una cultura perduta, piena di secondi fini meno piacevoli.

"Psicologia positiva"

Secondo loro, lo sviluppo inizia nel 1998, quindi Martin Seligman è stato eletto presidente dell'American Psychological Association (APA). A quel tempo, l’APA era la più grande organizzazione professionale di psicologi negli Stati Uniti. Aveva 117.500 membri, ma Seligman pensava che fosse decisamente fuori strada. Sosteneva che invece di correggere i mali delle persone, gli psicologi dovrebbero fare uno sforzo per rafforzare gli aspetti positivi della psiche umana. La chiamava «psicologia positiva», e non senza motivo incontrò un enorme scetticismo tra i suoi colleghi affermati. Soprattutto quando parlò della sua chiamata, proprio come il roveto ardente nel deserto del Sinai fu una chiamata per Mosè.

Quando la felicità diventa l’obiettivo stesso, tende a nascondere le ingiustizie del mondo reale.

Ma Seligman proseguì. Ha presentato le sue idee in diverse riviste professionali e abbastanza rapidamente è successo qualcosa. L'organizzazione ultraconservatrice The John Templeton Foundation ha deciso di sostenere il lavoro di Seligman con diversi milioni di dollari. Il denaro fu utilizzato per fondare il Centro di Psicologia Positiva presso la rinomata Università della Pennsylvania, e poi la valanga si scatenò davvero. Ai grandi giocatori piace Coca-Cola hanno iniziato a investire nella psicologia positiva perché hanno visto un modo economico ed efficace per aumentare la produttività in azienda. L'idea di base di Seligman è germogliata in molte direzioni diverse e ha ispirato centri di ricerca simili in tutto il mondo, e a questo si è aggiunta un'ampia gamma di offerte per benessere nella vita privata e professionale dei comuni cittadini.

Per offrire qualità nella giornata lavorativa

È diventato molto significativo in numerose grandi aziende. Qui, creare dipendenti felici è diventato un obiettivo molto consapevole. L'azienda prende deliberatamente le distanze dai «maniaci del lavoro», che alla fine del XX secolo rappresentavano l'ideale di un buon dipendente. Si sforzano invece di offrire qualità nella giornata lavorativa. Nessuno resta al lavoro più del necessario e il singolo collaboratore ha sempre a portata di mano un espresso appena fatto e un piatto gourmet in mensa. Sono cambiate anche le vie di comando, la struttura è più piatta e molte responsabilità sono delegate al singolo.

Ill. Ismail Dogan, vedere www.libex.eu
Ill. Ismail Dogan, vedere www.libex.eu

Sembra tutto bello e vero, ma la medaglia ha un rovescio della medaglia molto serio. Apparentemente il dipendente è diventato più felice e la discrezione personale nella vita quotidiana è apparentemente aumentata. Laddove in passato avevi difficoltà sul lavoro e avevi un capo sgradevole sulle spalle, oggi hai una responsabilità molto maggiore nel portare a termine le cose. I numerosi vantaggi sul posto di lavoro hanno creato un’identificazione dei dipendenti con l’azienda che prima non esisteva. Ciò ha contribuito a rendere più sfumato il confine tra vita privata e vita professionale.

Il secondo motivo è abbastanza chiaro. Secondo gli autori, le aziende acquistano i propri dipendenti per una lealtà quasi incondizionata. La psicologia positiva ha in molti modi creato dipendenti più felici attraverso una nuova cultura aziendale, ma questo ha il suo prezzo. La vecchia solidarietà nel gruppo dei dipendenti sta ritornando con forza, perché l'individuo è più interessato ai risultati personali e quindi anche all'azienda. E in fondo, l’apparente libertà insita nella psicologia aziendale positiva è piuttosto illusoria. L'azienda è orientata ai risultati come prima e quando qualcosa va storto cade il martello. E crea stress in un modo nuovo.

Suicidio

Un altro ricercatore citato dagli autori cita un caso eclatante. Nel 2006, un tecnico degli stabilimenti Renault in Francia si suicidò. Si scoprì che era stato ritenuto responsabile di un fallimento nella produzione e le indagini successive dimostrarono che il tasso di suicidio tra i dipendenti del centro tecnologico della fabbrica automobilistica di Guyancourt era tre volte superiore a quello della società francese in generale.

«Workaholic» era l'ideale del buon impiegato alla fine del XX secolo.

È allo stesso tempo interessante e preoccupante che ciò non avvenga solo tra i dipendenti con un titolo di studio superiore e responsabilità corrispondenti. Gli autori mostrano che la stessa cosa avviene tra i lavoratori non qualificati dei servizi in una grande catena di fast food americana, e questo vale ovviamente anche per gli aspetti civili della vita.

roberto nozick

La ricerca della felicità e del benessere ha assunto dimensioni preoccupanti. Naturalmente non c’è niente di sbagliato nell’essere felici, ma quando la felicità diventa l’obiettivo stesso, tende a nascondere le ingiustizie del mondo reale.

Il professore anarchico di Harvard Robert Nozick aveva già avviato un esperimento mentale nel 1974. Ha chiesto alle persone di immaginare di potersi collegare a una macchina in grado di offrire qualsiasi esperienza piacevole immaginabile. La domanda allora era se si preferisse essere collegati a una macchina del genere o affrontare la vita reale così com'è adesso.

Questa domanda sembra essere ancora più rilevante oggi, quando l’industria della felicità è riuscita a rendere la felicità una macchina. Come concludono gli autori, sono la conoscenza e la giustizia, e certamente non la felicità, a rimanere lo scopo morale rivoluzionario della nostra esistenza.

Hans-Henrik Fafner
Hans Henrik Fafner
Fafner è un critico regolare di Ny Tid. Vive a Tel Aviv.

Potrebbe piacerti anche