Ordina qui l'edizione estiva

L'Enhedslisten ha spinto per una risposta

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Il partito danese Enhedslisten ha lavorato a lungo per scoprire se gli aerei della CIA utilizzano lo spazio aereo danese e gli aeroporti danesi. Ci è voluto molto tempo prima che le autorità rispondessero alle domande, ma a giugno il ministro dei Trasporti Flemming Hansen ha improvvisamente ammesso che almeno due aerei della CIA hanno utilizzato lo spazio aereo danese.

Nella sua prima risposta, il ministro ha ammesso che un aereo era stato nello spazio aereo danese 12 volte. Quando è tornato a giugno, ha ammesso che un altro aereo aveva utilizzato lo spazio aereo danese almeno 14 volte. Uno di questi aerei ha sette volte iniziato o terminato il suo viaggio in Uzbekistan, uno dei paesi in cui diverse organizzazioni per i diritti umani ritengono torturi i prigionieri per gli americani.

Il governo danese ha contattato gli americani e ha chiesto loro di smettere di usare lo spazio aereo danese per questi trasporti. Nella sua risposta a Frank Aaen di Enhedslisten, il ministro degli Esteri danese, Per Stig Møller, afferma il 22 agosto di quest'anno di aver contattato gli americani informandoli che qualcuno della parte danese non vuole che lo spazio aereo danese venga utilizzato per scopi che non sono compatibili con le convenzioni internazionali. Ha sottolineato che questo uso di aerei civili è una violazione dell'articolo 3 della Convenzione di Chicago, che regola l'aviazione civile.

Potrebbe piacerti anche