Ordina qui l'edizione estiva

Cambiamenti che colpiscono le persone

Clima, cotone e canna da zucchero sono usati nella lotta per i diritti umani migliori.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

I negoziati sul clima a Montreal si sono conclusi a tempo pieno, con un accordo che pochi pensavano possibile quando è iniziato l'incontro. Ora la politica pratica mostrerà cosa c'è effettivamente nell'accordo e fino a che punto i politici e i burocrati del mondo sono disposti ad andare per ottenere un clima migliore. Allo stesso tempo, i leader mondiali si sono preparati per un duro ciclo di negoziati dell'OMC, iniziato a Hong Kong all'inizio di questa settimana.

Entrambi gli incontri si concentrano sui più poveri e vulnerabili del mondo. E in entrambi gli incontri vediamo che i più ricchi nei loro discorsi parlano magnificamente di assumersi la responsabilità per il mondo intero, mentre allo stesso tempo coloro che combattono con le unghie e con i denti per evitare che i più ricchi debbano cambiare stile di vita e cambiare politica.

Durante l'incontro sul clima, ai partecipanti è stato consegnato un chiaro messaggio dalle popolazioni originarie dell'Artico: Inuit, persone artiche dalla Russia, Sami e indiani dell'Artico. Nel messaggio si sottolinea che le persone nell'Artico sono le più esposte ai cambiamenti climatici che il mondo sta vivendo oggi e che, secondo gli esperti, peggioreranno nei prossimi anni. Chiedono che l'ONU e le sue organizzazioni diano a tutte le popolazioni indigene l'accesso ai risultati dei rapporti scientifici sui cambiamenti climatici e ai risultati attesi dei cambiamenti climatici dannosi.

I popoli artici chiedono anche di essere inseriti nei programmi e nei bilanci delle Nazioni Unite per le azioni di aiuto regionali e nazionali che devono essere attuate per prevenire le conseguenze del cambiamento climatico.

La leader degli Inuit nell'ICC (Inuit Circumpolar Conference), Sheila Watt-Cloutier, ha sostenuto alla riunione di Montreal la richiesta che i diritti umani si applichino anche a coloro che sono colpiti dai cambiamenti climatici.

La domanda dei popoli originari può essere percepita da USA, UE e altri estremi climatici come un tentativo di fermare lo sviluppo e contro lo sviluppo nei paesi più ricchi.

Sheila Watt-Cloutier rifiuta e sottolinea che la richiesta di collegare i diritti umani al cambiamento climatico è un tentativo di fare qualcosa di buono per le persone. Inoltre, ritiene che in questo modo si possano anche rendere più chiare alle persone le sfide climatiche. Sarà più facile capire le sfide quando le sfide non sono tecniche ma umane.

Le sfide per i poveri e per i popoli originari non sono minori durante il vertice dell'OMC – l'Organizzazione mondiale del commercio – iniziato all'inizio di questa settimana. Questa volta si incontreranno a Hong Kong e lì il paese più ricco del mondo dimostrerà che intendevano qualcosa quando hanno promesso di porre fine alla povertà nel mondo all'incontro del G8 di questa estate.

È senza dubbio un Bob Geldof deluso che presto potrebbe tornare a casa per arrostire il tacchino di Natale per le sue tre figlie, tre delle quali non mangiano carne. Sarà all'altezza di questa sfida, ma la cosa peggiore è la delusione per il fatto che il paese più ricco del mondo abbia già dimenticato ciò che aveva promesso meno di sei mesi fa.

Apparentemente, sia gli Stati Uniti che i paesi dell'UE fanno offerte generose ai paesi più poveri del mondo. Ma la realtà si rivela ben presto molto diversa. Il quotidiano danese Politiken paragona le azioni dell'UE a quando un grande maestro inganna un dilettante di scacchi. Quando al cattivo giocatore di scacchi viene permesso di prendere una delle pedine del gran maestro, si può essere certi che ha attirato il cattivo giocatore in una trappola mortale.

In vista della riunione di Hong Kong, l'UE ha promesso di eliminare gradualmente il sostegno alle esportazioni per la propria agricoltura e di ridurre i dazi doganali. Ciò rende più facile per i paesi del terzo mondo esportare materie prime nell'UE. Allo stesso tempo, i paesi del terzo mondo devono aprire le proprie frontiere alle merci trasformate provenienti dall'UE. In altre parole, tutto è come prima. Il Terzo Mondo esporta a buon mercato verso l'UE, che raffina il prodotto e lo rivende ai paesi del Terzo Mondo a un prezzo più alto.

E negli Stati Uniti, le autorità si assicurano che voi produttori di cotone otterrete così tanto sostegno dal governo da poter competere con tutti i produttori stranieri che tentano di entrare nel mercato americano.

Il mondo sta cambiando, ma dopo Montreal e Hong Kong non siamo quasi più vicini a un mondo migliore per i più poveri del mondo. Gli USA, l'UE, la Norvegia e gli altri paesi ricchi non sono disposti a pagare quel prezzo.

Potrebbe piacerti anche