Ordina qui l'edizione estiva

Un cannone leggero

Due guide alla letteratura gioviali e non autoritarie parleranno di libri con "gente comune".

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[diffusione della letteratura] La critica letteraria Marta Norheim ha scritto la guida di Røff alla letteratura contemporanea. Il trifoglio letterario Jon Haarberg, Tone Selboe e Hans Erik Aarset hanno scritto Letteratura mondiale.

Durante le ultime settimane, entrambi i lavori hanno ricevuto relativamente molta attenzione. Il libro di Norheim perché – come più che suggerisce il titolo – vuole essere una panoramica della letteratura contemporanea. Letteratura mondiale perché dobbiamo risalire ai tempi d'oro di Francis Bull per trovare una pubblicazione simile in Norvegia: una storia letteraria in un volume.

Se i due nuovi libri hanno qualcosa in comune con la forma della storia letteraria di Bull, allora deve essere che sono caratterizzati da ottimismo a favore della diffusione della letteratura. Non si tratta di cedere alle richieste delle orde di democratici del gusto favorevoli ai consumatori. Qui si tratta piuttosto di considerare la diffusione della letteratura come un genere che non è dato una volta per tutte.

La comunicazione è una categoria storica. Il genere cambia, e in questo senso assomiglia a molti dei generi che ci è stato insegnato a etichettare come narrativa.

Lettori abituali

Sappiamo che il romanzo del nostro tempo non è lo stesso del romanzo di 100 anni fa. Allo stesso tempo, sappiamo che la diffusione della letteratura – compresa quella che amiamo chiamare la scrittura della storia letteraria – contribuisce a modificare i nostri modi di leggere, e quindi la nostra visione del singolo genere. Diciamo che Francis Bull ha fatto una scelta di genere storico letterario quando ha descritto Bjørnstjerne Bjørnson come il più grande norvegese di tutti i tempi. Chi è d'accordo con Bull oggi? Chi di noi legge le opere di Bjørnson come un modello di genere di grandezza letteraria e umana?

Né Norheim né Haarberg & co escogitano formulazioni che potrebbero ricordarci il panegirico ritratto di Bjørnson di Bull. Norheim sviluppa uno stile relativamente sobrio, e solo in casi eccezionali esprime pesanti giudizi di gusto sulla letteratura contemporanea. Va notato che si occupa di una selezione limitata di opere letterarie contemporanee.

Il libro di Norheim è una presentazione tematica e descrittiva della letteratura contemporanea norvegese più giovane, più precisamente una presentazione dei romanzieri norvegesi che si sono affermati dopo il 1990. In altre parole, questo non è un libro su Solstad, Fløgstad, Kjærstad e così via. Qui si applicano altri nomi di romanzieri norvegesi, come Trude Marstein, Anne Oterholm, Thure Erik Lund e Karl Ove Knausgård.

"L'idea è stata quella di entrare nello spazio tra critica e canone", scrive Norheim. "Il libro si rivolge ai cosiddetti 'lettori ordinari', vale a dire a coloro che leggono libri nel tempo libero e non lo hanno come lavoro". Questo può essere interpretato come un'espressione del suddetto ottimismo in favore della diffusione della letteratura. Sottolineando che in realtà è un punto parlare di "lettori ordinari" (tra virgolette, attenzione), così come rivolgendosi a questo gruppo di lettori in testo semplice, Norheim offre un importante contributo politico letterario alla lotta contro il populismo culturale.

Non solo presume che i "lettori ordinari" sappiano leggere, ma presume che i lettori siano in possesso di una certa conoscenza, sia essa conoscenza dei generi, della storia letteraria. Insomma: Norheim non sottovaluta il suo pubblico.

Canone occidentale

Lo stesso si può dire degli autori dietro World Literature. Questo libro si rivolge anche all'"ordinario". Haarberg, Selboe e Aarset scelgono di sfidare – per sviluppare ulteriormente – la scrittura della storia letteraria.

In misura molto maggiore di Norheim, i tre autori rivolgono l'attenzione critica alla questione del genere stesso. In primo luogo, la forma più o meno tradizionale della storia letteraria è oggetto di un'indagine teorica di genere – qui la storia letteraria emerge come un genere narrativo e, potremmo aggiungere, attraente. In secondo luogo, la questione del genere viene posta in relazione a una serie di testi di cui tratta la narrativa storica letteraria.

A proposito dello scrittore romano Marziale (40-103 d.C.) leggiamo: "Quasi 150 anni dopo Catullo, sviluppò una forma di epigramma che doveva diventare un modello. Ben Jonson e Alexander Pope, Goethe e Schiller – sono tutti debitori di Martial”. La citazione può servire da esempio di come World Literature – con il sottotitolo "The Western Tradition" – presenti la conoscenza del genere come una forma distintiva di consapevolezza storica letteraria. Un grande genere è un genere che forma modelli. Il grande genere lascia dietro di sé chiare tracce storiche, è capace di andare in direzioni diverse e spesso contrastanti.

Dobbiamo ovviamente commentare il titolo. Non in primo luogo perché il progetto storico-genere è specificato con l'ausilio del sottotitolo, ma perché gli autori compiono implicitamente una critica della forma singolare. Si tratta di letteratura mondiale, non di letteratura mondiale. Si può dire che Goethe, che è l'ideatore del termine letteratura mondiale, possa finalmente apparire come rappresentante di una cultura della memoria autocritica e tutt'altro che egocentrica.

Sappiamo che dobbiamo mantenere la nostra conoscenza della letteratura occidentale. Ma sappiamo anche che le forme singolari hanno una forte tendenza a perpetuare la nozione di proprietà culturale dell'uomo bianco. Il titolo "indeterminato" World Literature testimonia che esistono letterature mondiali anche altrove. Il canone non è mai stabilito.

È solo per congratularmi. Come Marta Norheim, Haarberg, Selboe e Aarset hanno dato all'agente letterario un volto saggio e comprensivo.

E c'è dell'altro in arrivo: presto rivedremo il canone di Norsk, firmato dal quadrifoglio Erik Bjerck Hagen, Petter Aaslestad, Tone Selboe (di nuovo) e Jørgen Sejersted. Segue la continuazione, in altre parole.

Potrebbe piacerti anche