Ordina qui l'edizione estiva

Una giornata luminosa per la democrazia

Sabato, il noto libraio di Kabul Shah Muhammad Rais avrebbe dovuto venire in Norvegia, ma l'UDI gli ha ritirato il visto. Qui la descrizione dello stesso libraio delle recenti elezioni in Afghanistan, un testo scritto solo per il settimanale Ny Tid.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Kabul, Afghanistan. Un'elezione ha un contenuto diverso in Afghanistan che in Occidente. Sono passati 30 anni dall'ultima volta che il Paese ha avuto un parlamento e negli ultimi tre decenni l'esperienza democratica è stata sconvolta da guerre e violenze, la fuga di massa degli afgani nei paesi vicini, le manifestazioni dei signori della guerra, l'influenza della mafia della droga sulla politica, il crollo dello Stato negli anni Novanta e la rigida versione talebana di Stato islamico.

Ciò ha reso difficile per gli afghani comprendere il significato di un'elezione. Questa è stata anche una grande sfida per i sostenitori stranieri del governo di transizione del presidente Hamid Karzai. Secondo l'accordo di Bonn del 2001, l'Afghanistan avrebbe dovuto tenere le elezioni presidenziali e parlamentari già nel giugno 2004. A seguito dei messaggi degli elettori, dei candidati, delle Nazioni Unite e dei gruppi internazionali, le elezioni sono state spostate e separate per motivi di sicurezza. Entrambi sono stati ora completati con relativamente poca violenza e la maggior parte degli afghani nelle grandi città ora comprende alcuni degli ABC delle elezioni.

La donna in giallo

Le ONG nazionali e internazionali, i media e gli uffici delle Nazioni Unite hanno sensibilizzato gli afgani. Hanno tenuto workshop e seminari, stampato volantini e poster e inviato squadre di esperti in aree remote. Sulla base delle elezioni presidenziali dello scorso anno, vinte da Hamid Karzai (55,4%), la maggior parte degli elettori si sentiva al sicuro quando avrebbe dovuto partecipare alle elezioni parlamentari. Hanno capito "come votare", e lo hanno fatto senza timore che i signori della guerra scoprissero per chi avevano votato e li punissero.

L'intero Paese è stato inondato di manifesti e pubblicità sui 5800 candidati, dai semplici biglietti da visita distribuiti dagli stessi aspiranti candidati, alle stampe digitali di 30 metri quadrati. Gli elettori afghani, come i giornalisti stranieri e gli osservatori elettorali, hanno raccolto questo come altri collezionano francobolli ed eccitanti pacchetti di sigarette.

Un poster particolarmente apprezzato era quello della candidata più giovane, un'adolescente di Kabul, nota come "La donna in giallo". Il poster con il suo sorriso virtuoso ricordava più una pubblicità di Bollywood che un poster politico.

Starlight sulla democrazia

Molti afghani e stranieri sono rimasti incollati agli aggiornamenti elettorali della televisione. Questi persistono poiché il conteggio di milioni di voti da tutte le parti del paese richiederà molto tempo.

Qui a Kabul, il giorno delle elezioni è stato descritto come un processo calmo e ordinato sotto un cielo limpido. Sebbene le forze di sicurezza afghane e le forze di pace ISAF abbiano istituito posti di blocco in giro per la città e gli elicotteri abbiano sorvolato situazioni di tensione, la giornata è trascorsa senza incidenti di rilievo.

Bandiere sventolavano su veicoli blindati di nazioni democratiche come la Norvegia, venute per proteggere e sostenere l'Afghanistan. Hanno svolto il loro compito.

Al calar della notte, la luna piena e le stelle brillavano su una sensazione soddisfatta che l'Afghanistan avesse compiuto un grande passo, non solo verso strutture democratiche, ma anche verso una coscienza democratica.

Potrebbe piacerti anche