Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Una chiacchierata con una brava persona





(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Un giorno d'autunno passo dal mio amico Kassim. Fa caldo, ci sistemiamo su sedie di plastica nel giardino fuori dalla casa di cui si occupa. Ha preparato il tè e abbiamo tempo per una chiacchierata. Va tutto bene con sua moglie che è stata in ospedale, dice, ma vuole parlare di lei che era sdraiata nel letto accanto a lui. "Non aveva padre, suo fratello l'aveva promessa a un uomo contro cui sia la madre che la ragazza erano contrarie. Prima del matrimonio, la ragazza si è data fuoco, è morta durante i giorni in cui ero in visita", dice.

Parliamo della violenza contro le donne e racconto di quelle che abbiamo incontrato a Herat, molte donne hanno parlato della violenza degli uomini come parte della vita quotidiana. “Molti uomini picchiano perché pensano che sia utile e buono, non hanno mai sentito dire che le donne hanno diritti. Ho anche il potere di colpire", dice Kassim, "nessuno mi criticherebbe, ma se crediamo in Dio, allora sappiamo che non ci ha mandato qui per usare la forza contro altre persone. Questo Paese ha bisogno di cambiare", dice. "Perché le donne devono andare con gli uomini dalle loro famiglie quando si sposano, perché gli uomini non possono andare con le donne a casa sua?" Egli ritiene che si potrebbe garantire una maggiore protezione alle donne se potessero restare con i propri figli dopo il matrimonio.

Kassim viene da un piccolo villaggio lontano dalla capitale, sua madre e suo padre sono contadini che non sanno né leggere né scrivere. Si commuove ripensando alla prima volta che ha sentito parlare di diritti umani e che i poveri e i piccoli valgono quanto gli altri. Ha deciso di diventare qualcuno che sostiene chi è nel bisogno. "Qualcuno deve iniziare", dice Kassim.

La nuova conoscenza gli ha cambiato la vita. Pensa che tutti i problemi scompaiono quando le persone ricevono informazioni e istruzione, e parla come se nessuna donna venisse picchiata nella mia parte del mondo. Penso che forse dovrei lasciargli credere, ha bisogno di tutto l'incoraggiamento possibile, ma non è più importante che sappia com'è la realtà?

"Migliaia di donne norvegesi cercano aiuto ogni anno a causa della violenza maschile," dico, sentendomi cattiva. Kassim mi guarda inorridito. "Questo è molto strano per me", dice dopo una lunga pausa. “Pensavo che con te fosse tutto diverso. Gli uomini non smettono di picchiare quando sentono che le donne sono persone con diritti?"

Poi parliamo di altre cose più belle, ma vedo che non ha finito quello che avevamo iniziato. Allora devo andare e lui mi segue. "Pensi che le donne picchiate lo accettino perché pensano che sia giusto?" chiede mentre apre il cancello. "Vorrei che avessimo più tempo per leggere, scrivere e discutere", mi grida dietro.

Potrebbe piacerti anche