Ordina qui l'edizione estiva

Un movimento demo globale

Le elezioni in Svezia aprono opportunità per iniziative femministe nel resto dell'UE.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[stoccolma, svezia] La Svezia ha un nuovo governo. Non sappiamo ancora quale politica perseguirà per rafforzare i diritti delle donne. Quello che sappiamo è che il divieto di acquisto del sesso va riconsiderato, e che il diritto all'aborto autodeterminato non è scontato per tutti i partiti che fanno parte dell'alleanza di governo.

Altrove nel mondo, sembra deprimente per i diritti (umani) delle donne. Il Nicaragua ha appena introdotto la legge sull'aborto più severa del mondo. Come Malta, El Salvador, Cile e Città del Vaticano, alle donne nicaraguensi viene ora costantemente negato il diritto all'aborto, anche a loro stesse

dopo lo stupro. In Polonia, tutto indica che una maggioranza in parlamento cambierà la costituzione in modo che sia lo stato a proteggere la vita di tutti i cittadini dal momento del concepimento.

In Afghanistan i talebani hanno stretto la presa e le continue violenze colpiscono in particolare donne e bambini. Ora gli stessi talebani che gli Stati Uniti avrebbero dovuto bombardare per liberare il governo delle donne. Puoi usare le donne per molte cose, anche per rafforzare la tua posizione di potere. In Iraq, i diritti delle donne si sono indeboliti mentre la disperazione dell'America è aumentata ei fondamentalisti religiosi hanno guadagnato sempre più potere.

Il compito del femminismo è rendere visibili le strutture di potere pervasive e l'idea di dominio. È un'idea che si ripete ovunque, in camera da letto, sul tavolo della cucina. Il modello nella relazione continua dal lavoro esterno

mercato.

E questo è il punto di partenza sia per il porno che per la prostituzione, e continua nell'arena internazionale, nella tratta degli schiavi con i corpi delle donne. È lo stesso schema che significa che non ci sono quasi donne ai tavoli dei negoziati in cui vengono prese le decisioni sull'escalation della violenza. Allo stesso tempo, i corpi delle donne diventano i nuovi campi di battaglia di violazioni sistematiche in ogni singolo conflitto militare. Gli stessi uomini, poi, che poi in nome della loro fede in Dio, vietano ogni forma di aborto.

La politica di sicurezza non ha mai incluso le donne, solo gli uomini e gli stati definiti dagli uomini. Lo stato nazionale è un progetto maschile in cui sono integrate anche una serie di altre dimensioni: la corretta (etero)sessualità, il rapporto armonioso tra i sessi, la

corpo femminile utile, l'uomo buono (svedese, norvegese, francese, americano e così via). Colui che andrà in guerra e difenderà donne e bambini.

Il femminismo, invece, non ha nulla a che fare con nazioni e territori. Il femminismo è un movimento democratico globale. Antipatriottico e innovativo. L'iniziativa femminista in Svezia, F!, non è principalmente "svedese". È appena iniziato in Svezia. In risposta all'incapacità della prevalente politica dei partiti di affrontare le ingiustizie di genere e la discriminazione strutturale.

I movimenti femministi non parlano mai di ciò che è meglio per un determinato paese, ma di diritti universali e di fermare ogni forma di discriminazione. Il femminismo è quindi l'opposto della xenofobia e del gretto nazionalismo.

Sfidare il modo patriarcale di pensare al dominio, in tutte le aree ea tutti i livelli, è un passo necessario se vogliamo un continuo sviluppo democratico. Locale, regionale e globale. Nel mondo fortemente polarizzato in cui viviamo, è il femminismo a essere portatore del potere di cambiamento necessario.

Pertanto, ora c'è una discussione a livello europeo sull'importanza di organizzarsi con un punto di partenza femminista. Ci sono le elezioni per il Parlamento europeo nel 2009, e non mi sorprenderebbe se ci fossero iniziative femministe in molti più paesi rispetto alla Svezia.

Gudrun Schyman è portavoce dell'iniziativa femminista (F!) in Svezia. Scrive esclusivamente per Ny Tid.

Tradotto da Siri Lindstad

Potrebbe piacerti anche