Teatro della crudeltà

Una soluzione violenta 

Già settimane prima del referendum sulla secessione della Catalogna, il primo ministro spagnolo Rajoy ha iniziato a mostrare i muscoli. Nella giornata nazionale catalana dell'11 settembre, ha dichiarato che avrebbe fatto "tutto" per fermarlo.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Nei giorni seguenti, le forze di polizia paramilitari spagnole Guardia Civil hanno represso la stampa e la distribuzione del materiale relativo al referendum. Le autorità spagnole hanno affermato che era incostituzionale e oltre 700 sindaci catalani sono stati convocati in tribunale dal tribunale e minacciati di multe di molte migliaia di euro se non si fossero opposti al voto. Mercoledì 20 settembre, la Catalogna si è resa conto del fatto che la polizia spagnola aveva fatto irruzione sia negli edifici pubblici che negli uffici dei giornali: ha sequestrato diversi milioni di schede elettorali e arrestato 12 politici. Ciò ha portato a una reazione spontanea da parte della gente, che è scesa in piazza. Il giorno successivo, gli studenti occuparono l'università.

Inviato nelle truppe. Poi il Ministero degli Interni ha annunciato che avrebbero preso il controllo della polizia catalana, il Mosso. Inoltre, inviarono rinforzi da tutto il paese, anche sotto forma delle ormai famose barche che attraccavano a Barcellona. Tre navi da crociera a tema Looney Tunes, piene di polizia nazionale spagnola come se fossero un cavallo di Troia, sono state ridicolizzate sui social media – soprattutto quando, per volere della Warner Bros. ho provato a coprire gli enormi personaggi dei cartoni animati. Allo stesso tempo, le autostrade erano piene di auto della polizia dirette verso la Catalogna.

Confisca del materiale elettorale, chiusura di siti web: per il referendum il governo catalano ha dovuto creare nuovi siti web e profili Twitter criptati.

Censura estesa. Madrid ha quindi lavorato duramente per impedire lo svolgimento del referendum. Al Post è stato vietato di inviare materiale elettorale, il che in pratica significava che la posta privata veniva aperta ed esaminata. La Unipost privata, ingaggiata dal governo catalano, ha dovuto gettare la spugna quando è arrivata la Guardia Civil e ha confiscato 45 buste. La censura e la sorveglianza sono state massicce; alle società di telecomunicazioni Vodafone e Movistar è stato ordinato di limitare l'attività online, e anche gli uffici di Google a Barcellona sono stati visitati dalla polizia con rigide istruzioni di chiudere tutte le app e i link relativi al referendum. Al gruppo che amministra il suffisso web ".cat" è stato ordinato di trovare e chiudere tutti i siti web con informazioni sul referendum. Anche i siti web delle autorità catalane sono stati chiusi dal governo spagnolo, nel quale Assange di WikiLeaks è intervenuto creando i cosiddetti siti mirror. Per diffondere informazioni ai cittadini su dove sarebbe possibile votare, il governo catalano ha creato nuove pagine crittografate e ha aperto per l'occasione profili Twitter.

FOTO AFP / Josep LAGO

La cosa peggiore è stata la violenza della polizia. Secondo gli ordini della polizia, le scuole che dovevano essere utilizzate come seggi elettorali dovevano essere chiuse a partire da venerdì pomeriggio, ma genitori, insegnanti e studenti hanno organizzato attività per tenerle aperte tutto il fine settimana e sono rimasti a vigilare durante la notte. Quando è arrivata la domenica, le persone hanno formato code fuori dall'alba, mentre i volontari hanno incatenato le urne con catene e cemento. Le votazioni hanno cominciato a essere registrate manualmente, a causa delle restrizioni imposte all'accesso a Internet dalle autorità spagnole.

Già alle nove del mattino la polizia ha fatto irruzione in diverse scuole di Barcellona e di altre città della Catalogna. Poliziotti con berretti finlandesi hanno strappato schede elettorali e urne dalle mani di grandi e piccini. Non c’è stata alcuna esitazione nell’usare la violenza contro i civili pacifici. I video presenti sul web parlano da soli; senza alcuna ragione apparente la polizia antisommossa ha attaccato i civili che erano seduti per terra o stavano cantando con le mani in alto. Particolarmente grave è stato l'uso da parte della polizia di proiettili di gomma, vietati in Spagna dal 2014.

Il deputato dell'UE Mark Demesmaeker – a Barcellona come parte di una delegazione internazionale di parlamentari invitati dalle autorità catalane in qualità di osservatori elettorali – era presente quando la polizia spagnola ha fatto irruzione nella scuola Ramon Llull. Demesmaeker è rimasto scioccato dall'uso della violenza, che riteneva inutilmente brutale. Scosso, ha affermato che ciò è il risultato di una mancanza di dialogo e che la Spagna non potrebbe più essere definita una democrazia se il referendum fosse considerato una provocazione contro la democrazia.

FOTO AFP / Josep LAGO

I Mossos hanno dovuto scegliere tra andare contro i loro concittadini o rischiare di perdere il lavoro se non avessero seguito gli ordini del Ministero degli Interni. Hanno risolto il dilemma informando gli elettori che stavano per commettere un atto criminale e assicurandosi che le persone comprendessero le conseguenze prima di fare marcia indietro. I vigili del fuoco catalani, che non sono soggetti all'autorità spagnola, sono intervenuti a difendere i seggi elettorali insieme alla popolazione locale.

Nonostante i violenti scontri con la polizia, il referendum si è svolto. Tuttavia, la violenza della polizia ha ricordato a molti i tempi di Franco.

L’UE ha finora affermato che si tratta di una questione interna di cui la Spagna deve occuparsi da sola.

L’UE sostiene la Spagna. Il popolo catalano è rimasto deluso dalla mancanza di condanna internazionale del comportamento delle autorità spagnole. Più tardi quella sera Rajoy ha parlato in diretta. La retorica era sorprendente; il primo ministro ha sottolineato quanto sia orgoglioso del suo governo e degli onorevoli sforzi della polizia contro questo violento attacco alla democrazia. Le denunce qui sono aumentate quando ha sottolineato dal grande schermo come lui stesso avesse sempre cercato di condurre un dialogo onesto, ma che questo non fosse stato ricambiato. Il referendum era incostituzionale e la violenza della polizia era necessaria per proteggere la democrazia. Inoltre, Rajoy si è vantato del sostegno ricevuto dall'UE e dalla comunità internazionale; aveva già dimenticato il messaggio di preoccupazione dell'ONU, che chiedeva alla Spagna di rispettare i diritti dei suoi cittadini.

La posizione del presidente della Commissione europea Junkcer è sempre stata che si tratta di una questione interna di cui la Spagna può occuparsi da sola. Quando i giornalisti internazionali, il giorno dopo il referendum, hanno cercato di convincere il portavoce della Commissione Europea Schinas a condannare la violenza della polizia, lui ha ribadito che questo non è qualcosa in cui l’UE dovrebbe interferire. L’UE considera il referendum non valido perché incostituzionale, e fa affidamento sul Primo Ministro. La capacità del ministro Rajoy di far rispettare la legge spagnola e proteggere i diritti dei suoi cittadini. Dalla Francia, Gran Bretagna e Germania la pipa aveva la stessa melodia.

Molti speravano che l’UE si avvalesse dell’articolo 7 del Trattato UE, secondo il quale gli Stati membri che utilizzano le forze militari contro la propria popolazione devono essere sospesi. Quando l'UE, al contrario, garantisce la gestione della questione da parte delle autorità spagnole, aumenta l'incertezza su ciò che accadrà dopo. Tuttavia, il presidente della Catalogna Puigdemont e il sindaco di Barcellona Colau hanno chiesto all'UE di mediare tra la Catalogna e la Spagna.

FOTO AFP / GENE LLUIS

Si desidera più violenza? Con poco più di due milioni di voti espressi, Puigdemont ha annunciato che ha vinto il partito del “sì” e che entro pochi giorni sarà proclamata la repubblica. Se ciò accadesse, Madrid potrebbe in teoria invocare l'articolo 155 della Costituzione e revocare l'autonomia della regione catalana. La questione è fino a che punto i partiti sono disposti a spingersi.

Un nuovo confronto violento potrebbe essere nell’interesse di entrambi. Per Rajoy, ciò offre l’opportunità di reprimere ancora più duramente la ribellione e dare l’esempio a tutti coloro che penserebbero alla secessione. Ha già visto che l’UE gli dà quasi mano libera, come i paesi della NATO nei confronti della Turchia. Il ruolo di alleato fornisce molta sicurezza. Dal punto di vista di Puigdemont, una maggiore violenza da parte delle autorità spagnole le dipingerà come uno Stato che opprime i propri cittadini – e ciò sarà di inestimabile importanza simbolica per ottenere la simpatia internazionale per la causa della Catalogna, e un solido argomento per la creazione di una propria stato.

Tuttavia, è molto probabile che le parti ritornino al tavolo delle trattative e che le trattative si trascinino così a lungo da far perdere slancio al movimento catalano. Forse Madrid offre alla Catalogna un po’ più di autonomia di quella che già ha, in cambio della rinuncia alla richiesta di indipendenza. In altre parole: ritorno all'inizio.

Emma Bakkevik
Emma Bakkevik
Scrittore freelance internazionale per Ny Tid

Potrebbe piacerti anche