Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Un'immagine speculare della crisi di Cuba 

Ola Tunder
Ola Tunander
Tunander è professore emerito del PRIO. Guarda anche wikipedia, a PRIMA, oltre a una bibliografia su Pietra d'acqua
SUPPORTO ARMI / Se l'Occidente dà più armi all'Ucraina, significa solo che la Russia continuerà a intensificare la guerra. La conseguenza del sostegno agli armamenti è chiara: non porterà alla vittoria ucraina, ma alla distruzione dell'Ucraina con centinaia di migliaia di giovani russi e ucraini uccisi.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin ha parlato in una conferenza stampa a novembre sull '"aggressione imperiale" della Russia e "Guerra scelta da sé". Il suo capo della difesa, Mark Milley, ha fatto eco alle parole di Austin, dicendo che la Russia vuole conquistare l'Ucraina, perché Russia è "aggressivo" e non ha mai accettato l'Ucraina come stato indipendente.

Il presidente Vladimir Putin, d'altra parte, descrive la guerra come "una guerra esistenziale", come una guerra per garantire la sopravvivenza della Russia come stato. Per lui si tratta di un'immagine speculare della crisi di Cuba, dell'impedire alle forze americane di stazionare in Ucraina vicino a Mosca, proprio come gli Stati Uniti nel 1962 impedirono alle forze e ai missili sovietici di stazionare a Cuba. 

Putin ha anche dichiarato di aver sperato che l’accordo di Minsk del 2014-15 venisse attuato (avrebbe dato a Donetsk e Lugansk una relativa autonomia), ma si è scoperto che l’Ucraina non aveva mai accettato l’accordo. L’ex presidente Petro Poroshenko ha dichiarato nel giugno 2022 di aver firmato l’accordo perché l’Ucraina doveva guadagnare tempo per rafforzare la propria forza militare, al fine di riconquistare Donetsk-Lugansk. Nel marzo 2021, il presidente Zelenskyj ha deciso anche di riconquistare la Crimea. Kiev bombardava Donetsk-Lugansk da otto anni. Erano stati uccisi fino a 14 uomini e donne, e ora l’Ucraina stava pianificando un’offensiva che avrebbe ucciso decine di migliaia di ucraini della zona che parlavano russo. Secondo Putin la Russia doveva intervenire per proteggere la popolazione russofona. 

Sikkerhet

La versione di Austin e Milley è incompatibile con quella di Putin. Ma esistono criteri oggettivi per determinare chi ha ragione? Sappiamo che per conquistare un paese, ma anche per instaurare un regime Quisling, è necessaria un’occupazione, cosa che ha sperimentato anche la Norvegia. Secondo la teoria militare americana, tale occupazione richiederebbe un soldato ogni 40-50 abitanti. Secondo il generale Milley, la Russia entrò con 170-000 uomini, mentre un’occupazione richiederebbe almeno un milione di soldati russi, una forza da cinque a sei volte quella dimensione. Ma l’esperienza dice che la Russia avrebbe utilizzato una forza molto più grande. Quando occuparono la Cecoslovacchia nel 180, arrivarono con un numero di soldati per abitante 000-1968 volte superiore rispetto all’Ucraina nel 10. 

La versione russa appare più credibile.

Se la Russia avesse voluto occupare l’Ucraina, sarebbe entrata con una forza quasi dieci volte più grande. Possiamo quindi dire che la Russia non aveva né l’intenzione di conquistare l’Ucraina né di instaurare un regime di Quisling. Naturalmente anche Austin e Miller lo sanno. La versione russa appare più credibile. La Russia garantirebbe la sicurezza Donetsk og Lugansk, assicurando la Crimea e quindi anche le risorse idriche della Crimea a Kherson, che il regime di Kiev aveva tagliato fuori. Probabilmente prenderebbero anche Zaporizhzhya, il collegamento terrestre tra Crimea-Kherson e Donetsk. 

Queste aree di lingua russa hanno sostenuto il presidente Viktor Yanukovich nel 2010. Si sono poi ribellate al regime di Kiev dopo il colpo di stato contro Yanukovich nel febbraio 2014. Se la missione delle forze russe fosse stata quella di ripristinare la sicurezza della popolazione di lingua russa nell'est Ucraina, 170-000 uomini sembrano una forza più ragionevole.

Ma anche la Russia lo voleva qualsiasi prezzo evitare che l’Ucraina venga coinvolta nella NATO e diventi quindi una testa di ponte per la potenza militare statunitense. Mosca voleva anche assicurarsi che le forze ucraine, e in particolare le “forze Bandera” di estrema destra, fossero così indebolite da non essere in grado di attaccare la Russia. E questi requisiti sono assoluti. Se la guerra avesse riguardato il territorio, entrambe le parti sarebbero state in grado di sedersi e negoziare una demarcazione dei confini (e maggiore sarebbe stato il sostegno militare occidentale, più forte sarebbe stata l’Ucraina nei negoziati). 

La Russia continuerà la guerra finché l’Occidente non accetterà le condizioni per la sicurezza russa.

Ma questo è un errore. Per la Russia, la guerra non è una guerra scelta da sé, ma una guerra esistenziale. La Russia continuerà quindi la guerra finché l’Occidente non accetterà le condizioni per la sicurezza russa. Dal 1949, tale accettazione è stata la base della politica norvegese (politica di base e politica nucleare), ma non è più così. Gli Stati Uniti hanno spostato in avanti le loro posizioni. Se l’Occidente fornisce più armi all’Ucraina, significa solo che la Russia continuerà ad intensificare la guerra. Kiev non sarà mai in grado di riconquistare la Crimea o il Donbass, poiché anche la Russia lo impedirà qualsiasi prezzo. La Russia ora schiererà una forza molto più grande e un massiccio bombardamento, simile a quello con cui gli Stati Uniti di solito iniziano le loro guerre – ma che la Russia prima eviterebbe per non danneggiare i civili. 

L’arroganza occidentale

I politici norvegesi affermano che il nostro sostegno agli armamenti è destinato ad aiutare l’Ucraina, ma se Putin percepisce la guerra come “esistenziale”, più armi non faranno altro che intensificare la guerra e uccidere ancora più soldati – ucraini e russi. La conseguenza del sostegno agli armamenti è chiara: non porterà alla vittoria dell’Ucraina, ma alla distruzione dell’Ucraina con la morte di centinaia di migliaia di giovani. Le armi dell'Ucraina diventeranno in pratica “ghigliottine” per giustiziare una generazione di giovani ucraini, ma forse anche migliaia di polacchi e rumeni che prenderanno parte alla guerra. L’Ucraina ha costantemente cercato di trascinare direttamente la NATO nella guerra, e forse ci riuscirà. Con l’arroganza che troviamo in Occidente, dobbiamo aspettarci che la guerra si estenda all’Europa, mentre è improbabile che la Russia venga scoraggiata da una guerra del genere. Forse entrambe le parti utilizzeranno armi più potenti, forse armi nucleari. 

I politici norvegesi non hanno visto la gravità di questa guerra. La Russia non lascerà mai cadere il Donbass o la Crimea.

- proprio annuncio -

Ultimi commenti:

Articoli Recenti

Un accordo di pace ideale che metta fine alla guerra una volta per tutte

FRED: Trecento anni dopo la nascita di Immanuel Kant, gli argomenti del filosofo prussiano a favore di un pacifismo razionale e lungimirante sono più attuali che mai. L’Europa è recentemente diventata un luogo in cui l’opposizione tra bene e male viene regolarmente invocata per giustificare una brutalità irresponsabile e dove i tamburi di guerra suonano sempre più forte. Kant è conosciuto come l'autore di uno dei saggi contro la guerra più famosi della storia della filosofia: La pace eterna. Il cosmopolitismo di Kant si fonda sul possesso originario e comune della terra da parte dell'uomo e implica il riconoscimento del “diritto” a visitare tutti i luoghi senza essere trattati con ostilità.

Dov’è la certezza giuridica?

COMMENTO: Dall'11 febbraio 2023 Ilaria Salis è detenuta a Budapest per il tentato omicidio di due militanti neonazisti. Si dichiara non colpevole. L'accusa ha chiesto 11 anni di reclusione, 24 anni se non confessa. E l'Ungheria?

Il linguaggio della donna maledetta

SESSISMO: Quando morì di cancro l'anno scorso, all'età di 51 anni, Michela Murgia era diventata un'icona femminista in Italia. Come scrittrice e drammaturga, ha vinto premi di alto profilo negli anni 00 prima di iniziare a vedere la scrittura come uno strumento di attivismo. Come giornalista e femminista, ha veramente compreso il potere della simbiosi tra suono e scrittura. Le parole contano, possono dividere e possono contagiare.

"La nostra cultura è costituita da pezzi di pietra rotti, ma la luce del sole del presente cade costantemente su di essi, e in ciò risiede la speranza."

POESIA: TEMPI MODERNI presenta qui il filippino Cirilo F. Bautista. È un internazionalista, influenzato dall'alto modernismo europeo e americano. Per Bautista, non c’è altro modo per comprendere la politica filippina contemporanea se non raccontandone la storia.

Politica estera femminista – teoria e pratica

FEMMINISMO: In Why the Future of Foreign Policy is Feminist, Kristina Lunz cerca di dare un contenuto concreto alla politica estera femminista. Svezia, Canada, Germania, Francia e Messico hanno introdotto le proprie politiche estere femministe. Ma non esiste un legame automatico tra l’aumento della rappresentanza femminile e il miglioramento delle condizioni delle donne in generale.

Un patrimonio di conoscenza spudorato

RIVISTA: Le riviste in quanto parte del pubblico letterario rischiano di essere cancellate? La critica indagatrice, quella che osa essere letteratura indipendente, osa essere autoreferenziale, introspettiva e autoimplicativa.

Dag Hammarskjöld era gay?

FILM: L'umorismo, il dramma, il calore, l'azionismo, la rabbia, l'ironia, gli incontri con la stampa e i giovani di Hammarskjöld, le sue riflessioni spirituali e piene di sentimento formano possibilità infinitamente ricche e affascinanti che il regista Per Fly tocca solo eccezionalmente in questo nuovo film.

Postcoloniale e critico nei confronti del potere

VINCITORE DEL PREMIO HOLBERG: I libri di Achille Mbembe ruotano tutti attorno al modo in cui le persone negli stati postcoloniali vengono tenute a freno ed emarginate. Ma anche di come la democrazia oggi non funzioni perché minacce, violenze e omicidi tengono le persone lontane dalla sfera pubblica, dai dibattiti, dal poter dire quello che si pensa per paura di perdere il lavoro, di essere messi in prigione o uccisi.

Ne ero completamente fuori

Tema: L'autore Hanne Ramsdal racconta qui cosa significa essere messi fuori combattimento e tornare di nuovo. Una commozione cerebrale provoca, tra le altre cose, che il cervello non è in grado di sopprimere impressioni ed emozioni.

Quando vuoi disciplinare silenziosamente la ricerca

PRIORITÀ: Molti di coloro che sollevano domande sulla legittimità delle guerre americane sembrano essere stati spinti fuori dalla ricerca e dalle istituzioni dei media. Un esempio qui è l'Institute for Peace Research (PRIO), che ha avuto ricercatori che storicamente sono stati critici nei confronti di qualsiasi guerra di aggressione, che è improbabile che appartenessero agli amici intimi delle armi nucleari.

La Spagna è uno stato terrorista?

SPAGNA: Il Paese riceve aspre critiche a livello internazionale per l'uso estensivo della tortura da parte della polizia e della Guardia Civile, che non viene mai perseguita. I ribelli del regime vengono incarcerati per sciocchezze. Le accuse e le obiezioni europee vengono ignorate.

C'è qualche motivo per tifare per il vaccino corona?

COVID19: Dal lato pubblico, non viene espresso alcun reale scetticismo sul vaccino corona: la vaccinazione è raccomandata e le persone sono positive sul vaccino. Ma l'adozione del vaccino si basa su una decisione informata o su una cieca speranza per una normale vita quotidiana?

I comandanti militari volevano spazzare via l'Unione Sovietica e la Cina, ma Kennedy si oppose

Militare: Consideriamo il pensiero militare strategico americano (SAC) dal 1950 ad oggi. La guerra economica sarà integrata da una guerra biologica?

Nostalgia

Bjørnboe: In questo saggio, la figlia maggiore di Jens Bjørneboe riflette su un lato psicologico meno noto di suo padre.

Arrestato e messo in isolamento per il blocco Y

BLOCCO Y: Cinque manifestanti sono stati portati via ieri, tra cui Ellen de Vibe, ex direttrice dell'agenzia di pianificazione e costruzione di Oslo. Allo stesso tempo, l'interno Y è finito in container.

Un ragazzo del coro perdonato, purificato e unto

Le pinze: L'industria finanziaria prende il controllo del pubblico norvegese.

Il nuovo film di Michael Moore: Critical to alternative energy

AmbientePer molti, le soluzioni di energia verde sono solo un nuovo modo per fare soldi, afferma il direttore Jeff Gibbs.

La pandemia creerà un nuovo ordine mondiale

Mike Davis: Secondo l'attivista e storico Mike Davis, ci sono fino a 400 tipi di coronavirus nei bacini selvatici, come tra i pipistrelli, che aspettano solo di infettare altri animali e persone.

Lo sciamano e l'ingegnere norvegese

COMUNITÀ: L'attesa di un paradiso libero dal progresso moderno si è trasformata nella storia del contrario, ma soprattutto Newtopia parla di due uomini molto diversi che si sostengono e si aiutano a vicenda quando la vita è più brutale.

Esposizione senza pelle

Anoressia: spudorata Lene Marie Fossen usa il proprio corpo tormentato come una tela per il dolore, il dolore e il desiderio nella sua serie di autoritratti – rilevanti sia nel film documentario Auto ritratto e nella mostra Gatekeeper.