Le nostre sconfitte (Nos défaites)
Le nostre sconfitte (Nos défaites) Direttore Jean-Gabriel Periot

Un esercizio di solidarietà


attivismo: La gestione dei manifestanti da parte della polizia ribelle francese sta causando un drastico cambiamento negli atteggiamenti degli studenti in una scuola superiore alla periferia di Parigi.

Gray è un critico cinematografico regolare in MODERN TIMES.
E-mail: carmengray@gmail.com
Pubblicato: 2019-11-05
Le nostre sconfitte (Nos défaites)

Jean-Gabriel Periot (Francia)

Inizialmente crea Le nostre sconfitte un'impressione che la gioventù francese non sia molto orientata politicamente. Il documentario, che è stato mostrato su Berlinale og Visions du Reel a Nyon, una serie di interviste personali è stata realizzata nel periodo da maggio a giugno 2018, con gli studenti di una scuola superiore a Ivry-sur-Seine, un comune nella periferia di Parigi. Al meglio delle loro capacità, gli studenti rispondono a domande sulla filosofia di sinistra (perplessi sul dover spiegare cos'è il comunismo e cosa fa un sindacato), quali atteggiamenti hanno nei confronti di scioperi e lotte di resistenza (lo considerano irrilevante per se stessi e per loro) e per le loro prospettive sul futuro (individuale e indeterminato).

Periot è formalmente radicale e politicamente acuto.

L'atmosfera è drammaticamente diversa dalla vibrante atmosfera delle università durante la rivolta studentesca del 1968 - un confronto naturale, in cui gli studenti ricreano scene e leggono brani di film contemporanei, come il classico francese New Wave di Jean-Luc Godard sui giovani rivoluzionari parigini, Entro cinese (1967) e il documentario sull'azione di sciopero E bientot, j'espere (1968) di Chris Marker e Mario Marret.

Ma la storia ha molto di più: dopo tutto, questo è un documentario di Jean-Gabriel Periot. Non sono trascorsi molti anni da quando il regista ha iniziato a girare lungometraggi, ma il suo acclamato lavoro sul "filmato trovato" in formato cortometraggio dura quasi due decenni. È formalmente radicale e politicamente acuto: la drammaturgia dei suoi film spesso facilita un climax provocatorio e inaspettato, o un'inversione sovversiva. Le nostre sconfitte non fa eccezione.

Preghiera ardente

Con la loro insicurezza e l'atteggiamento distante verso il mondo esterno, i giovani che incontriamo non si separano Le nostre sconfitte, si distingue dagli adolescenti in altre città del mondo. O dagli adulti, del resto: probabilmente molti di loro avrebbero avuto problemi a fornire spiegazioni ben articolate dei concetti astratti, poiché sono necessari gli adolescenti. Ma per il pubblico che ha familiarità con il lavoro passato di Periot, la mancanza di consapevolezza e consapevolezza da parte degli studenti delle strutture di potere sbilanciate della società creerà un tumulto più fondamentale - la somma del lavoro del regista costituisce un grido ardente e chiaro che dobbiamo conoscere la nostra storia. per Nostro …

Abbonamento NOK 195 / trimestre


Caro lettore. Hai già letto i 4 articoli gratuiti del mese. Che ne dici di supportare i TEMPI MODERNI disegnando una corsa online Abbonamento per libero accesso a tutti gli articoli?


Lascia un commento

(Usiamo Akismet per ridurre lo spam.)