Teatro della crudeltà

Vita e passione di una mamma: Anna Politkovskaja

Mia madre l'avrebbe chiamata guerra
Forfatter: Vera Politkovskaja med Sara Giudice
Forlag: Tropen, (Tyskland)
RUSSIA / La figlia di Anna Politkovskaya: "Il mio desiderio più grande è vivere la Russia come un Paese fiorente, libero e sviluppato, non desolato, povero e militarizzato".




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

"La Russia sta precipitando nell'abisso creato da Putin e dalla sua miopia politica." Questa affermazione politicamente di grande attualità proviene dal giornalista Anna Politkovskaya nel 2004, due anni prima di essere colpita da cinque colpi di arma da fuoco fuori dal suo appartamento a Mosca. Su Vladimir Putins compleanno. In un colpo solo, il suo volto è diventato un simbolo di libertà di stampa e giustizia, famoso in tutto il mondo.

17 anni dopo, sua figlia Vera cerca di descrivere questo abisso. Dal suo esilio volontario in un luogo sconosciuto fuori Russia ha scritto, insieme alla giornalista Sara Giudice, il libro su sua madre. Anna Politkovskaja – attivista, reporter e scrittrice – si è impegnata instancabilmente a favore delle vittime della guerra in Cecenia, ha denunciato la corruzione nel Ministero della Difesa russo e l'oppressione disumana del suo stesso popolo da parte del regime. Se il capo del Cremlino aveva un solo acerrimo nemico, il suo nome era Anna Politkovskaya. Sapeva che così si stava inserendo in una lista di morte: "La mia vita difficilmente avrà una fine naturale".

C'erano pochi motivi per chiedersi chi ci fosse dietro l'omicidio, a parte coloro che erano stati messi indirettamente dietro le sbarre. Ma il timore di ritorsioni, nonché l'occultamento e la docilità della società russa hanno portato il nome di Anna Politkovskaya a scomparire lentamente in un sonno collettivo di repressione. Anche Vera, la madre single, rimase in silenzio. “Volevo partecipare alle manifestazioni di piazza, ma non potevo abbattere mia figlia e lasciarla sola, con sua madre in prigione. Nel mio Paese la libertà è un lusso che solo pochi possono permettersi."

"Nel mio Paese la libertà è un lusso che solo pochi possono permettersi."

Con la guerra d'aggressione di Putin tutto è cambiato, anche per Vera Politkovskaya e sua figlia Anna, che porta il nome di sua nonna. Ora il nome era tornato. Così come l'istigazione e le minacce di morte. Così è stata presa la decisione. Madre e figlia adolescente stiparono tutto quello che potevano mettere nella loro piccola automobile, guidarono e non si fermarono finché non attraversarono il confine.

Nel libro Mia madre l'avrebbe chiamata guerra intreccia due storie insieme: cosa ha spinto la persona eccezionale Anna Politkovskaja a rischiare tutto, anche per conto della sua famiglia – e com'è stato far parte di questa famiglia. Né professionalmente né privatamente era un tipo facile, il che portava a litigi con i colleghi, ma anche con il marito e i due figli. Ha iniziato il suo giornalistapercorso in un’epoca di perestrojka e di fiducia generale in un futuro migliore per la Russia. Significava lottare per l’apertura e la giustizia. Un cambiamento fatale seguì con la successione di Mikhail Gorbaciov e Boris Eltsin. Con Vladimir Putin l'ambiente è diventato sempre più caratterizzato dalla violenza e dalla caccia ai "traditori", cioè a chiunque contraddicesse o sfidasse il leader.

Cecenia

Dopo la dissoluzione dell'Unione Sovietica e l'invasione russa della Repubblica cecena del Caucaso settentrionale nell'ottobre 1999, nella regione scoppiò la seconda guerra, ufficialmente definita “operazione antiterrorismo”. Entrambe le parti in conflitto hanno commesso gravi crimini di guerra e violazioni dei diritti umani. La Politkovskaja si impegnò incessantemente a sostegno delle vittime della guerra Cecenia, attraverso ripetuti viaggi in zone di guerra e successivi articoli di giornale. Ciò le portò sia angoscia che fama. Durante un dramma terroristico a Mosca Teatro Dubrovka, in cui 40 separatisti ceceni armati presero in ostaggio 850 persone, la Politkovskaja obbedì ai desideri dei separatisti in qualità di uno dei negoziatori. La richiesta era che tutte le truppe russe si ritirassero dalla Cecenia. La richiesta e qualsiasi compromesso sono stati respinti. Agli ostaggi non è stato dato né cibo né bevande, a parte un po' d'acqua e succhi di frutta che Anna aveva comprato e portato lì. Dopo due giorni e mezzo, le forze speciali russe hanno introdotto gas velenoso attraverso il sistema di ventilazione. Poi hanno preso d'assalto il teatro. I ceceni drogati furono fucilati, 130 ostaggi morirono, la maggior parte a causa dell'avvelenamento.

Anche se la Politkovskaja era già disillusa, l'incidente la scioccò profondamente. Il disprezzo per la vita umana a cui ha assistito qui, lo considerava sintomatico dell’intero apparato statale russo. Non si è mai espressa in modo "saggio" e cauto. Nella sua ultima intervista la Politkovskaja ha parlato del comandante in capo della Cecenia Ramzan Kadyrov, spesso chiamato 'il segugio di Putin': "Kadyrov è un bugiardo in tutto e per tutto. Alla televisione cecena dice che espelleranno questi russi, lo stesso giorno in cui ha leccato le spalle al grande zar (Putin). Due giorni dopo l'intervista, è stata uccisa.

L'ammirazione della figlia

L'ammirazione della figlia per il coraggio di sua madre sia nelle parole che nei fatti corre come un filo rosso attraverso il libro. Allo stesso modo, la stessa Vera si oppone a chiunque ricorra a circostanze attenuanti in direzione di Mosca. Allo stesso modo, ha parole chiare sull'educazione di se stessa da parte della madre e di suo fratello Ilja. Il padre, Aleksandr, gioca un ruolo minore nella narrazione della famiglia. È stata Anna a imporre ai bambini la stessa disciplina spietata che aveva imposto a se stessa. Anche durante le vacanze Vera doveva esercitarsi al violino, fare i compiti e ricercare la perfezione, mentre sua madre si immergeva nel lavoro e vedeva sempre meno amici e colleghi. Né ha risparmiato ai bambini il destino a cui la famiglia doveva sempre essere preparata. Li ha istruiti su dove erano nascosti i soldi e altre cose importanti e cosa fare se un giorno lei stessa non fosse tornata a casa.

La mafia non dimentica mai, avverte chi la conosce. Lo stesso vale per la dinastia criminale russa, che Vera e sua figlia Anna hanno notato quando è iniziata l'incitamento contro di loro dopo l'invasione dell'Ucraina. Quando furono al sicuro fuori dalla portata dei loro inseguitori, si ritenne invece opportuno radere al suolo la casa di campagna della famiglia.

Novaja Gazeta

Anna Politkovskaja ha lavorato per il giornale dal 1999 fino alla sua morte Novaja giornale#. Dopo l'omicidio, il redattore ha deciso di licenziarsi e ha detto ai dipendenti: "Mi arrendo". Non posso più farti sopportare tutto questo." Mi hanno risposto che no, avrebbero continuato il lavoro. In una conferenza stampa a Roma nel gennaio 2023, Vera ha dichiarato: "Mia madre ha scritto la nuda, cruda verità, su soldati, banditi e civili, che sono finiti tutti nel tritacarne della guerra".

Vera ha scritto il libro affinché la nipote di Anna Politkovskaya e il mondo in generale "ricordino la storia unica di una donna che non ha mai nascosto il suo disaccordo con la politica di Vladimir Putin, che non ha mai mancato di condannare le violazioni dei diritti umani in Russia, causate dalla un ex ufficiale del KGB diventato architetto per la mappatura di un impero incombente. […] Il mio desiderio più grande è vivere la Russia come un Paese fiorente, libero e sviluppato, non desolato, povero e militarizzato”.

Ranveig Eckoff
Ranveig Eckhoff
Eckhoff è un revisore regolare di Ny Tid.

Potrebbe piacerti anche