Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Un accordo di pace ideale che metta fine alla guerra una volta per tutte

FRED / Trecento anni dopo la nascita di Immanuel Kant, gli argomenti del filosofo prussiano a favore di un pacifismo razionale e lungimirante sono più attuali che mai. L’Europa è recentemente diventata un luogo in cui l’opposizione tra bene e male viene regolarmente invocata per giustificare una brutalità irresponsabile e dove i tamburi di guerra suonano sempre più forte. Kant è conosciuto come l'autore di uno dei saggi contro la guerra più famosi della storia della filosofia: La pace eterna. Il cosmopolitismo di Kant si fonda sul possesso originario e comune della terra da parte dell'uomo e implica il riconoscimento del “diritto” a visitare tutti i luoghi senza essere trattati con ostilità.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

In un altro mondo possibile, forse più prevedibile di quello in cui viviamo, invece di correre ogni mattina a controllare le ultime notizie sulla guerra della Russia in Ucraina, controllerei regolarmente le previsioni del tempo. Non vedo l'ora di fare un viaggio a Kaliningrad, programmato da tempo, per partecipare alla festa di compleanno del mio filosofo preferito, che presumibilmente è anche uno dei preferiti di Vladimir Putin: Immanuel Kant. I voli per Mosca e i trasporti nazionali erano prenotati fino alla fine di aprile, e sognavo ad occhi aperti in modo romantico, acritico e un po’ inappropriato per un kantiano il mio arrivo.

Dovrei provare a imitare Immanuel La leggendaria passeggiata pomeridiana di Kant# per l'allora città prussiana e l'impostazione dell'orologio sulla sua routine, come si dice facessero gli abitanti di Königsberg? Dovrei andare dritto al centro e cercare di trovare i famosi "sette ponti di Königsberg", il problema matematico analizzato da Leonhard Euler, che gettò le basi della teoria dei grafi? Dovrei fermarmi a farmi un selfie sulle rive del fiume Pregolja (ex Pregel)? Oppure dovrei provare a visitare la cattedrale gotica del XIV secolo?

Forse più tardi. Per me il modesto luogo di sepoltura di Kant è il luogo più importante Kaliningrad.

Kant grav

"Immanuel Kant / 1724–1804 / Eminente filosofo idealista borghese. Nato, vissuto senza spostarsi e morto a Königsberg", si legge su una targa di epoca sovietica, che fu collocata lì poco dopo il 1947, quando la tomba fu sorprendentemente salvata dalla demolizione. All'epoca, Kaliningrad, che era stata bombardata durante la guerra sia dagli inglesi che dai sovietici, era in fase di ricostruzione: il piano era di trasformarla in una città simbolo sovietica, da riempire con statue di Stalin e oggetti in stile Lego. blocchi costruiti.

A Kaliningrad/Königsberg, qualche anno fa, il genio e lo spirito di Kant furono usati per suggellare la speciale unione tra ragione tedesca e passione russa – che in seguito divenne nota come Nord Stream 1 e 2.

La tomba di Kant fu salvata dall'intervento miracoloso di un certo VV Ljubimov (probabilmente un nome falso). Ha scritto all'Izvestija, il giornale ufficiale del governo, per avvisare le autorità del pericolo imminente per la tomba del filosofo. Voleva ricordare loro che Kant aveva ricevuto recensioni positive nel dialettica della natura ("La natura della dialettica", 1883) di Friedrich Engels, che elogiò il "lavoro epocale" di Kant per aver rotto con la visione teologica "pietrificata" della natura. In un raro caso di risposta alla democrazia dal basso, il Comitato per i Beni Culturali del Consiglio dei Ministri ha deciso di preservare la tomba di Kant, e quindi anche la cattedrale in cui si trova.

Da allora, il rapporto delle autorità e del pubblico in generale con Kant e il suo pensiero, il modo in cui negoziano, si appropriano e in parte distorcono la sua eredità, ha rappresentato una prospettiva interessante per esplorare alcune delle tensioni più ampie nel rapporto della Russia con l’Europa e del rapporto dell’Europa con l’Europa. se stessi.

Il presidente russo Vladimir Putin e l'allora cancelliere tedesco Gerhard Schröder si trovano sulla tomba di Immanuel Kant nel 750° anniversario della fondazione di Kaliningrad, ex Königsberg, nel luglio 2005.

 

Il commercio come prerequisito per una pace duratura

All'inizio di luglio 2005, poco prima del 750° anniversario di Kaliningrad/Königsberg, l'università locale prese il nome di Immanuel Kant. Erano presenti sia il presidente russo Putin che l'allora cancelliere tedesco Gerhard Schröder. Si sono svolti discorsi entusiastici e si sono scambiate vigorose strette di mano. Schröder ha detto che Kaliningrad "è ora la città più occidentale della Federazione Russa" e, sebbene questo sia ancora "doloroso per alcuni, è storia". La città aveva "una reale possibilità di diventare una vera metropoli europea e di superare i confini che sono stati tracciati".

Quando il tragico passato è subordinato a un futuro più pieno di speranza, si può sentire l’eco della vecchia tesi del doux commerce: commercio come prerequisito per durare fred. A Kaliningrad/Königsberg, il genio e lo spirito di Kant furono invocati per suggellare la speciale unione tra ragione tedesca e passione russa, che in seguito divenne nota come Nord Stream 1 e 2.

Trecentesimo anniversario di Kant

Recentemente ha ordinato un decreto presidenziale con Putins firma i preparativi per il 300° anniversario di Kant. Su un sito russo appositamente creato si legge: "Eminenti accademici si riuniranno nella città dove è nato, vissuto, lavorato e ora riposa il professor Kant, per discutere dell'eredità del filosofo e dell'influenza che le sue idee hanno avuto sull'umanità". scienza e lo sviluppo della società moderna."

Kant era un pacifista, ma non era un ingenuo.

Io sono uno di questi accademicoNO. O meglio, lo ero. Nel febbraio 2022, la Russia ha invaso Ukraina, e la conferenza internazionale a cui avrei dovuto partecipare, il più grande raduno di studiosi kantiani al mondo, fu spostata in Germania. Sul sito dell'evento (ora aggiornato) si condanna Russias guerra di aggressione, e si spiega che la decisione di non deferirla più a Kaliningrad è stata cambiata sulla base del "legittimo presupposto" che il Congresso "agiva nell'interesse dei suoi membri e in linea con lo scopo dell'associazione" .

Recentemente mi sono concesso un altro esperimento mentale. Kant avrebbe annullato il suo congresso a Kaliningrad? A giudicare dalla sua reazione alla guerra di aggressione della Russia contro il suo paese alla fine della Guerra dei Sette Anni, sembra abbastanza improbabile.

Sebbene Kant sia stato il primo a trovare una definizione dell'Illuminismo, catturata sotto il motto Sapere Aude! ("Osare sapere"), non era l'eminente filosofo e autore del XVIII secolo Critica della ragione pura (1781) noto per il suo coraggio personale. Nel 1757 era Konigsberg sotto l'occupazione russa, e Kant scrisse all'imperatrice Elisabetta promettendo la sua lealtà. In caso di tradimento, scrive, "avviserò immediatamente le autorità, ma cercherò anche di contrastare il misfatto". Recentemente era diventata vacante una cattedra di logica e metafisica e Kant aveva bisogno del sostegno delle autorità (ma fallì).

L’amore per la nazione non dovrebbe mai essere sacrificato a favore di una sedia qualunque, potrebbe dire qualcuno. La codardia non è tuttavia l'unica spiegazione dell'incoerenza tra il contenuto radicale degli scritti di Kant e il suo comportamento personale più moderato. Una ragione più profonda risiede nelle sue richieste politiche teoria della libertà.

La teoria della libertà di Kant

Essere liberi, in senso kantiano, significa saper prendere una distanza critica dalle proprie passioni e inclinazioni e chiedersi se esse contribuiscono a un pensiero "illuminato": come dice Kant, a superare "l'immaturità autoinflitta dall'uomo".

Il processo di illuminazione si basa su tre massime: pensare per se stessi, pensare per tutti gli altri e pensare sempre in modo coerente. Tali massime, a suo avviso, potrebbero essere promosse attraverso "l'uso pubblico della ragione", un modus operandi per questo fondamentale
diverso dall'uso 'privato' che ne fanno le persone in un contesto professionale (ad esempio come studenti, insegnanti, medici, politici, avvocati o gestori patrimoniali). Mentre quest’ultima presuppone l’accettazione delle autorità, la prima richiede un impegno pluralistico, imparziale e critico.

Kant critica la facilità con cui gli stati si indebitano per finanziare la guerra.

È difficile identificarsi con le ambizioni di Kant in un'epoca come la nostra pubblicouno costantemente minacciato da scontri tra privatamentee interessi. La nostra forma di comunicazione è più ampia e inclusiva di quella del XVIII secolo (ad esempio, la partecipazione politica non è più formalmente riservata ai proprietari immobiliari), ma è anche meno profonda, più assertiva e meno critica. Il dissenso si manifesta maggiormente in dichiarazioni individuali ad alta voce (preferibilmente registrate sul cellulare) e meno nell’impegno critico collettivo.

Come noi, Kant visse in uno tempo di crisi che è stata caratterizzata da grandi progressi scientifici e tecnologici, ma con un crollo in termini di valori. Eppure ha dato motivo un ruolo come capacità comunicativa universale che tenta di trovare una via di mezzo tra scetticismo e dogmatismo, tra il non credere in nulla e il seguire ciecamente le tendenze. Questa concezione della ragione sembra più difficile da rilanciare nelle nostre società, strangolate tra interessi distruttivi e individualizzazione dell’impegno politico.

L'ira dei nazionalisti russi

Il 12 febbraio 2024, quasi due anni dopo che la Russia aveva invaso l’Ucraina, il governatore di Kaliningrad Anton Alikhanov ha dichiarato durante una conferenza che la responsabilità della recente guerra ricade nientemeno che sul filosofo illuminista Kant. Kant, ha sottolineato Alikhanov, aveva un “rapporto diretto con il caos globale, il nuovo globaleorienteringuna situazione che stiamo affrontando ora” – il suo lavoro ha contribuito a una “situazione sociale e culturale” in cui “l’Occidente ha rotto tutti gli accordi presi”.

Non era la prima volta che Kant attirò l’ira dei nazionalisti russi. Già nel dicembre 2018, quando il governo condusse un referendum online per rinominare l'aeroporto di Kaliningrad, Kant era uno dei favoriti, finché una campagna diffamatoria che lo accusava di essere "russofobo" portò al vandalismo della sua statua, al dipinto sulla sua tomba e alla distruzione di una targa commemorativa che segnala il luogo in cui aveva vissuto.

Questa volta, però, c'era una tragica ironia nelle parole di Alikhanov secondo cui Kant aveva un "collegamento diretto al conflitto militare in Ucraina".

Il cosmopolitismo di Kant

Dopotutto, Kant è meglio conosciuto come l’autore di uno dei più famosi saggi contro la guerra nella storia della filosofia: Pace eterna (2015 [1795]). Ora che conflitti distruttivi minacciano di diffondersi dalla Russia/Ucraina all’Europa, e da Israele/Palestina al resto del Medio Oriente, è profondamente preoccupante, ma forse anche istruttivo, rileggere Kant.

Il titolo stesso del saggio si ispira all'iscrizione satirica su una targa in una locanda olandese, dove "pace eterna" si riferisce alla "tranquillità del cimitero". Naturalmente non ha mai saputo delle minacce nucleari. Ma il suo avvertimento secondo cui "una guerra di sterminio in cui entrambe le parti vengono annientate contemporaneamente […] porterà solo alla pace eterna nel vasto cimitero dell'umanità", ha ancora un suono inquietante.

Il saggio prende la forma di un ideale accordo di pace. Questo contiene una serie di punti che porteranno non solo ad una temporanea sospensione delle ostilità, ma alla fine della guerra una volta per tutte. Kant critica la facilità con cui gli stati adottano debito per finanziare la guerra. Il debito, a suo avviso, è legittimo per progetti pacifici, ma lo è quando si tratta di conflitti internazionali Penger "un potere pericoloso" perché, "unito alla propensione alla lotta dei politici", "aumenta la possibilità di farlo".

I passaggi più famosi del saggio di Kant sulla pace eterna sono quelli in cui egli descrive come i diritti delle nazioni debbano basarsi su un “federalismo tra Stati liberi”. La proposta di Kant era una risposta a una sfida che aveva afflitto l'Europa da quando il decreto della "pace perpetua" fu approvato nella Dieta di Worms nel 1495 – e che aveva portato alla messa al bando delle faide private, comuni nel Medioevo. Che senso aveva usare il potere coercitivo dello Stato per garantire la pace nel proprio Paese se la sicurezza dei cittadini era costantemente minacciata dalle minacce internazionali? krig? Come gestire guerra tra unità più grandi che ora avevano il monopolio sull’uso della forza?

La proposta dell'Abbé de Saint Pierre era una federazione di stati europei che includesse la Russia.

Ispirato dal lavoro dei suoi predecessori, incluso Abate de Saint Pierre# per una federazione di stati europei che includesse la Russia, il progetto di Kant era forse il più ambizioso. Il filosofo prussiano insisteva sul fatto che le categorie standard del diritto privato, pubblico e internazionale del XVIII secolo dovevano essere integrate da una nuova, che chiamava "un diritto cosmopolita".

Quello di Kant cosmopolitismo prende come punto di partenza l'originario possesso comune della terra da parte dell'uomo e implica il riconoscimento del «diritto» dell'individuo a visitare tutti i luoghi senza essere trattato con ostilità. Si specifica inoltre che, poiché l'interazione globale e i rapporti internazionali sono ormai arrivati ​​a un punto tale che "una violazione del diritto in un luogo della terra si avverte ovunque", il termine 'cosmopolitismo' non è una questione di etica, ma di politica. Poiché il diritto privato, pubblico, internazionale e cosmopolitico sono interdipendenti, anche gli altri crollano quando viene messo in discussione uno di essi.

Kant lo era pacifista, ma non era ingenuo. In un noto saggio del 1943, Il futuro del pacifismo, distinse il filosofo britannico Bertrand Russell tra una versione assoluta e una relativa del pacifismo. Il primo, secondo Russell, è l'argomentazione secondo cui "è sbagliato in ogni circostanza togliere la vita umana". L'altro, invece, consiste nel fatto che "la diavoleria della guerra è quasi sempre maggiore di quanto appare e che eccita la popolazione nel momento in cui scoppia la guerra". Sebbene valesse la pena combattere alcune guerre, in casi come la prima guerra mondiale, le "distruzioni risultanti dalla guerra" superarono gli svantaggi di fare le concessioni necessarie per evitare una guerra.

Il sistema di Kant resiste a tali calcoli: il suo pacifismo è più incentrato i principi che sulle conseguenze. Sia per Kant che per Russell il pacifismo non significa tuttavia "porgere l'altra guancia", come facevano i primi padri della chiesa, e al quale si sviluppò come reazione la tradizione della "guerra giusta". Per i sostenitori della guerra giusta, porgere l’altra guancia aveva senso solo quando si arrivava al dunque vold contro individui, non quando si trattava di attaccare un intero gruppo di persone innocenti. Come disse Agostino, uno dei primi sostenitori della guerra giusta: "È l'ingiustizia dell'avversario che impone all'uomo saggio il dovere di condurre una guerra giusta".

La posizione era tanto importante tra i giuristi del XVIII secolo quanto sembra esserlo tra i politici liberali del XXI secolo. In risposta a questo era il tipo pacifismo Kant propose (e ispirò Russell) parte di un argomento politico. I pacifisti sono pienamente consapevoli dei rischi dell’autocompiacimento e della tesi secondo cui una posizione pacifista rischia di incoraggiare ulteriori aggressioni. Ciò che stanno cercando di evidenziare è il pericolo di escalation e il fatto che storicamente è raro che le guerre finiscano con la vittoria totale di una sola parte.

Sottolineano il pericolo di un’escalation e il fatto che storicamente è raro che le guerre finiscano con la vittoria totale di una sola parte.

Le metafore della guerra sono ovunque

Il saggio di Kant sulla pace eterna è spesso citato come fonte di ispirazione UNIONE EUROPEA: un progetto nato dalle ceneri della Seconda Guerra Mondiale, dove ex nemici mortali si sono uniti in un comune impegno a favore di istituzioni pacifiche. Nonostante tutti i suoi limiti, l’UE è stata cruciale, non solo nel deviare la politica dell’Europa occidentale dal nazionalismo e verso la fraternizzazione, ma anche per gli stati disillusi che lottano per fare i conti con il loro passato comunista.

L’Europa è recentemente diventata un luogo in cui l’opposizione tra bene e male viene regolarmente invocata per giustificare una brutalità irresponsabile e dove i tamburi di guerra suonano sempre più forte. I governi di tutto il mondo sono ancora una volta in fase di stallo corsa agli armamentie le quote di mercato nell’industria militare sono alle stelle.

Le metafore della guerra sono ovunque: alcuni le trovano nemici all’interno dei confini europei e sostengono che i migranti rappresentano una minaccia per i valori tradizionali, sostenendo apertamente la deportazione dei richiedenti asilo. Altri prevedono nemici esterni e ci esortano a “prepararci mentalmente” per “un’era prebellica”, come ha recentemente messo in guardia il primo ministro polacco Donald Tusk. Nel frattempo, coloro che sostengono il compromesso e le sfumature sono, nella migliore delle ipotesi, soggetti al ridicolo e trolling, nel peggiore dei casi per la censura e la repressione.

Niente è più lontano dallo spirito di Kant del modo dogmatico con cui ci viene chiesto di accettare la guerra in tutte le sue forme: politica, sociale e culturale. Forse è proprio qui che giace il padre. Forse la guerra viene combattuta nella nostra coscienza, prima che venga attuata nella realtà. Forse ci convinciamo che il bene e il male sono evidenti, che il giusto deve vincere e lo sbagliato punito, che la guerra – nel mondo delle idee, in politica, alle nostre frontiere, al fronte – è l’unica via da seguire.

In un altro mondo possibile sarei comunque andato a Kaliningrad. Me ne sarei andato perché sono d’accordo con Kant sul fatto che le uniche trincee in cui dovremmo impegnarci sono quelle della ragione. Come si dice in una delle parti i Pace eterna, anche in mezzo alle peggiori esagerazioni, bisogna conservare una certa fiducia nell'umanità del nemico. Se Kant ha qualcosa da insegnarci a 300 anni dalla sua nascita è che quando il perseguimento della vittoria totale rischia di portare all’estinzione totale, l’escalation è sempre un disastro.

 


L'articolo è stato precedentemente pubblicato sul Financial Times nell'aprile 2024. Tradotto in norvegese dall'editore. Oltre ad essere professoressa di teoria politica alla London School of Economics, Lea Ypi è l'autrice del libro Gratuito: Il raggiungimento della maggiore età alla fine della storia (2021).

leggi ypi
Lea Ypi
Oltre ad essere professoressa di teoria politica alla London School of Economics, Lea Ypi è autrice del libro Free: Coming of Age at the End of History (2021).

Articoli Correlati