Teatro della crudeltà

Un mondo trasparente

Dave Eggers ci offre un'immagine da incubo e caricaturale, ma del tutto possibile, del nostro futuro digitale.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Nella maggior parte delle discussioni che ho avuto sul tema della sorveglianza dei dati, ho riscontrato un atteggiamento che non è particolarmente spaventoso. Quindi non abbiamo nulla da nascondere? Scelgo di percepirlo come sintomatico: un'espressione di adattabilità generale in un nuovo stato normale. Il fatto è che siamo diventati dipendenti dall’infrastruttura digitale. Sappiamo che ciò implica sia il libero flusso di informazioni che la registrazione automatizzata di tutto ciò che facciamo. Sappiamo che siamo coinvolti nella sorveglianza con i nostri dispositivi e sappiamo che i dati che generiamo non ci appartengono. Alcuni si aggrappano ancora al principio della privacy, che suona già un pensiero antiquato. La società del controllo è il prezzo da pagare per la sicurezza e le soluzioni intelligenti, ci viene detto. La pubblicità mirata può essere fastidiosa, ma impariamo a ignorarla. Le persone perbene hanno molto da condividere e nulla da nascondere. Allo stesso tempo, dovremmo riflettere sulla direzione di sviluppo della tecnologia in cui sono intessute le nostre vite: c’è una linea che non vogliamo oltrepassare? I cambiamenti sono così sottili e graduali, così legati a questioni di sicurezza, facilità d’uso e ottimizzazione, che possiamo notarli in retrospettiva solo quando abbiamo superato una soglia significativa. A quel punto di solito è troppo tardi. L’implementazione è molto più semplice dell’inversione. Sappiamo da tempo che lo sviluppo tecnologico significa sempre più “complessità” e che raramente la tecnologia rimuove più problemi di quanti ne aggiunge. In California, cuore pulsante dell’innovazione, sembra esserci ancora l’idea che quasi tutto ciò che è possibile sia anche desiderabile. Forse è nell’orizzonte di queste possibilità che dovremmo cercare il punto di partenza per criticare la nostra situazione attuale. Possiamo osservare gli scenari che i programmatori del Nuovo Mondo e i loro compagni corridori immaginano per noi. Il quadro che emerge può essere facilmente definito Il coraggioso nuovo mondo 2.0. TruYou. A volte le prospettive fruttuose risiedono nella speculazione e nell'esagerazione. Un buon punto di partenza è il romanzo The Circle, scritto dall'americano Dave Eggers. Dal punto di vista letterario, il libro è eccezionalmente debole, considerando che l'autore ha già dimostrato un certo dono letterario. Come satira distopica, tuttavia, è adatta. Nel romanzo incontriamo Mae Holland, una ragazza sui vent'anni che, con l'aiuto della sua amica Annie, è stata reclutata nella società tecnologica leader a livello mondiale The Circle. La storia è ambientata in un futuro non troppo lontano, un futuro in cui The Circle ha raggiunto i suoi obiettivi posizione dominante sul mercato digitale sviluppando un sistema che combina tutte le identità digitali degli utenti: profili sui social media, account di posta elettronica, sistemi di pagamento, nomi utente, preferenze e interessi. Tutto il traffico dati individuale è ordinato in un unico sistema comune, con l'elegante nome a doppio fondo TruYou. È così che The Circle ha assorbito tutti gli altri attori e è diventato l'infrastruttura digitale stessa: Google, Facebook, Twitter e tutti gli altri incorporati in un'unica società. Le grida di monopolizzazione stanno rapidamente tacendo. The Circle vanta un'efficienza senza eguali e lavora instancabilmente per ottimizzare le sue soluzioni. Invece di utilizzare il monopolio per imporre dettami unilaterali, The Circle si intende come un sistema sensibile al feedback di reti di comunicazione distribuite. L'azienda punta alla perfezione e sviluppa ulteriormente le proprie prestazioni in una sorta di ciclo di feedback con i propri utenti. Gran parte dell'attività riguarda la generazione di metadati attraverso l'analisi del traffico e le valutazioni degli utenti sulle prestazioni di The Circle, in modo che l'azienda possa migliorare costantemente. E gli utenti sono soddisfatti: anche la pubblicità mirata è benvenuta purché gli algoritmi elaborino quantità di big data sufficienti per colpire nel segno. I cambiamenti sono così sottili e graduali, così legati a questioni di sicurezza, facilità d’uso e ottimizzazione, che possiamo notarli in retrospettiva solo quando abbiamo superato una soglia significativa. A quel punto di solito è troppo tardi. Trasparenza totale. Il capitale del Circolo sono proprio i big data. L'azienda coltiva il lavoro immateriale in cui anche il comportamento dei dipendenti viene immediatamente trasformato in informazioni commerciabili. La sede quindi non è definita luogo di lavoro, ma tale CAMPUS, e appare come un'utopia futuristica di tecnologia intelligente e vetro. L'esterno e l'interno sono progettati secondo l'ideologia generale dell'azienda: totale trasparenza e comunicazione efficace senza ambiguità o riserve. L'architettura stessa forma qui una serie di interfacce per il libero flusso della comunicazione. Nel gigantesco campus, l’accento è posto sulla comunità tra i dipendenti, che sono incoraggiati a partecipare a tutti i tipi di attività sociali con presenza sia fisica che digitale. La protagonista Mae è completamente assediata da una richiesta di costante partecipazione sociale, di condividere, mettere mi piace, commentare e seguire. Chi non condivide ha qualcosa da nascondere, dice il mantra. Mae è spinta alla socializzazione iperattiva, che ha un impatto positivo sulla classifica di partecipazione interna dell'azienda, basata su algoritmi. L'obiettivo di una base statistica sempre migliore porta alla raccolta e all'elaborazione di tutto ciò che può essere misurato. Nemmeno il sonno sfugge. I sensori che registrano la qualità del sonno forniscono dati preziosi al dipartimento sanitario di The Circle. Alla fine, Mae vive semplicemente nel campus. Il Cerchio è divorante, si impadronisce di tutta la sua vita. Mentre Mae scala i ranghi, le visioni di miglioramento del mondo di The Circle abbattono una ridotta dopo l'altra. L'idea che la completa trasparenza sia per il bene comune porta a misure su larga scala per mettere in luce la vita di ogni individuo. Chi non condivide ha qualcosa da nascondere. In un progetto pilota, Mae accetta di essere trasparente. Con una telecamera e un microfono montati sul suo corpo, tutto ciò che sperimenta viene condiviso in tempo reale. Un braccialetto mostra la risposta degli utenti che seguono in ogni momento i suoi movimenti. Il risultato è un misto di esibizionismo e voyeurismo, impreziosito retoricamente da frasi fantasiose sull’apertura democratica radicale. Non appena un membro del Congresso accetta di sottomettersi alle richieste di trasparenza, si verifica un cambiamento politico irreversibile. All’improvviso i politici non hanno altra scelta che diventare trasparenti: coloro che non sono d’accordo a condividere tutto, sempre, sono sospettati di mantenere segrete informazioni sensibili. Da qui il passo verso il compimento della democrazia diretta, con votazioni caso per caso, è breve: perché non lasciare che sia il popolo a decidere se effettuare l'assassinio con un drone di un terrorista identificato in Pakistan? Presentandosi come pura infrastruttura, The Circle sta assumendo sempre più funzioni governative. L’indirizzo IP diventa più importante dell’indirizzo di residenza, poiché TruYou snellisce le procedure burocratiche legate alle elezioni e ai diritti sociali. Allo stesso tempo, l’azienda realizza il sogno di documentare tutto ciò che accade in tempo reale. The Circle lancia piccole telecamere collegate alle comunicazioni satellitari, che si diffondono rapidamente in tutto il mondo tra applausi ed utenti entusiasti. Nessuno farà nulla di male se sa di essere filmato; la moralità è affidata alla tecnologia. Ciò crea un panopticon partecipante totale senza torre centrale e senza esterno. Il controllo viene introdotto come misura ben intenzionata per rendere il mondo più sicuro ed è supportato dalla stragrande maggioranza degli utenti.  sconosciute conosciute. Spinta dall’idea che la registrazione completa di tutto ciò che accade fornirà una conoscenza ottimale del mondo, la rete digitale diventa una megamacchina finalizzata alla mappatura completa. IN Il Circolo la nuvola informativa tende verso ciò che JL Borges descrive nella sua piccola storia dei cartografi dell'impero: una mappa che sta in un rapporto 1:1 con il terreno. Con Il Circolo Eggers cristallizza e affina una serie di tendenze attuali in uno scenario horror distopico. Riconosciamo la tendenza alla concentrazione dinastica, dove una parte predominante delle infrastrutture è gestita da un piccolo numero di aziende private. Riconosciamo anche l’ambizione di una registrazione completa, l’elaborazione automatizzata dei big data utilizzati per mappare modelli e scoprire anomalie. Inoltre, vediamo come il capitalismo digitale trovi modi sempre più ingegnosi per economizzare tutti gli aspetti della nostra vita, dove i dati più insignificanti che lasciamo dietro di noi aprono la porta per rivolgersi a noi consumatori con offerte su misura. Siamo quasi arrivati ​​a tutto questo. Forse non è così sorprendente che la compagnia The Circle nella rappresentazione di Eggers vada avanti senza incontrare resistenze significative, considerando quanta poca resistenza offriamo oggi a queste tendenze. Piuttosto, i cambiamenti graduali verso un maggiore controllo incontrano un adattamento benevolo e un entusiasmo per la nuova soluzione intelligente. La filosofa italiana Tiziana Terranova ha sottolineato che l’uso dei media digitali è diventato un tipo di lavoro gratuito, in cui aziende come Google e Facebook possono parassitare i contenuti creati dagli utenti. Paga per i Mi piace. Nel febbraio di quest'anno sono stato al festival Transmediale di Berlino, dove i temi della sorveglianza e dei big data sono stati discussi ed esplorati da filosofi, ricercatori, artisti e hacker. Transmediale ha una sorta di emanazione settaria dovuta al fatto che i partecipanti sono, al contrario, soli nel loro coinvolgimento critico proprio su queste questioni. Il festival ha alternato la presentazione di controstrategie creative alla situazione attuale e una rassegnazione leggermente lamentosa nei confronti dei potenti attori contro cui si trovano ad affrontare. Peter Sunde, arrestato l'anno scorso per la sua associazione con Pirate Bay, ha tenuto un discorso il giorno dell'inaugurazione annunciando di aver rinunciato personalmente alla lotta. Quando l'autore Bruce Sterling gli ha chiesto chi secondo lui fosse la peggiore azienda nel mercato digitale, Sunde ha risposto che si trattava senza dubbio di Google: oltre a comportarsi come un bullo monopolista, a loro piace presentarsi come amichevoli. Al festival ha preso parte anche il critico tecnologico di alto profilo Evgeny Morozov. Ha identificato la sfida odierna nello sviluppo di un paradigma di proprietà alternativo per i dati che generiamo. Non vi è nulla di simile. Come possiamo rivendicare la proprietà dei nostri dati individuali, gli stessi dati che costituiscono la base delle risorse economiche per le aziende che gestiscono l'infrastruttura? È un’affermazione difficile da articolare, ma non priva di merito. La filosofa italiana Tiziana Terranova ha sottolineato che l’uso dei media digitali è diventato un tipo di lavoro gratuito, in cui aziende come Google e Facebook possono parassitare i contenuti creati dagli utenti. Ogni azione nel mondo digitale, che si tratti di mettere mi piace, ascoltare, commentare, leggere o chattare, diventa qualcosa su cui le aziende traggono vantaggio. L’accesso alla nostra vita sociale digitale ha un enorme valore di mercato. In linea con questo, l'artista Laurel Ptak ha presentato una campagna in cui sostiene che gli utenti di Facebook dovrebbero poter esigere uno stipendio dall'azienda. Con un tocco spiritoso, il programmatore e artista Daniel C. Howe software AdNauseam, che fornisce all'utente clic automatici su tutti gli annunci pubblicitari visualizzati online: invece di ignorare gli annunci pubblicitari, l'utente trova una strategia per nascondersi dagli annunci pubblicitari mirati facendo clic su tutti essi. Tali strategie possono essere intelligenti, possono aiutare a rendere visibili i sottili meccanismi del potere, ma impallidiscono come contromisure reali al controllo in cui siamo avviluppati. È facile comprendere l'impotente rassegnazione espressa da Peter Sunde. Per opporsi davvero alla sorveglianza è necessaria una competenza tecnica che pochi hanno. Quante persone possono davvero nascondere la propria attività online con strumenti di crittografia? Se ti sposti per la prima volta su quel binario, basta un piccolo errore prima di attirare attenzioni indesiderate. Dimostri di avere qualcosa da nascondere. Il romanzo di Eggers può sembrare eccessivamente caricaturale. Ma basta guardare una clip di qualsiasi lancio tecnologico nella Silicon Valley per confermare che Eggers prende la loro mentalità e visione del mondo per valore nominale. Ciò che scrive non è troppo lontano dal mondo in cui già viviamo.  Il Circolo altrettanto probabile che venga licenziato domani: forse perché Eggers aveva torto, forse perché si è scoperto che aveva ragione.

Potrebbe piacerti anche