Un eterno rivoluzionario

Para la guerra / To War Director
Direttore: Francisco Marise
(Cuba / Argentina)

In una Cuba che si sta lentamente allontanando sempre più dal comunismo, un veterano cubano è bloccato nel passato.

(Tradotto da Norwegian di Google Gtranslate)

Andrés è un veterano cubano che non ha mai smesso di essere un soldato. Ha combattuto in Angola e in Nicaragua, ma sebbene la sua ultima missione sia stata oltre 30 anni fa, ha mantenuto il pensiero e la fede del soldato nella causa del comunismo. E mentre l'entusiasmo per la rivoluzione nei lunghi decenni di scarsità e dominio totalitario è svanito con molti cubani e il suo paese sta cambiando, Andrés si sta allenando per una guerra che sicuramente arriverà. Aggrappandosi a un passato che non è mai stato veramente glorioso, vive in un mondo che esiste solo nella sua mente e nell'appartamento modesto in cui vive.

Il primo lungometraggio di Francisco Marise è un commovente ritratto di questo uomo devoto e anziano, lasciato indietro dal tempo e dalla storia come illustrazione di come appaiono inaspettatamente le cicatrici della guerra e il danno di una dottrina e possono segnare il cuore e la mente di un soldato per la vita.

Vivere in un lontano passato

Il film prende in prestito il ritmo senza incidenti della vita di Andrés; il tempo si muove a malapena nei suoi dintorni. Trascorre la sua vita esercitandosi ed eseguendo semplici faccende nel suo appartamento. Dimostra le sue abilità di combattimento davanti alla telecamera e diventa una vivida illustrazione del manuale di addestramento di un soldato con istruzioni originali sulla tela prima di ogni serie di mosse di combattimento. E mentre queste scene inizialmente sembrano eccentriche, quasi surreali, è la tristezza della solitudine di quest'uomo e la serietà del suo entusiasmo che presto prende il sopravvento sull'atmosfera del film.

- annuncio pubblicitario -

Di tanto in tanto, Andrés fa apparire l'elenco telefonico e cerca di trovare vecchi compagni delle missioni in Nicaragua. Compone i numeri di rete fissa dalla rubrica, solo per scoprire che la persona che sta cercando è morta o che c'è qualcuno con lo stesso nome all'altro capo. Il film combina filmati d'archivio e suoni per creare un'immagine del mondo mentre lo vive: un passato lontano, ma dove risiede ancora mentalmente.

Il film combina filmati d'archivio e suoni per creare un'immagine del mondo come personaggio principale
vederlo

Andrés appartiene a una generazione e una Cuba passata sta lentamente andando via. E mentre il paese è ancora uno stato autoritario, sembrano più giovani con la speranza per il futuro. Come ovunque, ci sono anche alcuni che guardano al passato, ma la nostalgia di solito è una risposta per le persone che sentono di non essere utili a loro, che sono lasciate indietro o semplicemente incapaci di farcela nel mondo di oggi. Ciò non si applica ad Andrés. I cambiamenti a Cuba stanno avvenendo lentamente e sono meno visibili dei cambiamenti che altri paesi comunisti hanno subito nel recente passato e non mette in discussione i cambiamenti o la sua qualità di vita. In realtà, non vede i cambiamenti e sembra molto contento di ciò che ha, quindi vive piuttosto con un'illusione che con il tipo di nostalgia che si vede in Russia e in altri paesi dall'ex blocco comunista.

Le cicatrici della guerra

Andrés è probabilmente segnato dalla guerra e non ha imparato altro che vivere e rallegrare per le idee che il regime gli ha insegnato. Non ha mai trovato nessun altro significato nella vita. Ne prende uno in un modo di pensare Arrivederci Lenin!, un film del 2003 che racconta la storia di un figlio la cui madre è in coma all'ospedale quando cade il muro di Berlino. Temendo che la madre possa subire uno shock fatale quando scopre che la sua amata Germania orientale non esiste più, suo figlio si sforza di preservare l'impressione che il vecchio regime sia ancora lì.

I cambiamenti a Cuba sono più sottili, ma Andrés vive lo stesso tipo di illusione, tranne per il fatto che chi sostiene l'illusione è se stesso. Per lui, il mondo è diviso come decenni fa, e parla di essere indurito a combattere contro ciò che è dannoso per l'umanità, rappresentato dal mondo non comunista. Non è chiaro se sta vivendo in questo modo perché non riesce a vedere la verità nei suoi occhi o se qualcuno ha semplicemente dimenticato di dirgli qual è la realtà. Ed è doloroso assistere a questo inganno e rendersi conto che le routine e le credenze sono ciò che dà contenuto di vita a un uomo vulnerabile che difficilmente riesce a trovare un significato nella vita in nessun altro modo.

Andrés appartenente alla generazione e una Cuba passata sta lentamente andando via.

Il divario tra la realtà e la vita di Andrés aumenta ancora quando muore Fidel Castro. La morte di Castro viene annunciata in televisione e Andrés va all'Avana per ricordare el comandante. La fine della vita di Castro segna la fine dell'era idealizzata da Andrés, ma torna a casa con una nuova ispirazione per prendersi cura di ciò che considera necessario. Lo vediamo parlare con un gruppo di veterani che, come lui, credono ancora nella rivoluzione e gli uomini rigidi e anziani resistono al silenzio di un minuto in onore di Castro. Gli unici rimasti per continuare la buona battaglia sono in questa stanza di pensionati.

Al di fuori del tempo e del luogo

Per la guerra (Alla guerra) non ha punti di svolta o punti salienti spettacolari. Permette all'uomo di essere quello che è, ed evidenzia il suo allenamento di combattimento passando da primi piani e tiri totali mentre la fotocamera è a riposo. Queste clip, le riprese osservative della vita quotidiana di Andrés e le foto d'archivio, sono combinate in quello che avrebbe potuto essere un film di finzione. La realtà di Andrés è nel passato e questo passato non può che essere una costruzione sulla tela.

Questo ritratto agrodolce ha scene osservative, ma nel suo insieme non è affatto osservante. Utilizzando il suono e il montaggio dei diversi tipi di registrazioni, il regista controlla lo stato d'animo che caratterizza il film, costruendo la sensazione del tempo mutevole in cui Andrés vive. Il tempo si ferma e continua. Il tempo passa, Cuba sta cambiando. La storia di Andrés ci lascia con la sensazione che, in un certo senso, sia già sparito, intrappolato nella sua stessa bolla. In realtà, non ha mai vissuto davvero nel presente.

 

Bianca-Olivia Nita
Nita è una giornalista freelance e critica per Ny Tid.

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Un cluster agricolo – un complesso industriale all'avanguardia

PAZZO: Il problema è l'accesso al cibo. Tutti devono mangiare per vivere. Se vogliamo mangiare, dobbiamo comprare. Per acquistare dobbiamo lavorare. Mangiamo, digeriamo e cagiamo.

La dittatura della virtù

CINA: Il Partito comunista cinese si vanta oggi di essere in grado di riconoscere uno qualsiasi degli 1.4 miliardi di cittadini del paese in pochi secondi. L'Europa deve trovare alternative alla crescente polarizzazione tra Cina e Stati Uniti – tra una dittatura che monitora lo stato e la spietata autoespressione dell'individualismo liberale. Forse una sorta di ordine sociale anarchico?

La protesta può costarti la vita

HONDURAS: La pericolosa ricerca della verità dietro l'assassinio dell'attivista ambientale Berta Cáceres di Nina Lakhani finisce in più domande che risposte.

Il legante culturale

ROMANZO: DeLillo mette in scena una sorta di stato generale, paranoico, un sospetto che ha portata globale.

Distruzione creativa

SPAZZATURA: La Norvegia non è attrezzata per lo smistamento dei tessuti. Anche se selezioniamo la spazzatura, non siamo neanche lontanamente vicini a luoghi in Giappone che possono riciclare in 34 categorie diverse. L'obiettivo è che i comuni non siano lasciati con rifiuti e senza camion della spazzatura!

La società di controllo e gli indisciplinati

MAMME TARDIVE: Le persone oggi stanno acquisendo sempre più controllo su ciò che li circonda, ma stanno perdendo il contatto con il mondo. Dov'è il limite per misurazioni, garanzie di qualità, quantificazioni e routine burocratiche?