Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Elezioni nello Zimbabwe

Nonostante le misure positive come un nuovo sistema di registrazione elettorale e osservatori elettorali stranieri, si dubita che un'elezione libera ed equa in Zimbabwe sia realistica.

(Tradotto automaticamente da Norsk di Gtranslate (esteso Google))

 

Quando Emmerson Mnangagwa è diventato presidente dopo il colpo di stato contro Mugabe nel novembre 2017, ha chiarito presto che non è un nuovo Mugabe e vuole scrivere la sua storia politica. Mnangagwa ha segnalato una grande disponibilità ad affrontare l'economia degli scacchi e ad aprire investimenti stranieri. Ha sottolineato in diverse occasioni che garantirà elezioni libere ed eque a luglio 2018. Le prossime elezioni saranno la cartina di tornasole per verificare se i diritti umani sono rispettati e non si verificano frodi elettorali.

Misure positive Vi è una forte pressione sullo Zimbabwe da parte di attori nazionali, regionali e internazionali affinché facciano elezioni libere ed eque. Il desiderio di Mnangagwa di legittimità e assistenza da parte di questi attori può fungere da motore per l'elezione democratica. Per la prima volta dal 2002, lo Zimbabwe apre la partecipazione agli osservatori elettorali dell'UE e degli Stati Uniti. La Norvegia e altri 61 paesi, tra cui l'Unione africana e la Comunità di sviluppo dell'Africa australe, sono invitati a inviare osservatori elettorali.

Durante le elezioni del 2013, è stato riferito che in alcuni ambienti il ​​doppio degli elettori è stato registrato come residente. Allo stesso tempo, è stato stimato che centinaia di migliaia di elettori – principalmente dall'opposizione – sono stati espulsi dai seggi elettorali a causa di errori di registrazione elettorale. Per evitare tali irregolarità nelle prossime elezioni, è stato lanciato un sistema di registrazione elettorale biometrica (BVR), che è ancora in fase di sviluppo. Se questo sarà un successo, richiederà un miglioramento e una vera democratizzazione nel processo elettorale.

- annuncio pubblicitario -

Ma ... Mnangagwa ricoprì diverse posizioni politiche di rilievo sotto Mugabe e appartiene allo stesso partito politico, Zanu-PF, ma un'altra ala. Mnangagwa ha forti legami con i militari e ha nominato un certo numero di vecchi membri della banda, alcuni dei quali ex picchi militari, al governo.

La Commissione elettorale (Commissione elettorale dello Zimbabwe) è un'organizzazione indipendente che è responsabile di assicurare che le elezioni si svolgano a tutti i livelli. Tuttavia, molti credono che la sua indipendenza da Zanu-PF sia solo sulla carta: è il presidente che nomina i membri della commissione.

La libertà di espressione e la stampa sono un prerequisito per garantire scelte libere ed eque. Le leggi repressive che incidono sulla libertà di espressione, il diritto di dimostrare e ostacolare molti giornalisti nel loro lavoro non sono stati abrogati o modificati dall'inaugurazione di Mnangagwa. I canali dei media statali sono ancora usati come strumento per promuovere la propaganda Zanu-PF. Reporter senza frontiere ha classificato lo Zimbabwe numero 128 su 180 paesi in libertà di stampa nel 2017, in parte a causa di leggi sui media oppressive e molestie nei confronti dei giornalisti.

La maggiore militarizzazione dello Stato dopo il colpo di stato contro Mugabe parla contro un'elezione democratica. È stato riferito che circa 5000 soldati sono stati dispiegati nei villaggi di tutto il paese per osservare le imminenti elezioni. È stato riferito che i soldati stanno minacciando la gente del posto di votare per Zanu-PF. I gruppi di opposizione hanno chiesto di fermare le elezioni libere per tutti dello Zimbabwe.

margrethes8@gmail.com
Makosir è membro del consiglio editoriale di Africa.no del Joint Council of Africa.

Dai una risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

A proposito di Assange, tortura e punizioneNils Melzer, relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura e altri trattamenti o pene crudeli, inumani o degradanti, dice quanto segue su Assange:
Con spina dorsale e bussola etica intatteAVVISO Abbiamo bisogno di una cultura dei media e di una società basata su responsabilità e verità. Oggi non lo abbiamo.
Espediente / Teoria del trucco (di Sianne Ngai)Sianne Ngai è una delle teoriche culturali marxiste più originali della sua generazione. Ma sembra desiderosa di trascinare l'estetica nel fango.
Scioglimento della convivenza / Le rotture coniugali nell'Africa subsahariana musulmana (di Alhassane A. Najoum)È costoso sposarsi in Niger anche se il prezzo della sposa varia e, in caso di divorzio, le donne sono obbligate a rimborsare il prezzo della sposa.
Etica / Quali sono i principi etici alla base delle prime punture di vaccino?Dietro la strategia di vaccinazione delle autorità c'è un caos etico.
Cronaca / La Norvegia al vertice dell'Europa nel nazionalismo?Sentiamo costantemente che la Norvegia è il miglior paese del mondo, ma questo non è necessariamente il caso della stragrande maggioranza dei norvegesi e delle persone che si trasferiscono qui.
Filosofia / Disobbedire! Una filosofia di resistenza (di Frédéric Gros) Perché, dove, quando e per quanto tempo siamo obbedienti?
Mitologie / Il cacciatore celeste (di Roberto Calasso)Nei quattordici saggi di Calasso ci troviamo spesso tra mito e scienza.
Cina / La conquista silenziosa. Come la Cina sta minando le democrazie occidentali e riorganizzando il mondo (di Clive Hamilton e Mareike Ohlberg)È noto che la Cina sotto Xi Jinping si è sviluppata in una direzione autocratica. Gli autori mostrano come l'effetto si sia diffuso nel resto del mondo.
Nawal el-saadawi / Nawal El-Saadawi – in promemoriaUna conversazione su libertà, libertà di parola, democrazia ed élite in Egitto.
Necrologio / In memoria di Nawal El-SaadawiSenza compromessi, ha parlato contro il potere. Adesso se n'è andata, ha 89 anni. L'autrice, medico e femminista Nawal El-Saadawi ha scritto per MODERN TIMES da giugno 2009.
Dibattito / Cos'è la sicurezza oggi?Se vogliamo la pace, dobbiamo prepararci per la pace, non per la guerra. Nei programmi preliminari del partito, nessun partito nello Storting è a favore del disarmo.
- Annuncio pubblicitario -

Potrebbe piacerti ancheRelazionato
Consigliato