Teatro della crudeltà

Il litigio coniugale

Aumenta la quota di immigrati che portano coniugi dal Paese di origine, avverte il Servizio per i diritti umani. Uso scorretto delle statistiche, dicono i critici.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Non viene spiegato come debbano essere interpretate le statistiche relative ai modelli di matrimonio nella popolazione immigrata. Né c'è accordo su cosa significhino queste statistiche per lo sviluppo dei modelli matrimoniali tra gli immigrati o per la loro integrazione nella società norvegese.

Perché mentre il Servizio per i diritti umani, con il supporto dei dati di Statistics Norway (SSB), avverte che la percentuale di persone che portano coniugi nel loro paese di origine aumenta dalla 1a alla 2a generazione di immigrati, l'organizzazione è criticata da altri – incluso SSB stesso – per aver interpretato male le cifre.

Lo sfondo di questo disaccordo è il rapporto "Immigrazione attraverso il matrimonio", pubblicato dal Servizio per i diritti umani (HRS) il 17 maggio di quest'anno.

Hentekteskap

Il rapporto ha ricevuto molta attenzione da parte dei media nel periodo successivo al National Day. Forse non così sorprendente, perché secondo HRS questa era "la più ampia documentazione statistica mai realizzata in Norvegia su questa forma di immigrazione in Norvegia".

Le statistiche principali del rapporto si basano su un incarico di pagamento con l'Ufficio statistico norvegese. Il punto di partenza sono le indagini sui modelli matrimoniali per 16 gruppi di immigrati non occidentali centrali nel periodo dal 1996 al 2003, divisi in 1a e 2a generazione, sesso ed età.

Og dette var hovedfunnene, gjengitt slik HRS presenterer dem i sitt sammendrag på sin hjemmeside:

  • L'87% degli uomini della prima generazione ha sposato donne provenienti dallo stesso paese. Di questi, il 1% ha ripreso la moglie nel Paese d'origine. Coloro che hanno vissuto più a lungo in Norvegia, Pakistani e Turchi, trovano maggiormente il coniuge nel Paese d'origine (ca. 64% per entrambi i gruppi). Il 76% ha contratto matrimonio con una donna norvegese.
  • L'88% delle donne della prima generazione ha contratto matrimonio con un uomo dello stesso paese. Di questi, il 1 per cento ha prelevato il coniuge nel Paese d'origine. La maggior parte delle donne turche e pakistane pratica matrimoni combinati (rispettivamente 50 e 77%). L'74% ha sposato un norvegese.
  • Ca. 95 prosent av 2. generasjons innvandrere har inngått ekteskap med ektefelle med samme landbakgrunn, og 75 prosent hentet ektefellen i foreldrenes opprinnelsesland (tallene er nesten like for kvinner og menn). 2-3 prosent av ekteskapene var med etnisk norske personer.

“Smutthullet er ekteskap”

Slik Human Rights Service presenterer det var det altså flere 2. generasjonsinnvandrere som giftet seg med personer med samme landbakgrunn eller – enda verre – hentet ektefellen fra foreldrenes opprinnelsesland.

Rispetto al modello matrimoniale degli immigrati di prima generazione, secondo HRS lo sviluppo è andato nella direzione sbagliata: "La situazione nella seconda generazione è più drammatica, soprattutto dal punto di vista dell'integrazione".

Perché, come scrive anche HRS nella presentazione del rapporto:

“Det er ikke lett å få varig opphold i Norge. Smutthullet er ekteskap. Dagens norske politikk legger forholdene optimalt til rette for innvandring gjennom ekteskap, som også utnyttes – på bekostning av særlig unge innvandrere i Norge. Mange er rett og slett levende visum, men myndighetene fastholder på at tradisjonen arrangerte ekteskap er frivillig og deres kultur.”

HRS pone quindi le seguenti domande:

“Hvordan kan det ha seg at vi tror at 3 av 4 innvandrere i 2. generasjon (som er født og oppvokst her) frivillig henter ektefelle i foreldrenes opprinnelsesland, samtidig med at nesten ingen gifter seg med norske?”

Forse la scoperta più importante del rapporto, spiega HRS, è però la seguente: "Siamo di fronte a un'esplosione del numero di bambini e giovani di questo gruppo che sono o saranno in età da marito".

Rundt 80.000 barn og unge i alderen 0-19 år fra land der arrangerte ekteskap er utbredt er nemlig i dag registrert i Norge. Hvis ikke politikken legges radikalt om, får dette dramatiske konsekvenser, mener HRS: “Vårt hovedanliggende er at hvis dagens ekteskapsmønster fortsetter, vil Norge stå foran en dramatisk økning av henteekteskap og herav mange tvangsekteskap.”

- Contraddizioni ed errori

Ma è così ovvio che il modello matrimoniale continuerà con l’attuale politica di immigrazione?

Non tutti sono d'accordo con questo. E ora, quattro mesi dopo la pubblicazione di "Immigration through Marriage", diverse persone si oppongono sia alle conclusioni del rapporto che all'uso delle statistiche da parte di HRS.

En av kritikerne er Athar Akram, redaktør i magasinet Ung Muslim. 15. september la han fram en rapport med tittelen “Faktuelle og metodiske feil begått av Human Rights Service i rapporten Innvandring gjennom Ekteskap”..

– Rapporten inneholder etter min mening flere selvmotsigelser og feil av varierende alvorlighetsgrad, som enten tyder på forvrengning av virkeligheten, overdrivelser, udugelighet, inkompetanse, bevisst eller ubevisst underslag av fakta eller en kombinasjon av disse, sier Akram, som kommer med sin kritikk som privatperson, uten noen organisasjon i ryggen.

Uno dei punti di forza di Akram, che ha una qualifica di Cand. Scientist presso l'Università di Bergen, è che crede che HRS in diverse occasioni operi con cifre errate.

In primo luogo, HRS avrebbe "rinominato una serie di cifre acquistate da Statistics Norvegia".

– Et av hovedpoengene til HRS er at 75 prosent av 2. generasjonsinnvandrerne som giftet seg har hentet ektefelle fra sitt opprinnelsesland, og at dette er en høyere andel enn for de som innvandret til Norge. Dette er derfor et tegn på at integreringen er en fiasko, mener de. Problemet er at HRS aldri kjøpte tall fra SSB som sier hvor mange som har giftet seg i sine opprinnelsesland. De kjøpte tall som sier hvor mange som giftet seg i utlandet. Dette inkluderer altså både de som giftet seg i Danmark, England og andre land som de ikke stammer fra. Dermed blir tallene for ekteskap med personer fra opprinnelsesland høyere i rapporten enn det de virkelig er, sier Akram.

– Citazione errata delle cifre

Numerosi esempi fanno dubitare il direttore di Ung Muslim di quanto ci si possa fidare delle cifre del rapporto HRS.

Tra l'altro, ritiene di poter dimostrare che "in operazioni semplici e banali come il calcolo della media è stato commesso un errore di calcolo, che incide sull'analisi e sulla conclusione".

Altrove nel suo rapporto, Akram sottolinea che HRS cita erroneamente i dati di un sondaggio danese. Nel rapporto HRS si legge che dal sondaggio "risulta che tra coloro che hanno un'istruzione più lunga nei gruppi interessati, ben il 50% continua a trovare un coniuge nel proprio Paese d'origine".

Etter å ha sjekket den danske rapporten fant Akram ut at det korrekte tallet ikke var 50 prosent, men 43 prosent.

- Ciò significa che in Danimarca il 57% si è sposato, dice Akram, il quale ritiene che questo dovrebbe spingere HRS a concentrarsi sul fatto che l'istruzione superiore porta effettivamente il modello matrimoniale ad andare nella giusta direzione.

– Skjønnmaling av Danmark

Altrettanto problematico è ciò che HRS tralascia nel suo rapporto, ritiene Akram.

– HRS anser ekteskap mellom en med innvandringsbakgrunn og en i sitt opprinnelsesland som “dårlig” integrasjon, mens ekteskap mellom en med innvandringsbakgrunn og en som er bosatt i Norge som bedre integrasjon (men enda bedre om det er en etnisk norsk person). Men statistikken inkluderer ikke de som lever som samboere, som må være et tegn på virkelig god integrasjon. Og ved samboerskap kan jo heller ikke tvangsekteskap være med i bildet, sier Akram.

For å illustrere sitt poeng gjør Akram en beregning ut ifra et begrenset tallmateriale fra SSB som finnes på samboerskap blant innvandrere i fire aktuelle land (Pakistan, Marokko, India og Tyrkia).

Aggiungendo al numero dei matrimoni un numero prudente di convivenze, egli conclude che la percentuale di matrimoni combinati nel paese d'origine per gli immigrati di 2a generazione non sarà del 75%, come calcola HRS, ma del 61%.

- Ritengo quindi che l'analisi di HRS sia errata, in quanto non viene preso in considerazione tutto l'aspetto della convivenza. La statistica HRS sopprime così le "forze positive dell'integrazione", il che significa che sia l'analisi che la conclusione non sono corrette, ritiene Akram.

Et annet moment ved HRS-rapporten som redaktøren i Ung Muslim synes er alvorlig, er HRS sin skjønnmaling av det nye innvandringsregimet i Danmark. Ifølge Akram refererer HRS til et dansk forskningsprosjekt som organisasjonen tar til inntekt for sitt syn om at reglene fungerer og at danskene, inkludert innvandrerne, er fornøyde.

Il progetto di ricerca danese, però, fa emergere una serie di problemi legati alle nuove regole, oltre alle critiche di molti “nuovi danesi”.

- Poiché il rapporto a HRS è un documento rivolto sia alle autorità, ai politici che al pubblico nel tentativo di attuare una serie di misure adottate in Danimarca, ritengo che HRS sia obbligato a fare riferimento anche alle esperienze negative in per dare ai politici una base decisionale corretta, ritiene Akram.

Hans konklusjon er at manglene og feilene i HRS-rapporten gjør at det bør stilles spørsmål ved organisasjonens troverdighet og integritet.

- Fondamentalmente non sono d'accordo

Lars Østby, forsker på demografi og levekår i Statistisk sentralbyrå, har ikke lest Akrams kritikk av HRS-rapporten. Han vil derfor nødig kommentere motsetningene dem imellom i detalj.

Derimot kjenner han godt til “Innvandring gjennom Ekteskap”. Og hovedankepunktet hans er Human Rights Services bruk av statistikken som omhandler ekteskap inngått av 2. generasjons innvandrere, eller etterkommere av to utenlandsfødte foreldre, som Østby foretrekker å bruke som betegnelse.

- Il problema è che guardano solo chi si è sposato. Ma il gruppo è molto giovane e finora pochi si sono sposati. Naturalmente i pochi che si sono sposati hanno un’età da matrimonio bassa. Non sappiamo nulla del modello che seguiranno coloro che si sposeranno più tardi, ma il fatto che saranno più anziani avrà un impatto sia su se che con chi si sposeranno, dice Østby, che lavora con la demografia da 40 anni.

Østby trova problematico il fatto che HRS affermi che gli immigrati di seconda generazione riproducono i modelli matrimoniali della generazione dei loro genitori, il che a sua volta crea problemi di integrazione nella società norvegese. Secondo lui, l'età del matrimonio dimostra che non stanno semplicemente riproducendo il modello dei genitori.

- Sono fondamentalmente in disaccordo con loro per quanto riguarda la direzione dell'integrazione. Credo che l'integrazione in settori importanti stia andando bene, si stia lentamente muovendo nella giusta direzione, dice Østby, che fa riferimento alle statistiche sull'istruzione, sul lavoro, sul reddito e sul comportamento demografico che, a suo parere, lo confermano.

– Tilpasser seg

- Quando si tratta di formazione familiare in Norvegia, può essere altrettanto importante considerare quando le coppie creano una famiglia attraverso la nascita di figli quanto lo è guardare al matrimonio, dice Østby e illustra con il seguente esempio:

Le statistiche per le donne di età compresa tra 20 e 24 anni mostrano che 250 su 1000 donne pakistane di prima generazione (che avevano 1 anni o più quando si trasferirono in Norvegia) hanno partorito nel 16. Per le donne di prima generazione che avevano meno di 2004 anni quando si trasferirono in Norvegia , la percentuale di partorienti lo scorso anno è scesa a 1 su 16.

Og for 2. generasjonskvinner med opprinnelse i Pakistan var andelen som fikk barn bare 60 av 1000.

- È lo stesso tasso di fertilità medio di tutte le donne norvegesi e dimostra che la popolazione immigrata si adatta al modello di fertilità norvegese. HRS non ne tiene conto quando si concentra unilateralmente sul matrimonio, spiega Østby, il quale ritiene che Athar Akram abbia ragione quando sottolinea che HRS non include la convivenza nel suo rapporto, anche se è noto che non si tratta di un grande problema. percentuale della popolazione immigrata – soprattutto non proveniente dai paesi su cui si concentra HRS – che pratica questa forma di convivenza.

Ma anche le statistiche sui matrimoni mostrano che, secondo Østby, si stanno verificando grandi cambiamenti. Un esempio: il 60% delle donne pakistane di prima generazione si sposano prima dei 1 anni, rispetto al 21% delle donne di seconda generazione che hanno 20 anni. Il 2% degli uomini pakistani di prima generazione si sposa alla stessa età, solo il 21% degli uomini di seconda generazione.

– Dette er klare forskjeller fra en generasjon til den neste, sier Østby.

- Ma allora HRS ha ragione nel dire che questi pochi discendenti sposati hanno un coniuge proveniente dal paese di nascita dei genitori o da questo gruppo di immigrati in Norvegia. Le cifre non indicano che il numero di coloro che portano con sé un coniuge da un altro Paese sia di particolare importanza.

– Tilveksten synker

Den store frykten for at ikke-vestlige innvandrere kommer til å flomme over landet vårt, illustrert gjennom en “eksplosjon” av gifteklare unge og teorien om eksponensiell vekst, deler ikke Østby.

Ancora una volta, fa riferimento alle statistiche sul gruppo di immigrati pakistani in Norvegia, dal momento che è qui da così tanto tempo che ha molti più discendenti di chiunque altro:

– Selv om den pakistanske gruppa vokser, har tilveksten gjennom innvandring fra Pakistan sunket fra om lag 10 prosent til 3 prosent de tjue siste årene, sier SSB-forskeren.

E per quanto riguarda il timore di una crescita esponenziale fa riferimento alle previsioni degli anni Ottanta.

- All'epoca molti avvertivano che la Norvegia sarebbe stata inondata di cileni, basandosi sul fatto che il gruppo di immigrati cileni cresceva del 44% ogni anno per un certo periodo. Ma ciò non è avvenuto, dice Østby.

- Abbiamo dimostrato empiricamente che i gruppi di immigrati non cresceranno indefinitamente. Il modello di nascita si adatta molto rapidamente al paese ospitante. La crescita maggiore adesso avviene attraverso l'immigrazione di nuovi gruppi di immigrati, mentre i gruppi già esistenti non registrano una crescita così forte, conclude.

Potrebbe piacerti anche