Teatro della crudeltà

Polvere da sparo del vero Sami

La band Sami Adjagas scrive i propri joik e li avvolge con musica ispirata al rock, al country e al reggae. L'album di debutto uscirà lunedì.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Blå a Oslo, giovedì 3 novembre: il cantante siberiano Albert Kuvezin e la band Yat-Kha eseguono versioni feroci delle canzoni dei Led Zeppelin e dei Joy Division. Durante il concerto, che faceva parte dell'Oslo World Music Festival, Kuvezin sottolinea come la sua canzone della steppa ricordi il Sami joik, e ha mostrato che aveva prestato orecchio al riscaldamento della serata. Perché prima che Yat-Kha salisse sul palco, le giovani joiker Lawra Somby e Sara Marielle Gaup nel gruppo Adjagas avevano fatto la loro parte per mostrare come può suonare il joik nel 2005.

Adjagas strappa il joik liberandolo sia dalle tradizioni che dai moderni legami con il jazz e l'elettronica a cui ci siamo abituati. Invece, la band trae ispirazione dal rock, dal country low-key e persino dal reggae. Il singolo di debutto "Mun Ja Mun", South Sami da "jeg og jeg", deriva il suo titolo dalla Giamaica, più specificamente l'espressione "io e io" dei rastafariani – che è usata per mostrare legami sia con Dio, le anime gemelle che l'esterno mondo.

- "Mun Ja Mun" non è un'espressione sami, ma è tradotta direttamente dal giamaicano. C’è un doppio significato nell’espressione in cui mi riconosco. Sono per metà Sami del Sud e per metà Sami del Nord, e ci sono due mondi diversi, con lingue distanti tra loro come il norvegese e il tedesco. "Io e io" si riferisce al fatto che io sono sia Sami del Nord che Sami del Sud, ma allo stesso tempo si riferisce a un "noi" più ampio: il popolo Sami del Sud. Ho origini Sami del sud, ma non so molto della lingua o della storia. La sensazione mi ricorda Signore degli Anelli, quando gli elfi lasciano la Terra di Mezzo. Provo lo stesso sentimento di perdita in relazione alle mie radici Sami del sud, dice Somby.

Secondo la mitologia Sami, anche lo Joik è originariamente una lingua elfica, tramandata ai Sami dal popolo elfico Ulda. Devono essere esistiti in una dimensione diversa dalla nostra, ma nello stesso tempo e nello stesso luogo. Di conseguenza, solo pochi hanno la fortuna di vedere le lane e le loro mandrie di renne bianche.

- Quando abbiamo ricevuto la visita di un amico, improvvisamente si è vantato della bellissima renna bianca che ha visto fuori dal finestrino della macchina. Ma quando il resto di noi guardò, nessuno di noi vide una sola renna.

Carriera fulminea

Gli Adjagas sono una band nuova, ma stanno per avere una carriera lampo. Si sono riscaldati per la Kaizers Orchestra durante Bylarm quest'anno e sono stati invitati ad aprire il festival di Glastonbury in Inghilterra (il concerto è stato cancellato a causa del maltempo). Hanno poi suonato durante il concerto di Mandela a Tromsø, e il 2 dicembre si stanno riscaldando per Madrugada all'Oslo Spektrum. Opportunamente, poiché "adjagas" in Sami significa quasi lo stesso dello spagnolo "madrugada" (l'ora blu prima dell'alba).

- Adjagas è lo stato in cui ti trovi quando ti svegli o subito prima di addormentarti. La maggior parte dei miei joik avvengono in questo stato, preferibilmente a tarda notte, e non sono sempre consapevole di cosa trattano finché non sono stati scritti. Poi scriviamo la musica per i joik, iniziando con i sentimenti presenti in ogni joik.

È cresciuto a Oslo, con un abile falegname come padre, ma lo stesso Somby non ha praticato joik fino all'età di 17 anni. Il desiderio è nato dopo che suo padre era stato presentatore durante un grande evento a Karasjok, dove si era lamentato del fatto che fossero così pochi i giovani che volevano fare qualcosa di così bello come scherzare.

- L'ho presa come una sfida personale e mi sono seduto con una cassetta di battute classiche. L'ho ascoltato senza sosta, ma solo dopo una settimana sono riuscito a procurarmi uno dei joik presenti sulla cassetta. Ho praticato in completa segretezza con mio padre e solo dopo tre mesi ho mostrato cosa sapevo fare durante una settimana indigena a Ginevra.

Visto come un peccato

Il padre rimase impressionato e Somby continuò a fare il fantino. Ma crede che lo scherzo sia ancora una forma di espressione stigmatizzata tra i Sami, e attribuisce gran parte della colpa al Laestadianesimo, che ha guidato la rigenerazione dei nonni.

- La rinascita religiosa nel paese Sami fece sì che giocare a carte, cantare e ballare fossero considerati un peccato, e quindi lo scherzo veniva disprezzato. Sono stati solo la feccia, i ribelli e gli ubriaconi a mantenere viva la tradizione, e di conseguenza lo joik è ancora molto danneggiato. Posso contare sulle dita i giovani burloni di oggi a Samiland.

Lo joik fu vietato in diverse scuole del Finnmark fino agli anni '1970, e quando Tanabreddens Ungdom registrò lo joik su disco nel 1974, fu rivoluzionario in molti modi. Non solo nella comunità Sami, perché molte delle canzoni sono apparse su Norsktoppen. Lawra Somby conosce bene i Tanabreddens Ungdom, ma per lui simboleggiano anche l'inizio della commercializzazione delle tradizioni joike. Qui hanno preso i tradizionali joik e li hanno trasformati in confezioni 4/4 facilmente digeribili, un processo di appiattimento che ha raggiunto il suo apice quando Sverre Kjeldsberg e Mattis Hætta hanno vinto la finale del Gran Premio di Norvegia Melodi nel 1980 con "Samid Ædnan".

- Non ho alcuna intenzione di modernizzare i joik tradizionali, ed è per questo che scriviamo esclusivamente joik completamente nuovi. Non tocchiamo i vecchi joik. Joik è una forma di musica Sami ed esiste sotto forma di molti generi diversi. È un modo di esprimere i propri sentimenti, e i sentimenti sono così diversi. Se tradotto in un senso comune della musica, lo joik spazia dall'hardcore alle ballate. La voce cerca di essere una band a sé stante, con i propri segni ritmici, la linea dei bassi e un loop melodico simile agli acuti più alti.

Maggiore potenza della polvere da sparo

- Ma non sei d'accordo con il testo di Sverre Kjeldsberg secondo cui "l'allegria ha più potere della polvere da sparo".

- Sì, e sia Mattis Hætta che i giovani di Tanabredden hanno contribuito a far conoscere lo scherzo al grande pubblico. Questo è un bene, e c'è sia orgoglio di essere Sami che un lavoro pionieristico dietro la loro musica. Allo stesso tempo, hanno ostacolato un po’ il vero e originale joik. Non abbiamo nemmeno fatto la nostra musica così avanzata come avremmo potuto, ma la cosa importante è che gli Adjagas stanno facendo nuova musica. Non siamo un museo.

Potrebbe piacerti anche