Ordina qui l'edizione estiva

Una pretesa folle

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Il reclamo nel programma di lavoro di SV che gli Stati Uniti siano "la più grande minaccia alla pace mondiale" è, secondo Svein Thuastad, un membro di Sandnes SV, "folle". Lo apprendiamo in un pezzo più ampio sulla "verginità perduta di SV" in Ny Tid 35/05. Il compagno Thuastad attribuisce la responsabilità della formulazione del programma di lavoro a quella che chiama "la cosiddetta ala critica di sistema del partito". Considera anche questa ala "un problema centrale" per il partito.

L'americano William Blum ha nel libro Stato grezzo: una guida all'unica superpotenza al mondo (2000) elenca 67 "interventi globali" da parte degli USA dal 1945 al 2000. Include poi circa 12 azioni non militari, il resto sono militari. Johan Galtung ne scrive in Vardøger (www.vardoger.no) 28 03. Galtung si riferisce anche a Zoltan Grossmann, che poco dopo l'11 settembre stilò un elenco di "Cento anni di interventi militari statunitensi da Wounded Knee all'Afghanistan" sulla base di Documenti del Congresso e servizio di ricerca congressuale della Biblioteca del Congresso. La sua panoramica mostra 134 interventi piccoli e grandi, globali e segreti nel periodo 1890-2001. Ciò dà una media di 1,15 all'anno fino alla seconda guerra mondiale inclusa. Per il periodo successivo al 1945, la media è aumentata a 1,29 all'anno. Nel periodo 1990 – 2001, ovvero i primi 11 anni dopo la fine della Guerra Fredda, Grossmann ha registrato 22 interventi, una media di 2 all'anno. "Ciò supporta l'ipotesi che siano necessari più interventi per la difesa quando un impero cresce", conclude Galtung (p.186).

Blum, Grossmann e Galtung: un problema centrale critico per il sistema per il pensiero liberale! Anche se i numeri di Blum "possono essere discussi" (Galtung), sono più che sufficienti per mantenere ferma la formulazione del programma di lavoro sul ruolo degli Stati Uniti come nazione di pace/guerra. Non conosco nessun altro stato nella storia (nemmeno l'Impero Romano) che abbia condotto così tante guerre in così poco tempo. Qualcuno dei lettori di Ny Tid ne conosce altri? O la conoscenza della più grande minaccia politica alla pace mondiale dovrebbe continuare ad essere un privilegio di partito tra membri selezionati di Sandnes SV?

Proprio perché gli Stati Uniti ora che è il superpotere testardo che è, non deve essere presa in giro. SV deve utilizzare questo come base quando il partito ora ha un impatto sulla politica estera in una posizione di governo. Se si vuole perseguire una vera politica, bisogna almeno avere una percezione realistica della verità, non importa quanto folle sia. Che il programma del partito metta le parole su un fatto folle non è una follia, ma solo un vantaggio. E anche se la povera Norvegia non può in alcun modo diventare un vero e proprio "partner" degli USA, non c'è ancora motivo per cui il Paese debba continuare ad essere un "barboncino".

Hans Ebbing è un filosofo e veterano di SV.

Potrebbe piacerti anche