Teatro della crudeltà

Gli animali nel nostro mondo di favole e simboli

Animali, persone, miti e potere. Una vita lunga e diversificata insieme
Forfatter: Kjetil Bevanger
Forlag: Solum Bokvennen, (Norge)
NATURA / Il modo in cui il mondo appariva dal punto di vista degli animali – come i mammiferi, i rettili, gli insetti, gli uccelli e i pesci hanno reagito nei nostri confronti – era assente nel nostro mondo immaginario. Quando la natura sembrava minacciosa, bisognava combatterla.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

C'era una volta un cinghiale. A Berlino. Una bella sera d'estate fece capolino dai cespugli del parco. "Promettere!!" – gridò un agente di polizia scosso. Gli avvertimenti si propagarono come un incendio nella secca savana nel distretto di Zehlendorf. Per giorni l'animale selvatico era ovunque: sulle labbra della gente, oltre i recinti dei giardini, sui giornali. Solo non in carne e ossa. Gli esperti hanno esaminato più da vicino la foto scattata dall'agente. E schiocca, schiocca, muso: il re degli animali era fuori.

Non è una favola. Questi sono i fatti dalla capitale tedesca nel giugno 2023. Tutti i cuori si sono rallegrati: finalmente qualcosa di veramente divertente nella vita. Certo, l’aneddoto descrive anche la nostra alienazione da una natura dalla quale ci siamo allontanati. Nella nostra storia sugli animali lo è Centro si tratta di come abbiamo combattuto le specie della natura, come le abbiamo usate e abusate, come le abbiamo inserite nel nostro mondo di favole e simboli. Il modo in cui i mammiferi, i rettili, gli insetti, gli uccelli e i pesci hanno reagito nei nostri confronti, il modo in cui il mondo appariva dal loro lato, era assente nel nostro mondo immaginario.

Nel 1931, le autorità cinesi vietarono la letteratura in cui gli animali venivano rappresentati come nostri pari.

Quindi è anche logico che il libro di Kjetil Bevanger Animali, persone, miti e potere si pone come un'enciclopedia dettagliata, dove il rapporto animale/uomo sul nostro pianeta è totalmente dominato dall'uomo.

Simbolismo animale

In un’epoca in cui dominavano le religioni della natura, la natura fuori di noi era qualcosa di spaventoso e imprevedibile. Pertanto doveva essere offerto offerte – animali – agli dei. Successivamente divenne comune la mummificazione degli animali. Non sempre come offerte. Secondo Bevanger i ritrovamenti archeologici documentano tra l'altro che alla fine del XIX secolo 1800 tonnellate di gatti mummificati furono trasportate in Inghilterra e vendute come fertilizzante.

Miti e storie si diffusero e divennero la base delle culture. Alle nostre latitudini, la mitologia norrena era l’arena per persone, dei e animali. Il simbolismo animale si trasformò in una vera e propria dottrina del presagio. "Tra gli uccelli, il falco pescatore era uno dei più pericolosi poiché preferiva i capelli umani per costruire i nidi. Se non si morisse, ciò porterebbe in ogni caso a mal di testa, pazzia o perdita di capelli", scrive Bevanger. Gli uccelli e gli animali selvatici sono stati associati, ad esempio, all'epilessia, ma d'altra parte sono stati anche utili medicine. Il desiderio sessuale poteva essere stimolato utilizzando ossa di rospi o rane insieme ad una formula magica.

La crudeltà sugli animali è strettamente legata alle cure mediche. La bile d'orso è conosciuta in Asia come medicinale da 3000 anni, come rimedio contro l'itterizia, il congelamento e l'eczema. Gli orsi sono stati tenuti "in molti luoghi" in cattività in piccole gabbie allo scopo di produrre la bile. La produzione prevedeva il drenaggio della bile dall'animale vivo, un processo molto doloroso. Un altro farmaco consisteva in un decotto di vitello vivo, che veniva usato per lavare le afte.

cristianesimo

Un cambiamento decisivo si è verificato con l’agricoltura circa 10 anni fa. Ora abbiamo gli animali in due diverse categorie: animali da fattoria e animali selvatici. I primi erano nostri amici e aiutanti, gli altri nostri nemici e concorrenti. Con il cristianesimo ciò si è rafforzato. Il messaggio era chiaro: quando la natura sembrava minacciosa, bisognava combatterla. Dovremmo considerarci governanti degli animali. Bevanger cita il teologo cattolico Thomas Tommaso d'Aquino: "La vita degli animali e delle piante non è mantenuta per se stessi, ma per quella dell'uomo. Non importa come le persone si comportano nei confronti degli animali, perché Dio ha messo tutto in potere dell’uomo”.

Il tentativo dei lobbisti anti-lupo di sbarazzarsi del lupo è contrario al diritto norvegese e internazionale.

Questo potere era inoltre, in linea con le tesi del cristianesimo in generale, dominato dagli uomini. Ed era pesantemente dotato di nozioni di "eresia", spesso in combinazione con presunte magie e pulsioni sessuali. Questa visione molto spesso faceva soffrire le donne: per oltre 300 anni dovettero stare attente a non essere bruciate sul rogo. In Tessaglia si dice che le donne potessero trasformarsi in animali e volare nell'aria. Ciò era ulteriormente collegato alla mitologia del mutamento di opinione, un fenomeno fermamente stabilito fin dai tempi di Omero, quasi 3000 anni fa. Il lupo mannaro è un esempio dell'idea animale/umana, che esiste fin dall'epoca precristiana. L'entità deve inizialmente descrivere uno stato d'animo e un comportamento specifico.

Dalle favole di Esopo.

Uomo-animale

Bevanger ci fornisce l'astrologia come esempio di come gli approcci mitici siano riusciti a svilupparsi in "scienza".

Nel corso dell'anno, il sole si muoverà lungo un cerchio immaginario: lo zodiaco. Contiene nomi di animali: ariete, toro, gambero, leone, scorpione, capricorno, pesce. Mostri, mostri, giganti e troll, invece, rimangono per lo più nel regno della fantasia. Nelle parole dell'autore: "I bravi narratori non si sono mai lasciati inibire da un basso livello di verità". E spesso si trattava dell'eroica lotta dell'uomo contro gli animali. I dinosauri sono tra coloro che si dice abbiano ispirato le storie sui serpenti marini e sui draghi. Erano chiamate lucertole dell'orrore. In Norvegia amiamo particolarmente i troll, meravigliosamente illustrati attraverso Theodor Il solleticodisegni. Ma i troll erano disapprovati dalla chiesa e descritti come nemici di Dio. In altre parole, erano diabolici. È citato dalla prima legge nazionale norvegese del 1274-1276: "È severamente vietato avere contatti con i troll. La violazione può comportare la punizione più severa prevista dalla legge."

Bevanger ritiene che "il nostro istinto e il nostro istinto generalmente ci impediscono di maltrattare gli animali". Questa affermazione è in contrasto con la realtà odierna. Con una popolazione mondiale di 8 miliardi di persone, il rapporto uomo-animale è diventato estremamente acuto. Il bestiame e gli esseri umani costituiscono il 96% dei mammiferi del mondo. I mammiferi selvatici costituiscono il resto: il 4%. Bevanger ragionevolmente non si riferisce al "sentimento viscerale" degli asiatici. Nel 1931 le autorità cinesi vietarono la letteratura in cui gli animali venivano rappresentati come nostri pari, e i cinesi non fingono nemmeno di preoccuparsi del benessere degli animali – basti pensare al famigerato mercati bagnati, dove gli animali vengono tenuti e venduti in condizioni abominevoli.

Benessere degli animali

Ma qui a casa? Predatori divide le menti in misura particolarmente ampia. Nella cultura Sami l'orso era sacro, altrimenti veniva cacciato e combattuto con ogni mezzo. Il tentativo dei lobbisti anti-lupo di sbarazzarsi del lupo è contrario al diritto norvegese e internazionale. E che dire degli animali domestici? Da noi, essi – comprese le specie esotiche che non appartengono alla Norvegia – possono essere acquistati da chiunque e trattati al di là di ogni conoscenza del benessere degli animali. I proprietari di cani sono felici con i loro migliori amici a quattro zampe, anche se sono stati allevati per avere problemi di salute, ad esempio di respirazione.

Il crescente sradicamento degli habitat da cui dipendono sia gli animali che gli esseri umani non parla a favore della superiore intelligenza della specie umana. Ma la fantasia rimane ad alto livello. Ci sono persino leoni che vagano per Berlino.

Ranveig Eckoff
Ranveig Eckhoff
Eckhoff è un revisore regolare di Ny Tid.

Potrebbe piacerti anche