Ordina qui l'edizione estiva

Piccioni e pirati

Ho dei diamanti sotto le suole delle mie scarpe, ma devo attraversare il ruscello per prendere l'acqua.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[Africa orientale] Inizia con le prime chiamate di preghiera dalla moschea alle cinque. Poi galli, mucche e cani randagi si uniscono al concerto mattutino, e poi è solo questione di alzarsi.

La vita ai piedi del Kilimangiaro è raramente silenziosa.

Ma ogni tanto, quando tendo le orecchie, riesco a sentire una strofa familiare che a lungo pensavo avesse solo 20 anni, ma che probabilmente ha risuonato qui nelle pianure più a lungo di quanto Paul Simon e il gruppo Zulu Ladysmith Black Mambozo l'abbiano cantata. , e anche più a lungo delle preghiere della moschea è stata ascoltata. È il suono di un piccione – non chiedetemi quale – ma in realtà sono alcune battute dall'intro di "Diamonds on the Soles of Her Shoes", dal meraviglioso disco di Simon Graceland, canticchia. Forse Paul Simon si è semplicemente dimenticato di accreditarlo?

Nel 1986, il boicottaggio economico e culturale dello stato di apartheid del Sudafrica era ancora forte, e molti quindi pensarono che fosse sbagliato che Simon registrasse parti di Graceland in Sudafrica. In retrospettiva, ci sono ancora pochi dubbi sul fatto che l'entusiasmo di Simon per la musica delle township sudafricane e la sua collaborazione con gruppi come Ladysmith Black Mambazo e The Boyoyo Boys Band abbiano portato a un interesse esplosivo per la musica africana in Occidente. Molti considerano anche Graceland una delle prime aggiunte al genere un po' misterioso della "world music", che – se non altro – ha aperto non poche orecchie bianche alla musica anche di Africa, Asia, America Latina e altri avamposti.

Ma alzi la mano chi a casa sa nominare almeno due artisti dell'Africa orientale? Io stesso avevo sentito parlare solo del gruppo hip-hop tanzaniano X Plastaz prima di trasferirmi qui. E non aiuta che io sia ricco, bianco e abbia diamanti sotto le suole delle scarpe quando esco e aggiorno la mia collezione di dischi, perché qui ci sono molte registrazioni originali, anche di bravi artisti locali. Invece, sono costretto ad acquistare copie piratate, o devo attraversare il torrente per l'acqua e ordinare attraverso i negozi online occidentali, se non voglio contribuire all'indebolimento di quella che avrebbe dovuto essere una brillante industria musicale dell'Africa orientale.

Un rapporto della Banca mondiale conclude che oltre il 90% di tutti i CD venduti in Kenya sono copie piratate. Questa attività è così diffusa che le persone in Africa non sanno più che è illegale, ha detto al quotidiano Daily Nation John Andrews della East African AI Records. Il risultato è musica economica per la gente, ma pochi soldi per l'industria musicale. Ma probabilmente il piccione sul tetto vicino sta fischiando a lungo.

Potrebbe piacerti anche