Ordina qui l'edizione estiva

Elimina le tasse globali

Il governo non introdurrà ancora tasse globali. – La Norvegia sta passando da punta di diamante a ritardataria, dice Attac.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[politica] Questa settimana, Erik Solheim ha fornito una risposta che ha riscosso grandi aspettative. La proposta di tasse globali è stata la ragione diretta della creazione di Attac nel 1998, ed è ancora al centro dei movimenti critici della globalizzazione.

La dichiarazione di Soria Moria afferma che la Norvegia sarà un paese pionieristico in materia di tasse globali. Fino al 1° marzo di quest'anno, la Norvegia si è seduta con il club presidenziale nel "Gruppo leader per i meccanismi di finanziamento globali", ma il governo ha costantemente omesso di rispondere a ciò che la Norvegia vuole fare, nonostante le ripetute sfide.

Poi, questa settimana, la risposta è arrivata sotto forma di una lettera al Forum per lo Sviluppo e l'Ambiente.

- Questa è una dichiarazione di fallimento, qui non c'è niente di nuovo. A Soria Moria, il governo afferma che guideremo la tassa sui cambi e la tassa di volo, ma questa lettera indica che la Norvegia sta passando da punta di diamante a ritardataria, afferma Marte Nilsen, capo di Attac.

Nella lettera, Solheim afferma che se verrà istituito un gruppo di lavoro internazionale per l'imposta sui cambi, la Norvegia parteciperà.

- È l'esatto contrario di essere un paese leader, dice Nilsen.

Ny Tid chiama Erik Solheim.

- Sono completamente d'accordo con Attac sul fatto che avrebbe dovuto esserci un maggiore movimento a livello internazionale per introdurre tasse globali, ma sfortunatamente non c'è. Dove c'è effettivamente movimento ora è nei paradisi fiscali, e lì la Norvegia ha assunto un ruolo di leadership, ed è, tra l'altro, in dialogo con diversi senatori americani, dice Solheim.

- Attac dice che secondo Soria Moria, la Norvegia dovrebbe andare avanti e non aspettare una massa critica di altri paesi?

- Se la Norvegia introducesse da sola la tassa sul cambio e la tassa sui voli, dubito che si andrebbe da nessuna parte, è più importante dialogare con gli altri paesi, risponde Solheim.

La questione delle tasse globali è di competenza sia del Ministero degli Affari Esteri che del Ministero delle Finanze, e Marte Nilsen ritiene che Solheim debba aver discusso male con il Ministero delle Finanze.

- Voglio sfidare Solheim a seguire alcuni corsi intensivi sullo sviluppo delle tasse di solidarietà con gli economisti ortodossi del Ministero delle Finanze. C'è una mancanza di conoscenza degli sviluppi che hanno avuto luogo nel campo della tassazione dei cambi, dice Nilsen. Sottolinea che ci sono grandi differenze tra il tipo di imposta valutaria di cui si sta discutendo ora e i tipi di imposta valutaria regolamentare che sono stati discussi in passato.

- Non sono in disaccordo sul fatto che gli economisti del Ministero delle Finanze avrebbero potuto beneficiare di un corso di economia con Attac, ma per ora Attac preferirebbe sparare a Kristin ea me, risponde Solheim in tono umoristico.

Ogni giorno vengono scambiati 2000 miliardi di dollari sul mercato dei cambi, un aumento di 120 volte rispetto agli anni '1970.

- Sono le banche e gli speculatori valutari a trarre i maggiori profitti dagli enormi flussi di denaro che ogni giorno attraversano i confini nazionali. Dobbiamo mettere in atto meccanismi globali per la ridistribuzione da coloro che hanno vinto da questo sistema a coloro che hanno perso, afferma Nilsen.

- Nella buona tradizione socialdemocratica?

- Sì, non si tratta principalmente di beneficenza, si tratta di giustizia, di ridistribuzione dei valori creati nell'economia globale. Questo dovrebbe essere incontrovertibile per un governo rosso-verde, conclude Nilsen.

Potrebbe piacerti anche