Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Dopo è ora

Urth
Regissør: Ben Rivers
(UK)

Et ensomt drivhus er verdens siste skanse i Ben Rivers profetiske science-fiction-scenario som iscenesetter Jordens usikre skjebne: Planeten er avfolket, og drivhuset det eneste levelige stedet.

(Translated from Norwegian by Google Gtranslate)

Lontano e sognante proclama una voce femminile: “Dobbiamo morire tutti; né lasciare superstite né erede dell'ampia eredità della terra. Dobbiamo morire tutti! La specie umana deve perire ... »I versi sono tratti dalla favola di fantascienza apocalittica di Mary Shelley L'ultimo uomo (1826). Dalla nebbia sulla tela emerge l'immagine di una strana ed enorme serra nel deserto. Presto il film passa tra diverse telecamere di sorveglianza e vediamo varie piante arrampicarsi l'una intorno all'altra in un mondo interiore e chiuso. Come dice la voce, le premesse vanno a posto: la voce appartiene a un ricercatore, forse l'ultimo umano di tutti. È intrappolata nella serra che una volta era costruita come una biosfera chiusa, ma che ora è diventata l'unico posto abitabile sulla terra dopo che il clima è diventato selvaggio e l'atmosfera del pianeta è cambiata in una nuvola di gas tossico, come sul pianeta Venere . Il quadro che emerge è estremo, perché presto la serra appare come una piccola cabina sull'astronave Terra, l'unica cabina con condizioni vivibili su un pianeta che, come una versione gigante del Titanic, spinge la morte e le persone nella notte cosmica.

Attraverso lo sguardo di questa persona forse unica sopravvissuta sulla terra, le immagini dalla serra si trasformano: gli alberi diventano gli ultimi alberi, i pesci l'ultimo pesce – o addirittura animali – e l'erba un souvenir biologico. Allo stesso tempo, ci rendiamo presto conto che quello che vediamo è un registro, forse un documento lasciato da questo scienziato naturale quasi dolcemente rassegnato, che giorno dopo giorno cerca di sopravvivere. Quando registra lo squilibrio tra ossigeno e anidride carbonica, capiamo che l'emergenza strisciante nella serra ripete la catastrofe climatica globale in seguito a conseguenze microscopiche e insignificanti. Tutto è già troppo tardi e la storia appare a prima vista come una meditazione poetica sulla caducità di tutte le cose.

La vera storia. Il film d'arte di Ben River può essere fantascienza, ma ha un'atmosfera da documentario ed è anche girato sul posto. L'unità di ricerca Biosphere 2 si trova in Arizona ed è il più grande sistema biologico chiuso mai costruito. Quando il progetto è stato lanciato negli anni '1980, l'ambizione era quella di costruire un sistema biologico stabile e auto-guidato che avesse anche un'atmosfera stabile. In questo modo, ai residenti non solo si doveva fornire aria utilizzabile, ma anche cibo autoprodotto per un periodo di tempo più lungo. L'esperimento potrebbe quindi gettare le basi per future colonie su Marte, un sogno che oggi sembra più diffuso che mai. Non solo Elon Musk e SpaceX facilitano la colonizzazione del "pianeta rosso". Lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum – il vice presidente degli Emirati Arabi Uniti – ha appena dichiarato di voler fondare una città delle dimensioni di Chicago su Marte durante il nostro secolo. La possibilità di società umane e di "terraformazione" di altri pianeti sembra rendere l'avvertimento del movimento ambientalista "Abbiamo un solo pianeta" una verità con modifiche. Per chi sogna un esodo interplanetario, invece, la vera storia della serra gigante Biosphere 2 può fornire una realtà che fa riflettereorientering.

La serra si presenta come una piccola cabina sull'astronave Terra, l'unica cabina con condizioni vivibili.

In primo luogo, si è scoperto che era molto più difficile del previsto tenere sotto controllo la flora e la fauna accuratamente selezionate. La popolazione di formiche e scarafaggi esplose, mentre molti degli alberi crescevano così magistralmente e alti che si spezzarono sotto il loro stesso peso. In secondo luogo, era difficile raggiungere un equilibrio chimico nell'atmosfera, in modo che si rimanesse costantemente a corto di ossigeno, che è anche un tema del film Urth. In terzo luogo, l'ambiente sociale, comunemente chiamato "antroposfera", era ancora un problema. Il gruppo di scienziati che dovevano vivere insieme in questo Eden semisintetico uscì presto in sconvolgenti conflitti e lottò per mantenere il proprio equilibrio mentale. A causa dello squilibrio multiplo del sistema, per il momento gli esperimenti a circuito chiuso furono abbandonati.

- annuncio pubblicitario -

Illusione o delirio. L'idea di sopravvivere davvero nella serra diventa quindi piuttosto spaventosa. Potremmo pensare a Robinson Crusoe o storie di persone che si sono schiantate nella natura selvaggia e aspettano di essere recuperate o scoperte. Aspettare di essere salvati è fondamentalmente la necessità di essere ricollegati alla rete di sicurezza della civiltà. I veri scienziati della Biosfera 2 contrabbandavano segretamente cibo e anche l'atmosfera della serra era integrata con l'ossigeno. Il ricercatore nella serra immaginaria Urth è, invece, totalmente esposto e consegnato al destino. Non ci sono rifornimenti esterni che possano salvarla. Vive in una brutta copia di un mondo il cui originale è andato.

Eppure c'è qualcosa che non va bene in questa storia. Perché il giovane ricercatore è davvero solo? Cosa è successo agli altri? È lei stessa in equilibrio, mentalmente? Possiamo fidarci di quello che ci dice? È difficile non notare che all'esterno ci sono ancora alberi. E gli aerei passano nel cielo. Con questo, emerge un altro scenario: forse è tutto un gioco, un sogno ad occhi aperti o un delirio. Il sospetto è apparentemente confermato quando la donna finalmente dice che vuole entrare nel mondo reale, dove tutto è normale – con strade, città, persone e centri commerciali. Ma chissà, forse questa è solo una fantasia fiduciosa, un ultimo sogno confuso.

Nonostante il carattere del documentario, il film è giocoso e ambiguo, e non è decisivo se la storia sia credibile. Il punto è piuttosto il messaggio dietro la costruzione – e il nostro suspense o incredulità. Nella teoria del dramma, mettere da parte lo scetticismo e la sfiducia è un prerequisito per entrare veramente in una finzione. All'interno della questione climatica, è in un certo senso l'opposto: qui lo scetticismo e la sfiducia che il cambiamento climatico è dovuto agli esseri umani è una finzione in cui ci rifugiamo – per evitare di prendere sul serio la realtà. Quindi, possiamo vedere lo scenario profetico di fantascienza del ricercatore come un tentativo di vivere nella realtà. La storia diventa un esercizio terapeutico, una messa in scena del lontano futuro della biosfera e dell'incerto destino della Terra.

L'esperimento della civiltà è andato storto e la natura è davvero scomparsa per sempre.

Il sogno dell'isola assoluta. L'esperimento della serra è in tutta la sua ambiguità un'immagine perfetta della società odierna. Nel terzo volume della sua opera principale Sfere il filosofo Peter Sloterdijk dedica lunghi passaggi all'esperimento nel deserto dell'Arizona. Vede il sogno di costruire "l'isola assoluta" come una manifestazione estrema e oltraggiosa della tendenza generale dell'uomo a isolarsi dalla natura e modificare il proprio ambiente di vita. Biosphere 2 diventa così un tentativo di riformattazione esistenziale dello stato fondamentale dell'uomo, una sorta di "essere nel mondo 2". L'oasi della serra in Arizona si ergerà come un monumento semidiroccato alla volontà di artificiosità – e un dubbio tributo al "post-naturale".

Nell'esperimento mentale del film, il sogno di una completa padronanza della natura e di un ambiente umanizzato viene rivelato attraverso un'apocalisse piena di ironia. Anche nella piccola serra, il controllo immaginario dell'uomo sulla natura è ridotto a una mappatura nevrotica di processi in fuga. Il tentativo del protagonista di salvare le ultime piante in serra è solo un gesto calmante ma insignificante dopo che la battaglia vera e propria è andata persa, un po 'come lo zoo che tiene in vita gli ultimi esemplari di specie in via di estinzione. Nella narrativa onirica del film, il postnaturale si rivela stranamente concreto: l'esperimento della civiltà è andato storto e la natura è davvero scomparsa per sempre. Con mezzi semplici, la storia instilla così una quieta riverenza per la flora, la fauna e l'ambiente – come qualcosa di insondabile, incontrollabile e inalienabile.

Anders Dunker
Filosofo. Critico letterario regolare a Ny Tid. Traduttore.

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Tutti contro tutti

RIFUGIATI: L'unità è polverizzata, tutti pensano solo a cavarsela da soli, sopravvivere, strappare un boccone in più, un posto nella coda del cibo o nella coda del telefono.

Molti conservatori norvegesi faranno un cenno di apprezzamento a Burke

UNA DOPPIA BIOGRAFIA: Dagli anni '1950, le idee di Burke hanno subito una rinascita. L'opposizione al razionalismo e all'ateismo è forte tra i 40-50 milioni di cristiani americani evangelici.

Un cluster agricolo – un complesso industriale all'avanguardia

PAZZO: Il problema è l'accesso al cibo. Tutti devono mangiare per vivere. Se vogliamo mangiare, dobbiamo comprare. Per acquistare dobbiamo lavorare. Mangiamo, digeriamo e cagiamo.

La dittatura della virtù

CINA: Il Partito comunista cinese si vanta oggi di essere in grado di riconoscere uno qualsiasi degli 1.4 miliardi di cittadini del paese in pochi secondi. L'Europa deve trovare alternative alla crescente polarizzazione tra Cina e Stati Uniti.

La protesta può costarti la vita

HONDURAS: La pericolosa ricerca della verità dietro l'assassinio dell'attivista ambientale Berta Cáceres di Nina Lakhani finisce in più domande che risposte.

Il legante culturale

ROMANZO: DeLillo mette in scena una sorta di stato generale, paranoico, un sospetto che ha portata globale.