Dirigersi

Note sul direttore della fotografia, tradotto in danese e con prefazione di Emil Leth Meilvang
Autore: Robert Bresson
Editore: Editori di Antipyrine, Danimarca

Collezione di aforismi di Robert Bresson Le note sul cineasta sono raramente di stile e minimaliste, finalmente disponibili in traduzione danese.

(Tradotto da Norwegian di Google Gtranslate)

"Cos'è il talento di un'attrice? L'arte di falsificare se stessi, indossare una personalità diversa dalla propria, apparire in modo diverso dal proprio essere, appassionarsi del sangue freddo, dire qualcosa di diverso da ciò che si pensa naturale come si intendeva davvero, e infine Dimentica il loro posto prendendo quello di qualcun altro ”, scrive Rousseau Lettera a D'Alambert. Ma dove Rousseau odia il teatro perché crea cittadini non autentici, il teatro di Robert Bresson funge da sacco da boxe didattico che mostra tutto ciò che il film non dovrebbe essere.

Bresson (1907–1999) si cimentò come pittore d'arte negli anni '20 e fino al 1933. Quindi iniziò a scrivere sceneggiature e nel 1934 fu dietro il cortometraggio Public Affairs, che nessuno ha visto da allora. Nel periodo 1950-1974 ha realizzato otto lungometraggi, mentre allo stesso tempo, in forma di aforisma, ha elaborato una poetica cinematografica che è successivamente diventata molto influente (in contrasto con i suoi film, che oggi sono per lo più visti a causa di Note sul direttore della fotografia).

cinema

Ha chiamato i suoi film contemporanei, di Bresson cinéma, trova solo difetti, e l'errore più importante è che questi film sono prodotti bastardi che non si sono staccati da altre forme d'arte. Per Bresson, il film è un mezzo con un potenziale unico. Descrive questo potenziale in aforismi precisi e laconici, e emerge attraverso le negazioni: l'errore principale con cinéma è la vita fragile che ha portato irresponsabilmente dal teatro, vale a dire attore. Questa falsa apparizione non ha nulla da fare nel direttore della fotografia. Di conseguenza, Bresson si oppone sia a Meyerhold che a Stanislavsky.

- annuncio pubblicitario -

 

DAI FILMATI LEGGI TUTTO QUELLO CHE VERDI

Le stesse parole di Bresson

Istruttore o direttore. Non si tratta di dirigere qualcuno, ma di dirigere se stessi. Nessun attore. (Nessuna istruzione per attori.) Nessun ruolo. (Nessun apprendimento dei ruoli.) Nessuna messa in scena. Ma l'uso di modelli, presi dalla vita. TO BE (modello) anziché ACT (attore). Il film di tono apre le sue porte al teatro, che occupa lo spazio e lo circonda con filo spinato. Pensare che sia più naturale se un movimento viene fatto in quel modo o in quel modo, o se una frase viene pronunciata in un determinato modo, è di per sé assurdo; non ha senso nel grafico del cinematismo. Scava in profondità nei tuoi sensi. Guarda cosa c'è dentro. Non analizzarlo con le parole. Traducilo in immagini gemelle, in suoni equivalenti. Più chiaro è, più chiaro diventa lo stile. (Stile: tutto ciò che non è tecnica.) Rileva la fotocamera "I" non razionale e non logica del modello. (Tradotto dalle Note sul cineasta di Emil Leth Meilvang)

 

La poetica cinematografica di Bresson è diventata successivamente molto influente.

Né la fisionomia né i fatti, né l'empatia di un'altra persona, possono essere tollerati nel mezzo del film sacro di Bresson. Il mondo della cinematografia ha più in comune con la pittura artistica di quanto Bresson ammetta apertamente: l'attore viene trascinato fuori dal giardino di Eden e sostituito da modelli. Nessun attore può essere un modello. I modelli agiscono – almeno idealmente – automaticamente e guidati dalle abitudini. Eseguiranno i loro compiti così tante volte che ogni cosa di intenzione e volontà verrà finalmente spazzata via. Tutto ciò che i modelli ikke spettacoli, sono qualità di base che sono completamente catturate dalla cinepresa. La comunicazione del regista con i modelli è telepatica e pioneristica, e il suo progetto deve essere costantemente e intuitivamente aperto per cogliere le lacune che altri oggetti, luci, suoni e condizioni meteorologiche portano caleidoscopicamente (prima che scompaiano nel prossimo momento).

Il regista come strumento

Il regista non dovrebbe usare strumenti, dovrebbe essere uno strumento – uno strumento di precisione che utilizza l'esclusivo repository cinematografico per creare e ricreare ciò che sappiamo dal catalogo di Eisenstein di diversi tipi di assemblaggio (ad esempio). Il registro crescente di Eisenstein fu pesantemente influenzato dai contrasti del costruttivismo costituito dai conflitti – il cui obiettivo poteva essere tollerato dalla rivoluzione. Tale montaggio diventa troppo rumoroso per Bresson concentrato e riducente: tutti i riflettori dovrebbero sparire, solo l'essenza dovrebbe apparire nella sua nudità; ed è qui che la pittura artistica canta ancora una volta dietro le foreste di Bressonian.

LES DAMES DU BOIS BOULOGNE, 1945.

Proprio come Kraftwerk ha ridotto le sue composizioni a soli contorni archetipici, il creatore della cinematografia di Bresson rimuoverà tutto ciò che non contribuisce alle sensazioni e alle impressioni che sono ricercate. Una messa in scena o un adattamento intellettuale non farà altro che distruggere. Ma il confronto con Kraftwerk si è da tempo interrotto: mentre "Die Robots" si rammarica del modo in cui gli umani vivono la vita delle macchine, tale antiumanesimo per Bresson è una vita libera da punteggiatura e facce false.

Testo vs. immagine

I film di Bresson, insieme al suo famoso testo, possono essere visti come un esame critico della natura della narrazione cinematografica. I tre film che ha realizzato negli anni '50 sono tutte variazioni di un diario scritto trasformato in doppiaggio sull'azione visualizzata. In tutti e tre i film, Bresson mostra la tensione tra testo scritto e parlato da un lato e immagini frammentarie del film dall'altro. I suoi narratori raccontano a se stessi (e noi) storie per scoprire cosa è successo a loro. Questa volatilità di significato si riflette nel taglio di Bresson. Il genio di Erik Løchen La caccia (1959) è ovviamente ispirato alla teoria e ai film di Bresson.

L'ARGENT (MONEY) DEL 1983

elegantemente

I film di Bresson hanno ricevuto un'accoglienza tiepida ai loro tempi, e non riceveranno nemmeno alcun rinascimento. A tal fine, sono eccessivamente sterili e quasi scandalosamente contrassegnati dal momento in cui sono stati creati; Così sono entrambi sterile e vecchio stile. Il suo Note sul direttore della fotografiad'altra parte, vivrà e non solo tra i cineasti. La collezione di aforismi ha valore per chiunque persegua attività intellettuali e / o artistiche. Raramente un sacco di regole di ricordo, insistenze e avvertimenti apparivano più eleganti e minimalisti. Nello spirito di Bresson, li riassumo qui in una frase: non fare ciò che non dovresti fare!

Kjetil Korslund
Storico delle idee e critico regolare a Ny Tid.

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Un cluster agricolo – un complesso industriale all'avanguardia

PAZZO: Il problema è l'accesso al cibo. Tutti devono mangiare per vivere. Se vogliamo mangiare, dobbiamo comprare. Per acquistare dobbiamo lavorare. Mangiamo, digeriamo e cagiamo.

La dittatura della virtù

CINA: Il Partito comunista cinese si vanta oggi di essere in grado di riconoscere uno qualsiasi degli 1.4 miliardi di cittadini del paese in pochi secondi. L'Europa deve trovare alternative alla crescente polarizzazione tra Cina e Stati Uniti – tra una dittatura che monitora lo stato e la spietata autoespressione dell'individualismo liberale. Forse una sorta di ordine sociale anarchico?

La protesta può costarti la vita

HONDURAS: La pericolosa ricerca della verità dietro l'assassinio dell'attivista ambientale Berta Cáceres di Nina Lakhani finisce in più domande che risposte.

Il legante culturale

ROMANZO: DeLillo mette in scena una sorta di stato generale, paranoico, un sospetto che ha portata globale.

Distruzione creativa

SPAZZATURA: La Norvegia non è attrezzata per lo smistamento dei tessuti. Anche se selezioniamo la spazzatura, non siamo neanche lontanamente vicini a luoghi in Giappone che possono riciclare in 34 categorie diverse. L'obiettivo è che i comuni non siano lasciati con rifiuti e senza camion della spazzatura!

La società di controllo e gli indisciplinati

MAMME TARDIVE: Le persone oggi stanno acquisendo sempre più controllo su ciò che li circonda, ma stanno perdendo il contatto con il mondo. Dov'è il limite per misurazioni, garanzie di qualità, quantificazioni e routine burocratiche?