Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

La Direzione per i prodotti medici





(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Risponde al telefono il medico senior Sigurd Hortemo dell'unità per l'uso corretto dei medicinali, Direzione dei prodotti medici. Integra le informazioni della serie Psiconauta disegnando una mappa panoramica più ampia. Hortemo afferma che c'è un grande interesse nello studio del potenziale per l'uso medico delle sostanze psichedeliche, sia a livello nazionale che in Europa. Innlandet Hospital (Hamar) organizzato nel febbraio di quest'anno conferenza per diverse centinaia di partecipanti, sull’uso della ketamina contro la depressione. E l'Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha recentemente organizzato un seminario di due giorni ad Amsterdam in cui si è tentato di gettare le basi per un ulteriore sviluppo e utilizzo.

È impegnativo progettare buoni studi, afferma Hortemo: "Una sfida è che è difficile accecare l'uso di sostanze psichedeliche: sia i partecipanti che i tester capiscono chi sta ricevendo la medicina attiva. La seconda sfida sta nel fatto che gli psichedelici non vengono somministrati da soli, ma spesso sono abbinati a conversazioni sia prima che dopo il trattamento e al supporto durante il viaggio. Tali misure sono difficili da standardizzare."

Hortemo è impegnato. Sottolinea le opportunità che si aprono laddove in precedenza eri con le spalle al muro quando hai a che fare con pazienti affetti da depressione grave e dove non sei stato in grado di aiutare con i farmaci approvati.

Chiediamo a Hortemo di approfondire:

"Una delle teorie è che l'uso di sostanze psichedeliche insieme alla psicoterapia può rompere schemi precedentemente bloccati o aiutare il paziente a entrare in contatto con esperienze che sono state represse", risponde. "Alcuni pazienti che in precedenza non potevano essere aiutati hanno beneficiato di questo trattamento sperimentale."

"La ketamina è un farmaco approvato per l'anestesia. È possibile per i privati ​​utilizzare la ketamina nel trattamento della depressione."

"È positivo che il potenziale dell'uso medico delle sostanze psichedeliche venga ora esplorato. Probabilmente la "guerra alla droga" ha rappresentato per molto tempo un freno agli ulteriori test medici," dice Hortemo.

Lo studio sulla ketamina condotto da Sykehuset Innlandet include ora anche pazienti anziani affetti da depressione. Come reagisce la Direzione al fatto che diverse cliniche private ora offrono anche trattamenti con ketamina per la depressione? Chiediamo a Hortemo:

"La ketamina è un farmaco approvato per l'anestesia. I privati ​​possono utilizzare la ketamina nel trattamento della depressione. Ciò che è fondamentale è avere routine che garantiscano che il paziente riceva un esame, un trattamento e un follow-up adeguati."

Gli Stati Uniti, il Canada e l’Australia hanno legalizzato l’uso medico dell’MDMA. Com'è possibile che il trattamento terapeutico coadiuvato dall'MDMA possa essere approvato in Norvegia? chiediamo, e Hortemo conclude:

"Sappiamo che la FDA [Food and Drug Administration] sta valutando una richiesta per approvare l'MDMA per il disturbo da stress post-traumatico. L'approvazione dell'MDMA in Europa dipende dalla capacità di un'azienda di presentare buoni studi
è che documenti l'efficacia e la sicurezza."

Inoltre, Hortemo afferma che sono in corso diversi studi clinici per ottenere dati documentati sugli effetti medici di vari tipi di sostanze psichedeliche. Egli mette tuttavia in guardia contro la tendenza a lasciare che l'entusiasmo prevalga sui risultati della ricerca. Come con altri medicinali, dobbiamo attendere studi ampi e ben condotti che dimostrino l’efficacia e la sicurezza.

Elena Lande
Ellen Lande
Lande è uno sceneggiatore, regista e sceneggiatore abituale di Ny Tid.

Potrebbe piacerti anche