Teatro della crudeltà

Questo è ciò che vogliamo con Ny Tid

I nostri redattori hanno escogitato come procedere Orientering- e la tradizione Sigurd Evensmo nel migliore dei modi. Ora abbiamo bisogno del tuo supporto martedì.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Martedì 24 gennaio alle 16, il futuro di Ny Tid sarà deciso in una nuova assemblea generale straordinaria, dopo che l'assemblea generale della scorsa settimana è stata annullata per mancanza di preavviso. Se un numero sufficiente di azionisti supporterà gli editori, il consiglio e il consiglio centrale di SV affinché l'editore culturale NW Damm & Søn dovrebbe assumere la proprietà del settimanale, avremo un'opportunità unica per realizzare i desideri culturali radicali degli editori.

Possiamo fare un investimento importante in Ny Tid, in modo da raggiungere le persone con le nostre opinioni e il nostro giornalismo. E abbiamo un'opportunità unica per evidenziare l'orgogliosa tradizione di Ny Tid e Orientering si trova. Introdurremo una rubrica regolare con i classici di Orientering, con testi di Sigurd Evensmo, Georg Johannessen e Jens Bjørneboe.

Naturalmente vogliamo continuare con la rubrica di Dag Seierstad, che quest'anno compie 15 anni, e continueremo a invitare scrittori da varie parti della sinistra. In questo modo crediamo di poter continuare l’eredità di Sigurd Evensmo, Finn Gustavsen e Kjell Cordtsen all’inizio Orientering e 1953.

È anche assolutamente fondamentale continuare nella tradizione radicale in cui ci troviamo. Damm, nelle trattative con il consiglio di amministrazione del Ny Tid, ha prontamente accettato di firmare che "Ukeavisen sarà gestito nella tradizione politica ed editoriale che Ny Tid e Orientering è intervenuto".

Il patrimonio culturale

È fondamentale che Damm non interferisca nel profilo editoriale e nella copertura del giornale. Verrà applicato il poster della redazione, in modo che i dipendenti siano liberi di dire quello che vogliono. Ciò vale indipendentemente dal fatto che l'azionista principale sia SV o Damm.

Ny Tid riceverà anche denaro per assumere più giornalisti fissi e per acquistare più materiale freelance. In questo modo non solo possiamo garantire posti di lavoro, ma possiamo anche contribuire a crearne di nuovi.

Saremo in grado di ottenere risorse amministrative, in modo da poter fare qualcosa per l’economia con cui abbiamo lottato per molti anni. E otterremo una distribuzione molto migliore, in modo da poter raggiungere le persone nel paese.

In breve, abbiamo grandi opportunità di poter offrire qualcosa di molto migliore agli abbonati e ai nuovi lettori rispetto a quanto facciamo oggi. Una tiratura di circa 4200 copie, come è avvenuta negli ultimi anni, non dovrebbe essere soddisfacente per coloro che vogliono che la sinistra e i radicali culturali acquisiscano maggiore influenza nel pubblico norvegese.

Raggiungendo più persone, possiamo anche raggiungere più facilmente l'obiettivo fin dalle fondamenta Orientering 28 gennaio 1953: "Un settimanale gratuito in grado di trasmettere le informazioni più importanti e veritiere alla fascia più ampia possibile di pubblico".

Facendo Ny Tid e Orientering più conosciuti e influenti presso il pubblico norvegese, siamo all’altezza dell’orgogliosa eredità giornalistica di cui facciamo parte.

Crediamo che Ny Tid debba lottare per acquisire influenza presso il pubblico norvegese, che debba rimanere un nome rispettato e di cui essere orgoglioso. Diventando indipendenti dai partiti politici, come lo sono ormai quasi tutti gli altri giornali del Paese, possiamo anche riscoprire la voce radicale e indipendente dei OrienteringI primi giorni. A saltar fuori è stato il Partito socialista popolare Orientering, Non il contrario. Crediamo che sia proprio questo il motivo per cui ci stiamo riscoprendo OrienteringSe ora riusciamo a staccarci dalla partitocrazia anche dal lato della proprietà, come era all’inizio, abbiamo le radici.

Non allegati

Se possiamo così contribuire anche a creare un ambiente in cui si possano ascoltare nuove voci, come Evensmo ha permesso a suo tempo, è possibile che nuove correnti radicali possano nascere anche dalle nostre premesse editoriali. Abbiamo bisogno di più voci nel pubblico norvegese, non di meno.

E questo è particolarmente importante ora che la SV ha avviato una cooperazione governativa con l'Ap. e sp. Con lo stesso partito di opposizione fondamentale in una posizione di potere, è arrivata una nuova era. Né SV né Ny Tid hanno beneficiato nella stessa misura di prima da un'associazione formale dal lato della proprietà. Ny Tid sarà in grado di servire al meglio gli interessi della sinistra e dei radicali essendo indipendente in termini di proprietà, e piuttosto facendo emergere opinioni radicali a livello editoriale. La credibilità e l’influenza di Ny Tid aumenteranno con la soluzione proposta. Questo è qualcosa che servirà a tutti coloro che lottano per la solidarietà e i valori radicali della sinistra, poiché Ny Tid "deve continuare nella tradizione politica ed editoriale che Ny Tid e Orientering è intervenuto".

Alcuni credono che Ny Tid dovrebbe piuttosto diventare un'appendice di Klassekampen piuttosto che essere libero sotto Damm. Non la pensiamo così. Klasskampen è un quotidiano brillante e continua a migliorare. Ma è proprio per questo che abbiamo bisogno anche di altre voci a sinistra, per far emergere un’ampiezza e una diversità ancora maggiori. Ne abbiamo bisogno ora più che mai.

E un settimanale è fondamentalmente diverso da un quotidiano. La lotta di classe e un Ny Tid rafforzato e più indipendente possono così integrarsi e sfidarsi a vicenda, come i due giornali fanno già da decenni. Questo dovrebbe continuare. Il Ny Tid non deve diventare un'appendice che rischia di entrare in un altro giornale. Ny Tid dovrebbe continuare ad essere una voce libera, indipendente e radicale, così Orientering è stata fondata come. Un giro gratis in un posto. Le discussioni sui Klassekampen vanno avanti da molto tempo e senza soluzione, come ha scritto il consiglio direttivo del Ny Tid nel Klassekampen di giovedì.

Inoltre, sarebbe meglio per la sinistra se ci fossero più voci, più persone. Ecco come possiamo rafforzare il pubblico norvegese.

Gli ultimi mesi sono stati frenetici, ricchi di contenuti e turbolenti per Ny Tid.

All’inizio di quest’autunno, questo settimanale ha rivelato che un colonnello norvegese aveva la responsabilità generale delle forze dell’ONU a Srebrenica nel 1995. E in ottobre abbiamo rivelato che gli aerei della CIA provenienti da Guantanamo Bay erano atterrati a Gardermoen. Questo è stato citato dai media di tutto il mondo, sia la CNN che Le Figaro hanno citato Ny Tid, o "New Times", come ci chiamiamo anche noi.

Casi come questo hanno reso Ny Tid più visibile al pubblico norvegese e internazionale, e qualcosa che forse ha spinto Damm ad avere fiducia in ciò che gli editori possono gestire con maggiori fondi.

Alcuni hanno affermato che Damm è una "grande impresa capitalista". Damm è di proprietà di una fondazione, la danese Egmont-Fonden, che a sua volta distribuisce parte dei suoi profitti a bambini e giovani bisognosi, oltre 30 milioni di corone norvegesi all'anno. Gli utili della fondazione Egmont non vanno agli avidi azionisti, ma vengono piuttosto restituiti a nuove iniziative nelle redazioni.

Kulturforlag

Damm non ha dimostrato di essere una casa editrice culturale solo nell'ultimo anno, assicurandosi la ristretta rivista letteraria Vagant e fondando il Kraftsentrum. Erik Solheim, attuale ministro per gli aiuti allo sviluppo ed ex leader dell'SV per un decennio, ad esempio ha pubblicato la sua autobiografia politica Nærmere (1999) su Damm. Nel 2004, Damm ha pubblicato la biografia di Fidel Castro di Clive Foss, e l'editore descrive il leader cubano come "uno dei leader più dinamici del mondo". Tra pochi mesi Damm pubblicherà Kampen om Spain dello storico di fama mondiale Anthony Beevor, in occasione del 70° anniversario dell'inizio della guerra civile spagnola. Beevor è il fiore all'occhiello dell'editore tra i 240 libri nell'elenco della primavera 2006.

In breve: può essere considerato del tutto naturale che Damm assicuri anche un'ulteriore esistenza radicale di Ny Tids.

Quest'autunno la redazione ha sviluppato un profilo editoriale dove appunto Orientering- e l'eredità del Ny Tid è fondamentale. Vogliamo investire ancora di più nella copertura estera, nella divulgazione delle notizie, nei dibattiti e nella cultura. Tutto improntato al nostro profilo e alla voglia di essere all'altezza di ciò che Evensmo e i suoi successori hanno creato.

Ora speriamo di riuscire a raccogliere quanti più sostenitori possibile prima dell'assemblea generale straordinaria di martedì alle 16:XNUMX.

Giorno Herbjørnsrud
Dag Herbjørnsrud
Ex redattore di MODERN TIMES. Ora a capo del Center for Global and Comparative History of Ideas.

Potrebbe piacerti anche