Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Quello che non dovevamo sapere

L'UE e gli Stati Uniti chiedono di poter vendere servizi il più liberamente possibile in tutto il mondo, compresi i paesi in via di sviluppo. Questo sta accadendo nei negoziati dell'OMC per estendere l'accordo GATS. La Norvegia ha spinto nella stessa direzione. Ma non dovevamo sapere nulla al riguardo.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

: Nel 2002, la Norvegia ha chiesto a 38 paesi in via di sviluppo di aprire i propri confini alla concorrenza delle società di servizi norvegesi. Il governo Bondevik alla fine ha dovuto dire a quali paesi la Norvegia ha avanzato richieste, ma ha tenuto segreto quali richieste concrete la Norvegia ha fatto ai singoli paesi.

Tra questi paesi in via di sviluppo ci sono paesi come Angola, Bangladesh, Colombia, Costa d'Avorio, Ecuador, Gabon, Kenya, Kirghizistan, Nigeria, Panama, Paraguay, Perù, Filippine, Trinidad e Tobago, Uruguay e Venezuela. Sono stati selezionati proprio perché hanno poche possibilità di competere con le società di servizi norvegesi nelle aree che il governo Bondevik voleva aprire alla concorrenza.

Per impedire il dibattito pubblico

Qual era la giustificazione per la Norvegia che chiedeva che Gabon, Paraguay e Kirghizistan aprissero determinati servizi alla concorrenza norvegese? Naturalmente, non dovevamo nemmeno saperlo, perché non doveva esserci un dibattito pubblico al riguardo.

Organizzazioni come il Forum per lo Sviluppo e l'Ambiente, il Fondo per lo Sviluppo e ATTAC da anni chiedono di sapere cosa la Norvegia ha preteso dagli altri Paesi, e in particolare dai Paesi in via di sviluppo. È stato rifiutato ogni singola volta, per il solo motivo che ciò non viene fatto in seno all'OMC e inoltre indebolirebbe le posizioni negoziali della Norvegia.

I rappresentanti dell'SV hanno più volte sollevato la questione dei requisiti norvegesi del GATS nel question time dello Storting. Ogni volta la risposta è stata evasiva. L'SV ha quindi proposto in diverse occasioni che la Norvegia ritiri tutti i suoi requisiti GATS nei confronti dei paesi in via di sviluppo. Tali proposte sono sempre state respinte dalla maggioranza parlamentare, anche da un gruppo unanime del Partito laburista.

In Sud Africa per scoprirlo

Mi sono chiesto a Ny Tid nel luglio 2002: "Gli Stati Uniti, l'Australia e la Nuova Zelanda hanno recentemente esercitato pressioni affinché l'istruzione rientrasse più efficacemente nel GATS. La Norvegia fa parte di questa pressione? Il governo ha presentato tali richieste per conto della Norvegia entro la scadenza del 30 giugno? Potremmo scoprirlo quando sarà troppo tardi per fare qualcosa al riguardo”.

Nell’ottobre del 2003, abbiamo improvvisamente appreso – ma non dal nostro stesso governo – che la Norvegia ha chiesto al Sudafrica di aprire l’istruzione superiore e l’istruzione degli adulti alla concorrenza della Norvegia. Lo abbiamo scoperto perché un indignato ministro dell’Istruzione sudafricano ha sollevato pubblicamente la questione durante un incontro a Bergen.

Così è diventato un caso per i media norvegesi – e un caso imbarazzante per il governo Bondevik. SV ha dovuto essere al governo per guadagnare terreno e ritirare questa richiesta al Sud Africa – e ad altri otto paesi in via di sviluppo. Fortunatamente, non era troppo tardi per fare qualcosa al riguardo.

Non è un segreto per tutti

I requisiti specifici per i paesi poveri non erano un segreto per tutti. Secondo il Ministero degli Esteri, i requisiti norvegesi sono stati preparati durante le riunioni con "30 associazioni di categoria, organizzazioni di interesse e altre organizzazioni del mondo imprenditoriale e lavorativo". Nessun altro sapeva niente.

Il governo ha avanzato richieste ad altri paesi senza che allo Storting fosse permesso di discuterne, senza che ci fosse alcun dibattito pubblico su quali richieste dovremmo avanzare. Allora c’era qualcosa di diverso nel mondo degli affari, soprattutto in quelle parti del mondo degli affari che rappresentano il nostro "interessi offensivi" .

"In una democrazia non è necessario che tutti siano sempre presenti nel quadro" . Chi si inserisce "nel quadro" del GATS? Lo decide il Ministero degli Affari Esteri.

La democrazia amputata

Così dovette capire l’allora sottosegretaria di Stato al Ministero degli Esteri, Elsbeth Trondstad, dopo una sensazionale intervista a Nationen il 19 novembre 2002. Lì il giornalista Thomas Vermes voleva sapere perché il governo Bondevik era meno aperto dell’UE riguardo cosa è successo nei negoziati GATS.

Alla domanda se bisogna essere un direttore della Statoil per sapere qualcosa, la risposta è stata di capire: "L'abbiamo predisposto in modo tale che non solo le aziende, ma anche le organizzazioni di settore siano informate. (…)La cosa importante per noi è avere contatti con le parti interessate in Norvegia”.

E alla domanda se in una democrazia possano esserci anche altri partiti interessati, la risposta è stata ancora più chiara: "In nome della democrazia abbiamo una linea molto aperta nei confronti delle imprese. In una democrazia non è necessario che tutti siano sempre presenti nella scena."

Aleine contro i paesi ricchi

Alla conferenza annuale sulla globalizzazione tenutasi a Oslo nel novembre 2002, lo stesso Segretario di Stato chiarì ciò che la Norvegia rappresentava nei negoziati GATS: - Lottiamo per i nostri interessi, poi gli altri combattono per i loro. I negoziati commerciali non possono svolgersi in nessun altro modo. Poiché il risultato finale è un accesso al mercato sempre migliore per tutti, tutti trarremo vantaggio da ciò che sta accadendo.

Ma nei negoziati GATS, ogni paese povero si trova in realtà da solo contro un blocco di paesi ricchi. Se la Norvegia vuole libertà d'azione per Telenor in Bangladesh, noi lottiamo anche per gli interessi di tutti i gruppi di telecomunicazioni tentati dal mercato delle telecomunicazioni in Bangladesh. Il Bangladesh è tutto solo in questo tiro alla fune. Per un paese che è tentato – o costretto – ad aprire il settore delle telecomunicazioni alla concorrenza, secondo le regole GATS, tutte le aziende straniere devono avere lo stesso accesso al mercato.

Quando la Norvegia voleva entrare nel mercato dell'istruzione superiore in Sud Africa e in altri otto paesi in via di sviluppo, noi eravamo allo stesso tempo gli scagnozzi degli Stati Uniti che volevano entrare negli stessi mercati. Il Sudafrica non poteva semplicemente lasciar andare la BI.

Potrebbe piacerti anche