Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Il privato è politico

Il vento tra i miei capelli
ATTIVISMO / Uno degli obiettivi principali del clero iraniano, dei politici e delle persone che sostengono il clero è quello di tenere le donne e tutto ciò che riguarda loro fuori dalla sfera pubblica. Ma la candidata al Premio Nobel Masih Alinejad sta dando voce alle donne oppresse dell’Iran attraverso i media sociali e globali. L'onestà, senza pretese, è una parte importante della vita e della scrittura di Alinejad.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

FILM: Sii la mia voce
Direttore Nahid Persson
Svezia

Masih Alinejad, giornalista e attivista per i diritti umani noto per aver avviato il movimento iraniano contro l'hijab obbligatorio, non è una persona comune. È nata Masoumeh Alinejad-Ghomikolayi in un villaggio nel nord dell'Iran pochi anni prima che Shah Mohammad Reza Pahlavi fosse sostituito dal governo teocratico dell'Ayatollah Khomeini. La sua famiglia ha sostenuto la rivoluzione islamica. Suo padre era membro dell'organizzazione paramilitare del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica, lei invece è una delle più strenue oppositrici della Repubblica Islamica. Attualmente vive a New York e utilizza i social media per entrare in contatto diretto con la gente comune nel suo paese d'origine e vede se stessa come una continuazione delle loro voci. In una recente intervista televisiva, ha affermato con coraggio: “Le persone in Iran sono stufe della Repubblica islamica […]. E la Guardia Rivoluzionaria è in realtà un’organizzazione terroristica […].”

Impavido

Da adolescente, Alinejad ha avviato un gruppo di discussione che ha pubblicato opuscoli clandestini che chiedevano maggiore libertà nella società iraniana. Per questo è stata incarcerata e non le è stato permesso di finire la scuola superiore. È stata giornalista del quotidiano locale Hambastegi, editorialista del quotidiano riformista Etemad Melli e corrispondente parlamentare per l'agenzia di stampa iraniana ILNA (Iranian Labour News Agency) durante la sesta e la settima legislatura.

Contribuisce regolarmente ai più grandi media globali in lingua persiana, da BBC Persian a Voice of America, Radio Farda e Manolo TV. Crea i propri contenuti per i social media.

La sua serie di podcast sulle vittime della repressione delle proteste post-elettorali del 2009, The Victims of 88, ha vinto l'AIB Media Excellence Award nella categoria Documentario investigativo/Radio nel 2013: "un Oscar per i programmi radiofonici internazionali".

Incontri personali con gli ex presidenti Rafsanjani, Khatami e Ahmadinejad.

la sua pagina Facebook, La mia libertà furtiva, dove le donne in Iran pubblicano foto di se stesse senza velo per protestare contro l'obbligo dell'hijab, ha contribuito a innescare il movimento di protesta a livello nazionale.

Nel 2022, Alinejad è stata nominata per il Premio Nobel per la pace per il suo impegno a favore dei diritti delle donne in Iran e nel 2023 è stata nominata una delle 12 donne dell'anno dalla rivista Time.

Contrasti netti

Alinejad è stato oggetto di campagne diffamatorie e minacce di morte. I membri della sua famiglia in Iran sono stati arrestati e molestati, ma lei non si è lasciata scoraggiare. Nell'autobiografia Il vento tra i miei capelli descrive il suo viaggio da un povero villaggio nel nord dell'Iran a Teheran, poi alla Oxford Brookes University, dove si è laureata in studi di comunicazione, e alla casa di Brooklyn, New York, dove ora vive con suo marito.

Il vento tra i miei capelli è una lettura affascinante. È raro che un autore possa toccare con mano un ventaglio così ampio di ambiti sociali e politici: dai servizi segreti e le carceri provinciali ai meccanismi del parlamento nazionale e alla politica della stampa. Anche la diplomazia, con incontri personali con importanti politici iraniani e personaggi storici come il presidente del parlamento Haddad-Adel, il leader riformista Karroubi e gli ex presidenti Rafsanjani, Khatami e Ahmadinejad.

Alinejad racconta ad un ritmo veloce e senza circonlocuzioni, il che dimostra che l'onestà è una parte importante della sua vita e dei suoi scritti. Emergono forti contrasti: tra i suoi capelli folti e ricci e il fatto che nella sua terra natale, come altre donne della famiglia, doveva coprirsi i capelli anche quando dormivano. Il contrasto è grande tra il velo che Alinejad indossava come giornalista in Iran e il fiore bianco che indossa oggi nella sua corona di riccioli fluenti. Il contrasto tra il suo fisico snello da un lato e il suo enorme amore per la vita dall'altro, il suo grande cuore e il suo impareggiabile coraggio. Il contrasto tra la stampa internazionale e la politica mondiale come ambiente di lavoro, e il piccolo villaggio sul Mar Caspio dove è nata. Ne parla spesso nella sua autobiografia, dove parla ad alta voce delle sue origini.

Dovevano coprirsi i capelli anche quando dormivano.

Non c'è dubbio che fin dall'infanzia fosse un tipo molto speciale. Già al liceo, i suoi compagni di classe cambiarono il suo nome da Masoumeh a 'Masih', che significa 'unto' o 'Messia' in persiano.

Diritti delle donne, diritti umani

Uno dei primi ricordi di Alinejad riguarda il bagno della famiglia, che non si trovava nella casa principale, ma dall'altra parte del giardino. Andare in bagno di notte è stata un'esperienza terrificante per tutti i fratelli. È stata lei a riuscire a controllare meglio la sua paura e ha dovuto seguire il fratello maggiore. Così gli propose un patto: si sarebbe alzata e lo avrebbe seguito in bagno, ma in cambio lui le avrebbe permesso di giocare con i ragazzi e di andare in bicicletta durante il giorno. L'accordo durò poco, perché “i rivoluzionari iraniani considerano le donne inferiori agli uomini”. Mentre i ragazzi potevano correre e giocare tutto il giorno, le ragazze dovevano restare a casa, coperte dalla testa ai piedi. Questa ingiustizia è al centro dell'attivismo di Alinejad.

Nel libro intreccia il personale e il privato e mostra che non può essere altrimenti. Il suo lavoro è la sua vita, perché il privato è politico. La ricostruzione di Alinejad della lotta per la libertà include i suoi ricordi più intimi, semplicemente perché ne fanno parte. Afferma che le sue proteste contro evidenti violazioni dei diritti umani, come l'uccisione di manifestanti pacifici, hanno suscitato molto meno interesse delle azioni contro l'obbligo dell'hijab. Non è casuale. Uno degli obiettivi principali del clero iraniano, dei politici e della gente comune che sostiene il clero è quello di tenere le donne e tutto ciò che riguarda loro fuori dalla sfera pubblica. L’hijab è il segno visibile di questa oppressione, che ovviamente assume molte forme.

Social media

Film Sii la mia voce di Nahid Persson completa e approfondisce il libro. Mostra come Alinejad ha affrontato la vita in esilio. Davanti alla casa che è la sua casa all’estero, ha piantato fiori che creano un mare di colori, erbe che profumano di Iran e alberi che rappresentano i membri della famiglia.

Mentre i ragazzi potevano correre e giocare tutto il giorno, le ragazze dovevano restare a casa, coperte dalla testa ai piedi.

È ancora l'Alinejad del libro: parla ad alta voce, canta per le strade e balla sotto la pioggia. Avvia e guida il movimento di disobbedienza civile. Usa la sua libertà in esilio per rafforzare la lotta per la libertà nel suo paese d'origine. Il regista Persson la segue nelle sue attività quotidiane e vediamo come Alinejad gestisce le campagne sui social media di ora in ora, come comunica con i suoi follower e come monitora la risposta che ottiene apparendo in TV.

Le attività di Alinejad si estendono ben oltre il suo paese d'origine. È riuscita a sfruttare le opportunità e il potenziale liberatorio dei social media nel miglior modo possibile. I canali di comunicazione e gli opinion maker tradizionali, che un tempo costituivano i pilastri di una società democratica, hanno perso la loro importanza. Le loro controparti moderne, i social media e i cosiddetti influencer, hanno limitato drasticamente la portata del dibattito pubblico e si rivolgono al pubblico principalmente come consumatori. In questa prospettiva, Alinejad ha quasi fatto l’impossibile. Nel miglior modo di osservazione, il regista lascia che il pubblico veda sia cosa fa Alinejad sia come lo spiega. Non è facile mobilitare milioni di persone e aiutarle a dire la loro su come possono avere una vita migliore. I social media lo rendono possibile, ma altrettanto importanti sono i valori umani fondamentali: la sua onestà, solidarietà e coraggio.

Lei è unica, ne abbiamo bisogno di più come lei.

Tradotto dall'inglese dall'editore.

Melita Zajc
Melita Zajc
Zajc è uno scienziato dei media, ricercatore e critico cinematografico. Vive e lavora in Slovenia, Italia e Africa.

Potrebbe piacerti anche