Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

I Fratelli Musulmani e l'Occidente

I Fratelli Musulmani e l'Occidente. Una storia di inimicizia e impegno
Nel suo ultimo libro, Martyn Frampton afferma che la Fratellanza Musulmana è un'organizzazione piena di contraddizioni, ma le contraddizioni fanno anche parte del successo che sperimenta.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

In una tavola rotonda sull’islamismo tenutasi a Parigi nel 2005, il professore francese Olivier Roy ha sostenuto che i leader occidentali dovrebbero considerare come integrare gli islamisti nel sistema politico se sono sinceramente interessati alle riforme. Ha sostenuto che i tentativi di tenere a freno ed emarginare i gruppi islamici in Medio Oriente erano fino ad allora falliti. Questo accadeva quattro anni dopo l’9 settembre e il mondo era diviso come lo era sempre stato. Nell'ottobre dello stesso anno, l'allora presidente americano, George W. Bush, affermò che "il radicalismo islamico, come il comunismo, porta in sé contraddizioni che inevitabilmente portano alla caduta". Questa affermazione può ovviamente essere discussa, e in un certo senso questo è esattamente ciò che fa Martyn Frampton nel suo nuovo libro. In qualità di docente di storia moderna alla Queen Mary University di Londra, si propone di descrivere le relazioni storiche di cui i Fratelli Musulmani egiziani hanno fatto parte, e dipinge un quadro che è molto lontano dall'impressione monolitica che spesso abbiamo dell'islamismo di il nostro tempo. Questo è un movimento con molti elementi e, sì, le contraddizioni intrinseche fanno gran parte del quadro, ma nel caso dei Fratelli Musulmani, le contraddizioni fanno anche parte della spiegazione del potere e della sopravvivenza dell'organizzazione.

Un abile attore politico

Quando Hassan al Banna fondò i Fratelli Musulmani nel 1928, considerava la laicità l’arma più letale mai sviluppata dagli europei. Lo percepiva come una sfida al nucleo ideale islamico tawhid - l'unità della vita che rifletteva la natura del divino. Ma al Banna non era di per sé antioccidentale; piuttosto, voleva adottare il meglio dell '"Occidente", che lui stesso spesso identificava con la modernità, e conciliarlo con un atteggiamento islamico. Si sa che ha detto che "il film haram [proibito, secondo l'Islam] è haram, e il film halal [permesso, secondo l'Islam] è halal". La sua visione del mondo rifletteva ciò che vedeva intorno a lui in Egitto ai suoi tempi. Il paese era sotto il dominio britannico e al Banna era molto consapevole dell’influenza socioeconomica, politica e – non ultima – culturale dell’Occidente sulla società egiziana. Il suo movimento era un segnale di risveglio, un tentativo di ravvivare l’orgoglio e l’autocoscienza popolare. Ad esempio, non era contrario alla tecnologia moderna, ciò che contava era contenuto.

Quando Hassan al Banna fondò i Fratelli Musulmani nel 1928, considerava la laicità l’arma più letale mai sviluppata dagli europei.

I Fratelli Musulmani emersero come abili attori politici, esibendo un pragmatismo che a molti in Occidente sembrava estraneo ai movimenti islamici. Durante il governo di Gamal Abdel Nasser e le sue decisioni strategiche legate alla Guerra Fredda, i Fratelli Musulmani preferirono largamente gli Stati Uniti all’Unione Sovietica. A prima vista può sembrare strano, ma per i Fratelli Musulmani era importante non avere nulla a che fare con l’atea Unione Sovietica. Gli americani, d'altro canto, erano un "popolo del libro", e quindi accettabili nonostante gli atteggiamenti errati di politica estera nei confronti del sionismo e di altre questioni regionali.

Quando Anwar Sadat assunse la guida dell'Egitto nel 1970, anche lui vide il potenziale della Fratellanza e si presentò come "il presidente credente", nonostante avesse ottimi rapporti con l'Occidente. In questo modo Sadat ha potuto sfruttare il potere della religione per rafforzare la propria posizione, e i Fratelli Musulmani sono stati al gioco. In cambio, ricevettero una nuova costituzione che stabiliva l'Islam come religione ufficiale dell'Egitto e proclamava la sharia come fonte legislativa. Questa apparente coesistenza con il secolarismo venne messa sotto pressione nella seconda metà degli anni '1970, quando il processo di “liberalizzazione controllata” di Saddam Hussein subì una battuta d'arresto. Gli eventi del 1977 si rivelarono decisivi. L'inizio dell'anno è stato caratterizzato dalla ribellione contro l'aumento dei prezzi dei prodotti alimentari, che ha reso Sadat ancora più determinato a definire il suo regime attraverso i risultati ottenuti in politica estera. Nel novembre dello stesso anno si recò a Gerusalemme, viaggio che portò all'accordo di pace con gli israeliani. Nell'ottobre 1981, tuttavia, Sadat fu assassinato dagli islamisti.

Crea sia paura che sostegno

Ma il pendolo è tornato indietro. Il nuovo presidente egiziano – Hosni Mubarak – ripristinò in gran parte l'accordo non ufficiale che esisteva sotto Sadat, e i Fratelli Musulmani acquisirono ancora una volta maggiore influenza. Ma quelli erano tempi difficili. Si può dire che il 1979 sia stato l’anno più importante nella storia recente del vasto movimento islamico. La rivoluzione iraniana ha cambiato molto, e altri due eventi – la rivolta alla Grande Moschea della Mecca e l’intervento sovietico in Afghanistan – hanno creato nuova animosità tra secolarismo e islamismo. I Fratelli Musulmani si erano affermati come un bastione di atteggiamenti anti-establishment, e tuttavia sono rimasti fedeli alla loro strategia riformista di non violenza. Ciò ha consentito al leader del gruppo parlamentare della Fratellanza, Muhammed Morsi, di visitare l'ambasciata americana al Cairo all'indomani dell'9 settembre per ribadire il suo rifiuto del terrorismo, mentre anche altri attori chiave della Fratellanza hanno condannato gli attacchi di Al Qaeda.

L'attenzione odierna dell'Occidente al fondamentalismo può quindi andare in due direzioni quando si tratta dei Fratelli Musulmani.

L'attenzione odierna dell'Occidente al fondamentalismo può quindi andare in due direzioni quando si tratta dei Fratelli Musulmani. Da un lato, stimola la paura del “culto della crisi” e degli atteggiamenti antioccidentali; dall'altro, la Fratellanza può essere considerata l'emanazione moderata della più ampia ondata fondamentalista. Proprio questo può essere visto come il messaggio centrale di questo importante libro. 

Hans-Henrik Fafner
Hans Henrik Fafner
Fafner è un critico regolare di Ny Tid. Vive a Tel Aviv.

Potrebbe piacerti anche