Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Le basi biopolitiche della società moderna

Immunità comune: la biopolitica nell’era della pandemia
Forfatter: Roberto Esposito
Forlag: Polity, (Storbritannia)
FILOSOFIA / Un corpo immune è inteso come protetto contro gli invasori esterni. Ma come ha accennato Esposito, l’immunità biologica ha avuto anche un significato storico politico e militare.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Roberto Espositos sei libro, Immunità comune: la biopolitica nell’era della pandemia, rivisita gli argomenti da lui presentati nel suo lavoro fondamentale Immunitas: protezione e negazione della vita (2011), originariamente pubblicato in italiano due decenni fa. Esposito rifletteva allora sull'importanza del sistema immunitario nella definizione del concetto di 'biopolitica', tentando così di riempire il vuoto tra 'vita' e 'politica' lasciato da Michel Foucault. Nel suo nuovo libro, Esposito riprende il discorso sui fondamenti biopolitici della società moderna all’indomani della pandemia da covid-19.

Immunizzazione

L’immunizzazione è un argomento centrale nel nostro tempo, soprattutto sulla scia di due anni di pandemia globale. Dalla fusione tra medicina e politica alla regolamentazione del comportamento individuale, e dall’attuazione dei lockdown al lancio di campagne di vaccinazione di massa, il concetto di “immunità” ha permeato vari aspetti della nostra vita. In risposta alla pandemia di Covid-19, molti paesi hanno implementato una serie di misure come il distanziamento sociale e ampie campagne di vaccinazione nel tentativo di controllare la diffusione del virus e ottenere l’immunità. Per Esposito il distanziamento sociale è una misura biopolitica negativa poiché garantisce protezione sociale attraverso la desocializzazione. Al contrario, la vaccinazione globale, nonostante le differenze tra i paesi, è una misura biopolitica positiva. Tuttavia, entrambe le misure sono ugualmente radicate nel paradigma dell’immunità.

Attraverso la campagna di vaccinazione globale, abbiamo assistito per la prima volta nella storia all’emergere di un’immunità condivisa. In tutto il libro Esposito affronta il problematico rapporto tra gli aspetti giuridico-politici e medico-biologici dell'immunità.

Per Esposito il distanziamento sociale è una misura biopolitica negativa.

Mentre l’immunità ha tradizionalmente un significato giuridico-politico, la vaccinazione ha attribuito al termine un significato medico-biologico. Il significato politico-giuridico ha tuttavia caratterizzato il campo biomedico, poiché un corpo immune è inteso come protetto contro gli invasori esterni. Ma come ha accennato Esposito, l’immunità biologica ha avuto anche un significato storico politico e militare, come l’annientamento della popolazione dei nativi americani con il vaiolo quando entrarono in contatto con i colonizzatori europei. Anche la scoperta del vaccino, realizzata da Edward Jenner prima che fosse ulteriormente sviluppato da Louis Pasteur, divenne, secondo l'autore, una battaglia tra gli interessi nazionali e un modo di condurre la politica attraverso la medicina.

Un sistema di protezione

Esposito prosegue la discussione sul rapporto paradigmatico tra concetti come “comunità” e “immunità”. Per lui nessuna società può sopravvivere senza dispositivi immunitari. Come il corpo umano, il corpo sociale ha bisogno di un sistema di protezione per resistere. Ma è anche vero che un’immunizzazione eccessiva mette a rischio la comunità, allo stesso modo in cui l’organismo può sviluppare malattie autoimmuni.

Esposito prosegue poi rintracciando il paradigma dell'immunità nella filosofia occidentale, attingendo a fonti filosofiche, letterarie e antropologiche nel tentativo di verificarne la presenza esplicita o implicita

Un’immunizzazione eccessiva mette a rischio la comunità, nello stesso modo in cui l’organismo può sviluppare malattie autoimmuni.

Lo fa attraverso numerosi autori come Friedrich Nietzsche, René Girard, Niklas Luhmann, Peter Sloterdijk, Sigmund Freud e Jacques Derrida. Girard sostiene che la violenza viene deviata da una comunità a una vittima, mentre la legge secolarizza questo meccanismo della vittima "ma non lo elimina, e usa la violenza per immunizzare la società contro la violenza" (dal libro). Allo stesso modo Luhmann sostiene che le contraddizioni nella comunicazione «mettono in allerta la società e la salvano così da conflitti insostenibili» (ibid.). Derrida è direttamente interessato all'immunità quando riconosce l'autoimmunità come il processo attraverso il quale il sistema immunitario attacca "il corpo politico" e conclude che la democrazia può proteggersi attraverso la propria negazione.

Le autorità

Dopo le precedenti ricognizioni storiche e concettuali, Esposito conclude il libro affrontando l'evento covid-19. L’autore sostiene che le interpretazioni riduzioniste e talvolta cospiratorie hanno perso di vista la natura necessaria e pericolosa delle misure biopolitiche messe in atto per prevenire il contagio. La loro natura necessaria è sostenuta dal fatto che l’immunizzazione era l’unica risposta efficace alla malattia virale, ma queste misure biopolitiche erano anche pericolose nella misura in cui le autorità non erano in grado di distinguere “tra forme protettive e restrittive della vita individuale e collettiva”. Nel complesso, il libro offre un argomento convincente su come comunità e immunità si siano fuse in tempi di covid-19, dando vita a quella che Esposito chiama “immunità condivisa”.

 

Tradotto dall'inglese dall'editore.

Patricia Sequeira Bras
Patricia Sequeira Brás
Patricia Sequeira Brás insegna Culture portoghesi moderne. Il rapporto tra politica e cinema che ha motivato il suo dottorato continua a dare forma ai suoi nuovi progetti di ricerca. I suoi interessi attuali includono rappresentazioni di crisi nel cinema e nel video; esplorazioni sugli spettatori dei film e sugli impegni politici ed etici; comunicativo e affettivo capitalismo. Questi interrogativi sono informati dal lavoro di una serie di campi disciplinari all'interno delle discipline umanistiche: teoria del cinema, filosofia, teoria politica e recenti ricerche in neuroscienze.

Potrebbe piacerti anche