Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Giocano con gli aquiloni, con la neve, con un pennello verde, con pezzi di specchio rotti o con una piñata

Lek / La mostra di Francis Alÿs al Copenhagen Contemporary non spiega né definisce cosa significhi gioco. Piuttosto, è un archivio di giocattoli e forma linee di connessione tra le persone attraverso i luoghi da cui proveniamo.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Installazione video: Copenhagen Contemporary
L'artista Francis Alÿs
Giochi per bambini 1999-2022

Era una mattina presto di ottobre all'hotel di Hovedbanegården a København, e mi sono seduto su un ergometro nella palestra. Lo schermo al manubrio mi proponeva di far percorrere in bicicletta una stradina che si snodava tra campi di lavanda quasi neri in Francia. Ma il film è stato accantonato a causa della scarsa copertura. Ho alzato lo sguardo e ho notato alcune crepe in una piastrella sul muro di fronte a me e ho scoperto che le crepe somigliavano a una faccia. Ho dovuto aggiungere io stesso il naso e la bocca, ma la fessura ha "disegnato" la forma della testa, i capelli e qualcosa che potesse suggerire un occhio. Guardavo il volto mentre pedalavo, un “volto vivo” che mi faceva venire voglia di parlare. Avevo dimenticato il film con la strada lungo i campi di lavanda appeso – e ho provato la stessa sensazione del giorno prima quando avevo visitato la mostra dell'artista belga Francesco Alÿs, Giochi per bambini 1999-2022, al Copenhagen Contemporary. Sia questa mostra che ora la vista della crepa nella piastrella hanno suscitato un sentimento di gioia per l'ingegnosità spontanea.

Giochi per bambini 1999-2022

In due grandi sale, dal soffitto sono appesi schermi con oltre trenta opere video di bambini che giocano in diverse parti del mondo: Messico, Hong Kong, Nepal, Svizzera, Congo, Iraq, Giordania, Danimarca, Afghanistan, Venezuela, Francia, Belgio. , Marocco ed Ecuador.

Bambini che giocano in diverse parti del mondo: Messico, Hong Kong, Nepal, Svizzera, Congo, Iraq, Giordania, Danimarca, Afghanistan, Venezuela, Francia, Belgio, Marocco ed Ecuador.

Il progetto è stato creato nell'arco di trent'anni durante i viaggi di Alÿs. Alcuni film provengono da paesi devastati dalla guerra e campi profughi. Questi forniscono un altro accesso ai luoghi che conosciamo dalle notizie. Ci ricordano la capacità dell'uomo di cooperare all'interno di un quadro comune con regole prestabilite, come spesso lo è il gioco.

I bambini aspettano il loro turno, si seguono e ascoltano con attenzione, sia nel gioco con un sasso che deve essere lanciato il più vicino possibile a una linea nella sabbia, sia nella competizione in cui si tratta di colpire i tappi di soda con una tavola . In altri film giocano con i draghi, con la neve, con un pennello verde, con pezzi di specchio rotti o con una piñata. Niente telefoni, niente tablet. Entrano solo i bambini lek, spesso con altri fienile. Usano attivamente il loro corpo, per saltare corde elastiche, slitta, equilibrio, calciare una palla, far volare l'aquilone, correre in tondo sulla sedia giocattolo, usare le mani come sasso, forbici o carta.

Il suono dai trenta schermi

Alcune delle opere sono state precedentemente esposte alla Biennale di Venezia, ma questa è la prima volta che tutte le opere sono raccolte in un unico luogo. Si sente. Il suono dei trenta schermi riempie le due sale con le risate dei bambini che slittano, i piedi che corrono, saltano, le palle colpiscono il suolo, gridano, e all'inizio ho pensato che non sarei riuscita a restare lì così a lungo. Ma presto ho dimenticato il suono e sono scomparso nel film sul ragazzo del Congo che spinge una ruota sui resti di una miniera a cielo aperto. Lavora duro per spingere la gomma dell'auto sulla ghiaia e sulla terra, e quando raggiunge la cima, si sistema nella gomma e rotola giù. Una volta giù, si ricomincia con il duro lavoro di rialzare il ponte. Lo stesso paziente investimento di attenzione si mostra anche nel film con i bambini che organizzano le gare delle lumache. Le lumache assumono diversi colori di gesso sulla casa e quando una delle lumache finalmente raggiunge l'obiettivo, inizia a piovere e i colori del gesso vengono lavati via dalle case delle lumache. La natura incontra la cultura.

Videoinstallazione: Copenaghen
Contemporaneo
L'artista Francis Alÿs
Giochi per bambini 1999-2022

homo ludens

Nel libro homo ludens: Uno studio sull'elemento gioco nella cultura dal 1971 scrive il filosofo olandese Johan Huizinga sulle caratteristiche del gioco. È gratis. È qualcosa di diverso dalla vita ordinaria. Crea ordine. Non è legato ad interessi materiali. Ed è senza scopo di lucro. Descrive il gioco come un'attività importante nelle culture viventi, ma sottolinea anche che il gioco è più antico della cultura. a parte quello animalinon si aspettava che gli umani cominciassero a giocare. Gli animali si invitano a vicenda a giocare attraverso determinate cerimonie, piuttosto seguono delle regole e si divertono. Anche nella forma più semplice del gioco c'è un significato, scrive Huizinga. Nel gioco qualcosa è "in gioco". Tutto il gioco conta.

Archivio di giocattoli

La mostra del legno di Alÿs Copenaghen contemporanea né spiega né definisce cosa significhi gioco. Piuttosto, è un archivio di giocattoli e forma linee di connessione tra le persone dei luoghi da cui proveniamo.

Bambini che slittano, urlano, piedi che corrono, saltano, palline che cadono a terra...

La mostra ci ricorda anche la libertà che risiede nell'immergersi in qualcosa al di fuori di sé, da soli o con gli altri – il che corrisponde al pensiero di Huizinga sul gioco.

La mostra racchiude un forte umanesimo e ottimismo. Ma la quantità di bambini e il profilo della vita che vivono nella piccola sezione che vediamo nei film costituiscono un sottile sottotesto e suscitano in me un forte senso di responsabilità come spettatore adulto. Risveglia profondamente Schermoa, in modo giocoso, questioni serie di responsabilità: perché i bambini sono il futuro e ogni scelta che facciamo ora influisce sulle loro vite.

 La mostra dura fino al 10.04.2023. Adatto a bambini e adulti di tutte le età. https://copenhagencontemporary.org/en/

Hanne Ramsdal
Hanne Ramsdal
Ramsdal è uno scrittore.

Articoli Correlati