Teatro della crudeltà

La terra divina

Chiudi il naso e vota per Clinton: tutto è meglio di Trump. Questo sembra essere l'atteggiamento ampiamente accettato in gran parte del panorama dei media americani. La verità è che Clinton continuerà un percorso costante verso un mondo molto pericoloso.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Arrivando negli Stati Uniti quest'anno elettorale, sono colpito dal silenzio. Ho coperto quattro campagne presidenziali, la prima nel 1968; Ero con Robert Kennedy quando gli hanno sparato durante la campagna elettorale e ho visto l'assassino che ha cercato di ucciderlo. Divenne una specie di battesimo americano, soprattutto in combinazione con l'entusiasmo per la violenza della polizia di Chicago durante il congresso del Partito Democratico. La grande controrivoluzione era iniziata.

Martin Luther King, il primo assassinato quell'anno, era stato abbastanza audace da collegare la sofferenza degli afroamericani al destino del popolo vietnamita. Quando Janis Joplin ha cantato "Libertà è solo un'altra parola per niente da perdere", forse inconsciamente ha parlato a nome di milioni di vittime degli Stati Uniti in paesi lontani.

“Abbiamo perso 58 giovani soldati in Vietnam e sono morti difendendo la vostra libertà. Non dobbiamo mai dimenticarlo”. Questo è ciò che ha detto una guida del National Parks Service quando ho girato al Lincoln Monument a Washington la scorsa settimana. Ha parlato con un gruppo di scolari adolescenti che indossavano magliette arancione brillante. Ha servito la frase come se fosse un ariete – una frase che ha capovolto la verità sul Vietnam – e come se fosse una verità accertata e incontrastata piuttosto che una totale menzogna.

I milioni di Vietnamiti che morirono, furono mutilati, avvelenati e privati ​​di tutto ciò che possedevano a seguito dell'invasione americana. Ciò non dovrebbe quindi avere posto nella coscienza storica dei giovani. Per non parlare dei circa 60 veterani che si sono tolti la vita. A un mio amico della Marina che era paralizzato dal collo in giù in Vietnam veniva spesso chiesto: "Da che parte hai combattuto?"

Qualche anno fa, sono andato a una mostra intitolata "The Price of Freedom" presso il venerabile museo nazionale americano, lo Smithsonian Institution di Washington. È stata una mostra molto popolare. Alle lunghe file di gente comune, per la maggior parte bambini, sono state servite altre bugie: il bombardamento atomico di Hiroshima e Nagasaki ha salvato "un milione di vite", e l'Iraq è stato "liberato attraverso attacchi aerei con una precisione senza precedenti". Il tono di fondo era fiducioso e ampolloso: sono solo gli americani a pagare il prezzo della libertà.

Non è solo Donald Trump e Bernie Sanders rendono straordinaria la campagna elettorale del 2016. Da segnalare anche il tenace occultamento di un personaggio sanguinario e autoproclamato divinità. Un terzo degli stati membri delle Nazioni Unite sono stati calpestati dagli Stati Uniti – con governi rovesciati, democrazie distrutte, blocchi imposti e boicottaggi. La maggior parte dei presidenti responsabili di ciò sono stati liberali: Truman, Kennedy, Johnson, Carter, Clinton e Obama.

Questa violenza sistematica è stata riscritta in modo così bello nella sfera pubblica, disse il beato Harold Pinter quando ricevette il Premio Nobel per la letteratura: "Non è mai successo. Non è successo niente. Anche quando è successo, non è successo. Non importava. Non interessava".

Pinter espresse un’aspra ammirazione per quella che definì “una manipolazione piuttosto clinica del potere su scala mondiale, mascherata da forze buone per il bene comune. È una forma di ipnosi eccezionale, intelligente e di successo.

Guarda Obama, per esempio. Si prepara a partire e la fustigazione è di nuovo in pieno svolgimento. Obama è "figo". È stato uno dei presidenti più violenti di sempre, dando libero sfogo alla macchina da guerra del Pentagono che ha ereditato dal suo famigerato predecessore. Ha perseguito più informatori di qualsiasi altro presidente prima di lui. Ha dichiarato colpevole Chelsea Manning prima dell'inizio del processo. Al momento in cui scrivo, Obama sta conducendo una campagna mondiale senza precedenti di terrorismo e uccisione di droni.

I milioni di vietnamiti che morirono furono mutilati, avvelenati e privati ​​di tutto ciò che possedevano a seguito dell'invasione americana.

James Bradley, autore di best-seller Bandiere dei nostri padri e figlio di uno dei marines americani che issarono la bandiera americana su Iwo Jima, ha dichiarato quanto segue: “Un mito che si sta diffondendo ora è che Obama sia un uomo amante della pace che sta cercando di liberare il mondo dalle armi nucleari. La verità è che è il più grande guerriero nucleare che ci sia. Ci ha legati a una linea distruttiva secondo la quale spendiamo mille miliardi di dollari in più armi nucleari. Le persone vivono in una sorta di fantasia secondo cui sia le sue vaghe conferenze stampa e i suoi discorsi, così come le acrobazie fotografiche di benessere che mette in scena, siano legati alle politiche che effettivamente persegue. Non è affatto così”.

La seconda Guerra Fredda è alle porte, con la benedizione di Obama. Il presidente russo è un “falso cattivo”. I cinesi non sono ancora stati descritti come tipi insidiosi con le fruste per capelli, come venivano caricaturati quando tutti i cinesi furono banditi dagli Stati Uniti – ma i guerrieri dei media stanno lavorando sulla questione.

Nemmeno Hillary Clinton oppure Bernie Sanders ha menzionato alcune di queste cose. Non vi è alcun rischio o pericolo né per gli Stati Uniti né per il resto di noi. È come se il più grande rafforzamento militare ai confini russi dalla Seconda Guerra Mondiale non fosse avvenuto. L'11 maggio, la Romania è entrata in funzione con una "base di difesa missilistica" della NATO, puntando i suoi primi missili statunitensi nel cuore della Russia, la seconda potenza nucleare più grande del mondo.

Il Pentagono invia navi, aerei e forze speciali nelle Filippine per minacciare la Cina. Gli Stati Uniti hanno già circondato la Cina con diverse centinaia di basi militari che si estendono ad arco dall’Australia all’Asia e attraverso l’Afghanistan. Obama la definisce una “inversione di tendenza”.

Come conseguenza diretta, la Cina ha ora cambiato la sua politica sulle armi nucleari nessun primo utilizzo mettere in massima allerta e mettere in mare sottomarini dotati di armi nucleari. Le cose si intensificano.

Clinton, la "candidata donna", lascia dietro di sé una scia di colpi di stato sanguinosi: in Honduras, in Libia (oltre all'assassinio del presidente libico) e in Ucraina. La campagna presidenziale di Clinton riceve denaro da tutte le dieci più grandi aziende produttrici di armi del mondo, tranne una. Nessun altro candidato si avvicina a questo.

Sanders – la speranza di molti giovani americani – non è molto diverso da Clinton per quanto riguarda la sua visione del mondo al di fuori degli Stati Uniti. Ha sostenuto il bombardamento illegale della Serbia da parte di Bill Clinton. Ha sostenuto il terrore dei droni di Obama, le provocazioni contro la Russia e le nuove forze speciali (squadroni della morte) per l'Iraq. Non ha nulla da dire sulle minacce contro la Cina e sul crescente rischio di una guerra nucleare. È d'accordo sul fatto che Edward Snowden debba essere assicurato alla giustizia e definisce Hugo Chavez – un socialdemocratico come lui – "un dittatore comunista morto". Promette di sostenere Clinton se sarà nominata.

«L'elezione» tra Trump oppure Clinton è un'illusione e in realtà non c'è alcuna scelta – piuttosto è tra due lati della stessa questione. Usando le minoranze come capri espiatori e promettendo di “rendere l’America di nuovo grande”, Trump è un populista interno di destra, mentre Clinton potrebbe essere più dannoso per il mondo.

L’isteria su Trump nei media più di sinistra aiuta a mantenere l’illusione di un “dibattito libero e aperto” e di una “democrazia pratica”.

"Donald Trump è l'unico che ha detto qualcosa di significativo e critico sulla politica estera americana", scrive Stephan Cohen, professore emerito di storia russa all'Università di Princeton e alla New York University, e uno dei pochi esperti di Russia negli Stati Uniti che prende il suo la parola si applica al rischio di guerra. In un programma radiofonico, Cohen ha fatto riferimento a domande cruciali su cui Trump è stato lasciato solo in viaggio, tra le altre cose: perché gli Stati Uniti sono "in tutto il mondo"? Qual è la vera missione della NATO? Perché gli Stati Uniti cercano sempre di ottenere un cambio di regime in Iraq, Siria, Libia e Ucraina? Perché Washington tratta la Russia e Vladimir Putin come nemici?

L’isteria su Trump nei media più di sinistra aiuta a mantenere l’illusione di un “dibattito libero e aperto” e di una “democrazia pratica”. Trump ha una visione grottesca degli immigrati e dei musulmani, ma il vero capo della deportazione delle persone vulnerabili fuori dagli Stati Uniti è Obama, non Trump. Il tradimento di Obama nei confronti delle persone di colore sarà la sua eredità, come il mantenimento di una popolazione carceraria in gran parte nera che ora è più grande del Gulag di Stalin.

Questa campagna presidenziale Forse non riguarda il populismo, ma il liberalismo americano, un’ideologia che si considera moderna e quindi superiore – l’unica strada giusta. L’ala destra di questa ideologia ha somiglianze con gli imperialisti cristiani del 1800° secolo, con il dovere dato loro da Dio di convertire o conquistare gli altri.

Nel Regno Unito, questo è noto come “Blairismo”. Il criminale di guerra cristiano Tony Blair è riuscito a farla franca con i suoi preparativi segreti per l'invasione dell'Iraq perché la classe politica liberale e i media si sono innamorati di lui"bella Britannia». Sul quotidiano The Guardian gli applausi sono stati quasi assordanti e lui è stato definito "misterioso". Una manovra diversiva meglio conosciuta come politica dell’identità – importata tra l’altro dagli Stati Uniti – ha funzionato stabilmente sotto il suo governo.

La storia fu dichiarata finita, le classi furono abolite e il genere fu promosso come femminismo a pieno titolo; molte donne sono diventate parlamentari neolaburisti. Il primo giorno in Parlamento hanno votato per tagliare il sostegno ai genitori single, la maggior parte dei quali sono donne. La maggioranza ha votato per un’invasione che ha lasciato 700 vedove irachene.

Vediamo lo stesso tendenza negli USA, qui rappresentata dai guerrafondai politicamente corretti del New York Times, del Washington Post e delle grandi compagnie televisive che dominano il dibattito politico. Ho guardato un acceso dibattito sulla CNN sull'infedeltà di Trump. Era ovvio, si sosteneva, che non ci si poteva fidare di un uomo del genere alla Casa Bianca! Non sono state sollevate questioni reali. Niente riguardo all’80% degli americani i cui redditi sono crollati ai livelli degli anni ’1970. Niente sull'escalation della guerra. La verità generalmente accettata sembra essere che dovresti tapparti il ​​naso e votare per Clinton: tutto tranne Trump funziona. In questo modo potranno sbarazzarsi del mostro e salvaguardare un sistema desideroso di un’altra guerra.

Questo testo è stato pubblicato per la prima volta il www.johnpilger.com

 

pellegrino@nytid.no
pilger@nytid.no
Pilger è un giornalista e autore pluripremiato con una serie di lauree honoris causa da università di tutto il mondo.

Potrebbe piacerti anche