Teatro della crudeltà

L'affascinante decadenza





(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Scene di un film distopico immaginario: Evening. Un sorridente Donald Trump in prima linea con una cravatta rossa, dietro dei lacchè un po' stressati con le armi sotto la giacca, in viaggio verso la Casa Bianca.
Quando il Norwegian Writers' Center propone ai richiedenti fondi di produzione per produzioni letterarie combinate (suono, immagine, testo) e che si rivolgono a The Cultural Schoolbag, vogliono le distopie. Un'utopia è "un buon posto", mentre una distopia è un "non buon posto". Conosciamo bene gli scenari distopici della fantascienza dal mondo della letteratura e del cinema. Blade Runner è un classico riferimento distopico, diretto da Ridley Scott basato sul romanzo di Philip K. Dick Gli androidi sognano pecore elettriche? dal 1968. Un altro romanzo dello stesso genere è Le guerre delle salamandre (1936) del ceco Karel Capec – forse la più impressionante di tutte le distopie letterarie. Nella storia delle salamandre, prendono gradualmente il potere dopo essere state sottoposte a crudeli esperimenti, e alla fine si infiltrano nelle istituzioni umane dopo aver appreso il linguaggio umano, e poiché le salamandre sono così abili nell'immersione alla ricerca di perle, guadagnano un'economia e tutto ciò che ciò comporta. di intuizioni sul commercio e sui rapporti sinistri. Gli eventi incontrollabili si espandono, per finire in guerra e miseria. Un'allegoria di eventi storici orribili – che ancora una volta sono diventati realtà e hanno distrutto ogni ragione e temperamento in una rabbia sfrenata e un affetto sconsiderato, nello stesso momento in cui Capec pubblicava il suo romanzo.
I "non luoghi" esercitano un'attrazione speciale sia nell'arte che nella curiosità sociale in generale. I ritratti di Charles Dickens dal lato oscuro dei bassifondi londinesi, delle insidie ​​vampiriche dell'avida bruttezza e del flagello della povertà, erano seriali sui giornali inglesi e venivano letti con appetito famelico – perché qui tutto ciò che si temeva, diventava possibile vivere a debita distanza dai bassifondi da cui si sentiva il fetore nelle strade. Lo scrittore norvegese Axel Jensen ha coltivato la distopia in questo brillante romanzo epp (1966) sull'omonimo solitario solitario, e non dimentichiamo il suo compagno Pushwagner e le sue immagini allegramente distopiche di un futuristico "idillio". Le distopie di Pushwagner rientrano in una classe di prezzo a parte: si vendono come il pane a investitori e collezionisti.

Trump alla Casa Bianca. Donald Trump e le elezioni presidenziali americane regalano reminiscenze distopiche, almeno se vuoi immaginare il peggio – e dovresti, se vuoi coltivare le tue passioni più distopiche.
Fotogramma 1: sera. Davanti un Donald Trump sorridente con la cravatta rossa, dietro lacchè un po' stressati con le armi sotto la giacca, in cammino verso la Casa Bianca. Fotogramma 2: Donne con tacchi alti e abiti scollati sotto una pioggia di fulmini di dimensioni astronomiche. Fotogramma 3: Festa con Putin e il suo gruppo di amici oligarchi, accompagnati da oligarchi leggermente più piccoli nell'ala degli ospiti. Fotogramma 4: Cocktail party a bordo piscina. Fotogramma 5: Il campo da tennis vuoto. Fotogramma 6: La sala da bowling, dove le guardie del corpo si divertono con ragazze, vino e canti. Fotogramma 7: Il cinema vuoto con film porno. Fotogramma 8: Trump e Putin barcollano nei sotterranei della Casa Bianca, ridendo di qualcosa o di altro. Poi un veloce montaggio delle 132 stanze della Casa Bianca, con i 28 camini e le 412 porte che si aprono e si chiudono da sole, come in un film di fantasmi. Fotogramma 9: vediamo Trump sul trono nello Studio Ovale, sorseggiando un bicchiere di succo vitaminico colorato, circondato da sua moglie e dai suoi figli e con denti bianchi e lucenti. Fotogramma 10: Limousine bianche e nere in fila davanti sia all'ingresso principale che a quello posteriore, con l'intero corpo diplomatico internazionale diretto verso l'edificio neoclassico bianco, ormai scosso nei suoi pilastri.

Una distopia è solo la prima lettera in relazione al collasso che possiamo lentamente aspettarci e a ciò che comporterà sotto forma di migrazioni, collasso tecnologico, guerre interne ed esterne.

Un cartone animato distopico, che si svolge davanti ai nostri occhi nella campagna presidenziale del sogno americano, debitamente seguita dai corrispondenti della NRK. "Trump è un idiota", dice un uomo arrabbiato alla telecamera. "Trump vuole far risorgere il sogno americano", dice una giovane donna.
Le elezioni americane sono un assaggio di una vera distopia che si realizzerà a breve? Il romanzo dell'americano Cormac McCarty La strada (anch’esso filmato), una distopia derivante dal collasso che minaccia la società americana, può essere letta come un assaggio di ciò che possiamo aspettarci se al prepotente Donald Trump sarà permesso di realizzare le sue utopie. Un’utopia che ovviamente si rivelerà un ragnarok.
Una distopia è solo la prima lettera in relazione al collasso che possiamo lentamente aspettarci e a ciò che comporterà sotto forma di migrazioni, collasso tecnologico, guerre interne ed esterne.
Tuttavia, troviamo la distopia attraente. Affascina con la sua estetica di decadenza, il suo umorismo oscuro, l'incubo terrificante che è solo un sogno, dal quale possiamo svegliarci pizzicandoci il braccio e dicendo: Wow, è un bene che viviamo in Norvegia. È l'autore danese Tom Kristensen che viene in mente quando si sognano disastri navali e atti di vandalismo.

La contraddizione. Vivere in una società completamente controllata come quella norvegese può causare un po’ di ansia – ansia per l’essere umano completamente sistematizzato, completamente ben
stabilito nell’ambito del controllo normalizzato della prevedibilità e del consumo robusto. Anche gli artisti contemporanei sono un prodotto di questo tempo e forniscono prodotti simili all'arte – anche quelli accuratamente controllati – come un romanzo di intrattenimento generale, un pezzo calcolato di Macbeth, una raccolta di poesie antiquata e opportunamente progettata per la pigra indifferenza. della classe media dorata da consumare. esso è una vera distopia. Le persone vivono in una contraddizione tra ciò che fanno e ciò che dicono di rappresentare. Così Nietzsche definì la moralità degli schiavi. Io stesso sto presentando una domanda al Centro degli scrittori norvegesi, basata su un viaggio temporale distopico verso un'utopia futura imprevedibile.

Terje Dragseth
Terje Dragseth
Autore e regista.

Potrebbe piacerti anche