Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

È colpa nostra

NATURA DISTRUTTA: : Profittjag, illegal handel med ville dyr og en økende befolkning som tar over naturområder, gir grobunn for katastrofer. Covid-19 er ikke naturens hevn; vi har gjort dette mot oss selv.
>
(Tradotto automaticamente da Norsk di Gtranslate (esteso Google))

Improvvisamente sono a casa a Berlino per la prima volta in due anni. È una sera di maggio; Sono seduto alla scrivania. In un mondo cancellato. Guardando fuori dalla finestra, dove le latifoglie minacciano di estinguere la luce dal lampione. Passano due e due persone. Alcuni praticano passi di danza nel parco. Altrimenti, una normalità implosa si è bloccata indefinitamente.

Uno degli innumerevoli eventi cancellati là fuori porta il nome WILD11, diretto da Congresso mondiale sulla natura selvaggia. Per 45 anni, questo forum ecologico internazionale ha riunito leader di tutti i settori della società: qui ci sono rappresentanti della scienza, dell'arte, della finanza, dell'attivismo, dei governi e dei popoli indigeni. L'obiettivo è coordinare nuove soluzioni per difendere la natura incontaminata del pianeta.

Nel marzo di quest'anno si sarebbero incontrati a Jaipur, nel India, dove l'organizzazione locale ospitante Fondazione Sanctuary Nature tra l'altro ha avuto un grande successo con il suo progetto tigre. Le soluzioni non sono mai state più urgenti in mezzo al caos climatico di riscaldamento, raffreddamento, scioglimento e tempeste. L'emergenza è aggravata dalla sesta crisi di estinzione di massa, che sta minando le basi biologiche di tutti noi. La causa principale della crisi è l'eradicazione degli ecosistemi provocata dall'uomo, che a sua volta è una parte significativa del modello che ci ha portato alla pandemia covid-19.

"Il contatto tra gli esseri umani e la fauna selvatica crea opportunità ideali per i virus che possono saltare
da una popolazione di selvaggina ridotta a un ospite accessibile e in rapida crescita: l'essere umano ". Vance Martin e David Quammen

Ironicamente, WILD11 vittima proprio per l'argomento che si era prefissato di affrontare. Vance Martin, presidente della The Wild Foundation, descrive le conseguenze del rapporto spezzato dell'uomo con la natura: “Il Covid-19 è emerso da un mercato di selvaggina" bagnata "legale in Cina. [Si chiama perché gli animali vengono macellati sul posto, rosso. Nota].

- annuncio pubblicitario -

Scimmie, pipistrelli, galline, gatti, tartarughe, serpenti, rane e altri animali sono stipati in gabbie impilate l'una sull'altra. Qui si siedono e irradiano paura e rilasciano escrementi l'uno sull'altro, solo per essere trascinati al macellaio proprio accanto, dove il terreno è inondato di sangue e sangue. Queste "zone umide" derivano da un'enorme industria scarsamente regolamentata costituita dal commercio di selvaggina commerciale in Cina e nel sud-est asiatico. Da qui, tutto ciò che può camminare, gattonare, scivolare, saltare, nuotare o volare viene venduto ".

Visita gli angoli più remoti

Mio marito ed io non abbiamo iniziato il nostro lungo viaggio per documentare tutti i tipi di emergenze. Anzi. Avevamo arredato il nostro fuoristrada con cucine da viaggio, libri, attrezzatura da arrampicata, attrezzatura per lo snorkeling, attrezzatura per film e foto, servizi igienici e tende sul tetto, il tutto per vivere da vicino una diversità naturale nella sua forma più pura e selvaggia. Volevamo visitare ed essere autosufficienti negli angoli più remoti.

Abbiamo attraversato il deserto del Namib, vagato per gli altopiani della Patagonia, ammirato leoni copulatori nel Serengeti, trovato i leopardi sugli alberi del Botswana, rintracciato elefanti del deserto, orici e un villaggio himba, salutato koala e uccelli esotici, fatto passeggiate notturne nella giungla amazzonica, ammirato pietre gialle sorgenti calde colorate.

Probabilmente abbiamo anche pensato: guarda cosa resta prima che scompaia. Il 60 per cento di mammiferi, uccelli, pesci, rettili e anfibi sarà eliminato negli anni 1970–2014. Certo, abbiamo dato buone condizioni ad alcuni mammiferi: ora ci sono dieci volte più animali domestici degli animali selvatici e degli uccelli. Allo stesso tempo, la natura fornisce servizi per un valore di 125 trilioni di dollari, oltre ad aria fresca, acqua pulita, cibo, medicine ed energia. Secondo gli economisti.

Il Nord Africa era troppo pericoloso e difficile da attraversare, quindi abbiamo volato all'andata mentre l'auto veniva spedita a Walvis Bay in Namibia. Siamo atterrati in Senegal, un piccolo stato costiero dell'Africa occidentale con un governo democratico e da quello che avevo visto negli opuscoli persone belle e longilinee.

Mi ha colpito come un ladro di naso che siamo atterrati in mezzo a un gigantesco mucchio di spazzatura. Avevamo prenotato un alloggio con una hostess francese di Airbnb e siamo stati con la sua famiglia senegalese a pochi chilometri a sud di Dakar. Quattro piccole case erano disposte intorno a una piscina e riparate dal mondo esterno da muratura. Fuori, tutto era coperto di detriti e immondizia puzzolente.

Discariche di rifiuti vicino alle città

La nostra padrona di casa ha spiegato di aver sollevato la questione con il sindaco, inutilmente. Ha sviluppato la depressione. Alla fine si rese conto che si trattava di un fenomeno per il quale non poteva fare nulla e si ritirò nella sua oasi privata. Per diciannove giorni abbiamo considerato le donne vestite con guanti eleganti, con un atteggiamento fiero e un cesto in testa che si aggira tra i cumuli di immondizia, come la cosa più naturale del mondo.

Come mai le persone che enfatizzano la bellezza sembrano adattarsi senza difficoltà a condizioni di vita grottesche?

Mi chiedevo. Come mai le persone che enfatizzano la bellezza sembrano adattarsi senza difficoltà a condizioni di vita grottesche? Se il caso è culturalmente condizionato, qual è la spiegazione?

La situazione non era diversa nella capitale Dakar. È forse vero che la vita preindustriale – prima che la plastica fosse onnipresente e le bevande fossero consegnate in lattine di metallo – permettesse di gettare i rifiuti dalla finestra, dove diventavano un utile compost? E che la società semplicemente non ha tenuto il passo negli ultimi tempi?

Le mie meraviglie si trasformavano in dolorose scoperte man mano che andavamo in giro Africa. Le distanze tra i parchi nazionali erano purtroppo grandi. Percorrevamo infinite distese di terra impoverita e ogni volta che ci avvicinavamo a una città, i rifiuti aumentavano.

Abbiamo cambiato continenti e in Sud America la miseria è continuata. L'eccezione sono stati gli altopiani del Cile, del Perù e della Bolivia, dove lama e fenicotteri adornano magnifici panorami. Solo quando abbiamo raggiunto il Canada e l'Alaska potevamo riposare profondamente nell'esperienza di un solido contesto naturale. Tenere compagnia agli orsi grizzly mentre banchettavano con il salmone nei fiumi del Katmai National Park è stata un'esperienza davvero rara.

Morte di massa nelle barriere coralline

In Australia, i problemi ambientali hanno una faccia diversa. C'è spazio per tutti qui. Ci siamo davvero divertiti. Spiagge pulite, città pulite. Qui lo scarto si accumula nelle teste dei decisori. Per sei mesi, gli incendi boschivi hanno infuriato e distrutto un'area più grande dell'Irlanda. 34 persone sono morte. Più di 6000 case bruciate. Un miliardo di animali accarezzati, compreso un terzo di tutti i koala. L'habitat perduto aggrava la situazione.

Koala

Nel famoso Grande Barriera corallina # - noto anche come una delle sette meraviglie del mondo - Quest'anno, i ricercatori hanno misurato le temperature più alte dall'inizio delle misurazioni. Per la terza volta in cinque anni, si verificano morti di massa tra le barriere coralline. Questo ecosistema unico – una delle principali fonti di sostentamento per la popolazione locale – è visitato da oltre due milioni di turisti ogni anno e contribuisce all'economia australiana con 6,5 miliardi di dollari. L'organizzazione Consiglio per il clima presumo che riscaldamento climatico nel prossimo decennio costerà ai proprietari di immobili australiani 360 miliardi di euro.

L'Australia è il più grande esportatore di carbone al mondo. Il governo Scott Morrison non ammetterà la connessione tra gli investimenti del paese nei combustibili fossili e l'aumento degli incendi catastrofici. Il governo non mostra ancora segni di cambiamento della sua politica climatica, nonostante le proteste della popolazione.

Maggiore commercializzazione e scambio di giochi a scopo di lucro.

Commercio illegale di animali selvatici

Ma poi appare un mostro potente, anche se invisibile, e improvvisamente il mondo intero è imperniato. Diventa urgentemente importante comprendere il quadro più ampio al di fuori dei "mercati umidi" in Cina. Vance Martin e ricercatore David Quammen (con il libro Spillover) afferma: «Il quadro più ampio include un lungo elenco: il commercio illegale di animali selvatici, intensificato attraverso il bracconaggio massiccio, spesso mascherato attraverso mercati legali. Maggiore commercializzazione e scambio di giochi a scopo di lucro. La crescente perdita di habitat e aree selvagge a causa della "trasformazione" umana della natura incontaminata.

La popolazione della Terra, ora otto miliardi, presto dodici, causando migrazione e invasione di aree che sono state santuari del pianeta per migliaia di anni.

Pianificazione delle infrastrutture, compresi venticinque milioni di chilometri di nuove strade nei prossimi vent'anni, che frammenterà ulteriormente l'ambiente naturale. Raddoppio delle aree urbane. Tutto ciò aumenta il contatto tra l'uomo e la fauna selvatica in una misura senza precedenti. Distrugge la natura, che è la nostra base di vita, e allo stesso tempo crea opportunità ideali per i virus che possono passare da una popolazione di selvaggina ridotta a un ospite accessibile e in rapido aumento: gli esseri umani ". Il virus proviene da animali vivi.

Invasione della natura

Mentre mi siedo alla finestra questo giorno di maggio e mi immergo nel raro silenzio cittadino, ho tutto il tempo per riflettere. Ad aprile, i massimi leader cinesi hanno proclamato un divieto immediato e permanente del commercio e del consumo di animali selvatici. Hanno detto che la decisione rapida avrebbe aiutato il paese a combattere lo scoppio del coronavirus. Hanno calcolato che il consumo e il commercio illegali di animali selvatici sarebbero stati "severamente puniti".

"Covid-19 non è la vendetta della natura, l'abbiamo fatto a noi stessi." Thomas Lovejoy

Gli esperti affermano anche: "Le ultime teorie secondo cui il virus ha avuto origine da un laboratorio nella città di Wuhan sono altamente improbabili". E che il virus debba essere stato coltivato lì, "è assolutamente fuori discussione, poiché sappiamo che proviene da animali vivi".

Che la ricerca del virus ur continui è importante, ma non lasciarlo distrarre dalla cosa principale. Il famoso professore di biologia Thomas Lovejoy ha coniato il termine "diversità biologica" nel 1980. Recentemente ha affermato in The Guardian: "La pandemia è il risultato della nostra continua ed estesa invasione della natura e del gigantesco commercio illegale di fauna selvatica, e in particolare dei" mercati umidi " Asia e mercati di carne selvatica in Africa. Covid-19 non è la vendetta della natura; l'abbiamo fatto contro noi stessi ".

E a chi non ne ha mai abbastanza di buoni consigli, eccone uno che risale ai tempi pre-corona: "Vedo l'unica possibilità dell'uomo in quanto alla fine prende due intuizioni: condivide il destino con il resto dell'umanità, e questo appartiene alla natura, non il contrario. " Albert Einstein.

Foto: Ranveig Eckhoff

Ranveig Eckhoff
Eckhoff è un revisore regolare di Ny Tid.
Mitologie / Il cacciatore celeste (di Roberto Calasso)Nei quattordici saggi di Calasso ci troviamo spesso tra mito e scienza.
Cina / La conquista silenziosa. Come la Cina sta minando le democrazie occidentali e riorganizzando il mondo (di Clive Hamilton e Mareike Ohlberg)È noto che la Cina sotto Xi Jinping si è sviluppata in una direzione autocratica. Come l'effetto si è diffuso nel resto del mondo, gli autori, l'australiano Clive Hamilton e la tedesca Mareike Ohlberg, fanno luce nel libro.
Nawal el-saadawi / Nawal El-Saadawi – in promemoriaUna conversazione su libertà, libertà di parola, democrazia ed élite in Egitto.
Necrologio / In memoria di Nawal El-SaadawiSenza compromessi, ha parlato contro il potere. Adesso se n'è andata, ha 89 anni. L'autrice, medico e femminista Nawal El-Saadawi ha scritto per MODERN TIMES da giugno 2009.
Dibattito / Cos'è la sicurezza oggi?Se vogliamo la pace, dobbiamo prepararci per la pace, non per la guerra. Nei programmi preliminari del partito, nessun partito nello Storting è a favore del disarmo.
Filosofia / Filosofia politica del buon senso. Fascia 2, ... (di Oskar Negt)Oskar Negt chiede come sia nato il cittadino politico moderno sulla scia della Rivoluzione francese. Quando si tratta di terrore politico, è chiaro: non è politico.
Autoaiuto / Svernamento: il potere del riposo e della ritirata in tempi difficili (di Katherine May)Con Wintering, Katherine May ha proiettato un affascinante e saggistico libro di auto-aiuto sull'arte dello svernamento.
Cronaca / Non tenete conto dei danni che possono causare le turbine eoliche?Lo sviluppatore di energia eolica di Haramsøya ha gravemente trascurato? Questa è l'opinione del gruppo di risorse che dice no allo sviluppo locale delle turbine eoliche. Lo sviluppo può interferire con i segnali radar utilizzati nel traffico aereo.
La forza mimetica / Padronanza della non padronanza nell'era della fusione (di Michael Taussig)Imitare un altro è anche un modo per ottenere potere sulla persona ritratta. E quante volte vediamo un'imitazione del cosmo in un bar in una strada laterale buia?
Radiazione / La maledizione di Tesla (di Nina FitzPatrick)I ricercatori del romanzo trovano la prova definitiva che parti della tecnologia moderna stanno distruggendo la biologia neurologica umana?
Foto / Helmut Newton – Il cattivo e il bello (di Gero Von Boehm)Il controverso status di culto del fotografo Helmut Newton persiste molto tempo dopo la sua morte.
Notifica / La Svezia e l'Inghilterra erano democrazieIl trattamento di Julian Assange è un disastro legale iniziato in Svezia e continuato nel Regno Unito. Se gli Stati Uniti riusciranno a ottenere l'estradizione di Assange, potrebbero impedire la pubblicazione di informazioni sulla grande potenza in futuro.
- Annuncio pubblicitario -

Potrebbe piacerti ancheRelazionato
Consigliato