Ordina qui l'edizione estiva

La nuova storia mondiale

C'è qualcosa di radicale, quasi storico, in questo numero della rivista di storia Fortid.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[andamento della storia] "Se il tema della storia è giustificato dalla sua rilevanza per le persone del presente, è ovvio che anche gli storici norvegesi – ormai nel mezzo dell'"era della globalizzazione" – devono contribuire a costruire un passato globale.

Questo è quanto afferma nell'editoriale della rivista di storia gestita dagli studenti Fortid, che questa settimana ha pubblicato un nuovo numero all'Università di Oslo. La formulazione è problematica: non c'è necessariamente più "globalizzazione" ora, così forte è la difesa dell'"età dello stato-nazione". In secondo luogo, gli storici non dovrebbero mirare a "costruire" nulla, piuttosto a fornire un quadro equilibrato del passato.

Nonostante le obiezioni: c'è qualcosa di radicale, quasi storico, in questa questione del passato. Viene criticata l'odierna presentazione della storia orientata a livello nazionale ed eurocentrica. Gli storici professionisti sono chiamati a fare una presentazione della storia in cui anche quelli al di fuori dell'Europa e degli Stati Uniti, ovvero il 90 per cento della popolazione mondiale, siano inclusi in modo più equo.

Non è un caso che questa "rivolta studentesca", con il supporto di professionisti chiave, avvenga ora. La storia dell'immigrazione norvegese in tre volumi (2003) del professor Knut Kjeldstadli (a cura di) ha dato una nuova prospettiva di vita. Gli studenti affollano le lezioni globali all'UiO, dove Erling Sandmo ha iniziato quest'anno come professore associato. A Londra all'inizio di quest'anno è stato anche lanciato il Journal of Global History, che integra le nuove prospettive storiche della California e delle Hawaii in particolare.

La storia globale – o storia universale – è qualcosa di diverso dalla storia del mondo tradizionale. Non è prioritaria una parte del mondo, ma piuttosto un quadro d'insieme con un'enfasi sul contatto e sul confronto culturale. È così che Andre Gunder Frank ha mostrato come l'Asia dominasse il mondo prima dell'anno 1800. La comprensione culturalmente deterministica e nazionalmente romantica della storia è messa in discussione da una comprensione del mondo più cosmopolita e illuminata.

La professoressa di Chicago Martha Nussbaum ha recentemente scritto su Newsweek che l'ex.- phil. in Norvegia è "peggio che inutile", per l'impressione data che si stia imparando "la storia della filosofia". Kjeldstadli mette in guardia contro qualcosa di simile quando scrive nel suo scintillante testo sul passato che "educhi i giovani ad essere idioti" se il mondo intero non viene preso sul serio. Il professore della NTNU Jarle Simensen mostra il divario tra il crescente interesse per la storia globale e la resistenza degli istituti: In pratica, la storia regionale tradizionale continua ad essere insegnata.

Le affermazioni del professor Finn Fuglestad secondo cui tutta la teoria storica è "occidentale nella sua essenza" confermano i problemi della comunità accademica. Ciò testimonia la mancanza di comprensione della visione moderna della storia dell'arabo Ibn Khaldun nel XV secolo, della classica storia del mondo dell'indiano Jawalhal Nehru negli anni '1400 e della storiografia innovativa del premio Nobel Amartya Sen negli anni 1930.

Ma ancora: le fondamenta sono state gettate. La volontà è qui. Questa è spesso la cosa più importante.

foto dell'avatar
Dag Herbjørnsrud
Ex redattore di MODERN TIMES. Ora a capo del Center for Global and Comparative History of Ideas.

Potrebbe piacerti anche