Ordina qui l'edizione estiva

Il necessario piantagrane

Quando nessuno ti contraddice, puoi farlo da solo.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[discussione comunitaria] Quando tutto è grigio e silenzioso nel dibattito sulla cultura norvegese, perché il nostro ministro degli Esteri ha detto di nuovo qualcosa di sensato, o la Norvegia è stata nominata la migliore invenzione nella storia del mondo, è un grande conforto ricevere dagli americani. In Norvegia, i dibattiti divampano una volta ogni sei mesi, quando Jostein Gaarder decide di fare il letterato o il Language Council fa una dichiarazione sul norvegese.

Può sembrare un compito insormontabile seguire il dibattito americano, ma tutto inizia, finisce o si ferma in un sito: hitchensweb.com. Il giornalista britannico-americano Christopher Hitchens è il principale intellettuale americano e sicuramente il più grande razzista. Scusa per i francesi. Cos'altro si chiama un ragazzo che punta il dito contro il pubblico nei dibattiti televisivi, che chiama i colleghi "puttane", che rimprovera Edward Said quando sta morendo e che si vanta di scrivere i suoi articoli migliori quando è di merda – come è dalla mattina alla sera?

È ancora impossibile ignorare le sue puntuali dichiarazioni quando si prende posizione sull'attuale dibattito americano. È più dovuto alla sua imprevedibilità che alla sua chiaroveggenza. Fino agli anni '1990 apparteneva all'estrema sinistra, ma dopo l'11 settembre 2001 ha cambiato seriamente idea e ora ha diversi alleati tra i cosiddetti neoconservatori. Ha votato repubblicano alle ultime elezioni presidenziali, ma non ha più niente per il presidente George W. Bush. Era contro la prima guerra in Iraq, ma per l'ultima. Le sue vittime nel corso dei secoli sono state molte: da Henry Kissinger e Madre Teresa, passando per Michael Moore e Noam Chomsky, fino a Günther Grass e all'eroe neoconservatore Daniel Pipes.

Hitchens ha scoperto in età adulta che sua madre era originariamente un'ebrea polacca, ma ciò non ha cambiato il suo atteggiamento completamente critico nei confronti di Israele. Nel conflitto sostiene la Palestina, ma è un fanatico anti-islamista. È generalmente "anti" alla maggior parte delle cose. Si adatta bene alla definizione di intellettuale di Steve Fuller nel libro The Intellectual (2006), che rende omaggio al cercatore di conflitti, colui che pensa negativamente e in ampiezza piuttosto che in profondità. Hitchens è il suo esempio supremo.

Lo stesso personaggio principale, il vecchio trotskista, ora professa ideali umanistici, razionali e laici dell'Illuminismo, ma oggi lo fanno tutti, anche i razzisti. Una descrizione più completa del profilo intellettuale di Hitchens è "contrarian", un termine che usa nel libro Letters to a Young Contrarian (2001). Il contrarian prende la posizione opposta della maggioranza, senza cadere nel nichilismo, e in questo modo aiuta a rivelare la sua limitata visione del mondo. Se guardi la definizione inglese di Wikipedia, l'enciclopedia online ti chiede di trovare una spiegazione più dettagliata sotto "individualismo".

Il libero pensatore di Washington è entrato in queste due categorie. La sinistra non lo affronterà con le pinze. Nemmeno i neoconservatori, in parte perché odia il loro eroe, Ronald Reagan. A Hitchens manca la completezza di un Chomsky, l'umorismo di un Moore e l'affidabilità di un Said, ma compensa con glosse capricciose, prospettive sorprendenti e aspri understatement. Abbiamo pochi piantagrane di questo tipo in Norvegia. Diversi aspirano a diventarlo, come lo scrittore Aslak Nore. È il clone norvegese di Hitchens, educato alla New School di New York, dove Hitchens tiene lezioni. Aspetta e vedrai. Presto prenderà Jonas Gahr Støre.

Potrebbe piacerti anche