Ordina qui l'edizione estiva

La verità storica

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Sono passati 60 anni quest'anno l'estate della pace del 1945 in cui una delle cose più grandi accadute fu la fondazione dell'ONU, e il cui statuto inizia così:

"Noi, popolo delle Nazioni Unite, siamo determinati a salvare le generazioni future dal flagello della guerra, che per due volte nella nostra vita ha portato un dolore indicibile all'umanità, e a riaffermare la nostra fede nei diritti umani fondamentali, nella dignità e nel valore della essere umano individuale, sulla parità di diritti di uomini e donne, e delle piccole e grandi nazioni…”

Oggi sono 190 gli Stati che si sono impegnati a seguire la Carta. Una grande perdita per la causa della pace e della distensione fu la morte del presidente Roosevelt nell'aprile 1945. Senza dubbio, i suoi pensieri e le sue intenzioni caratterizzano gran parte della carta.

A che punto siamo oggi? Da quando gli Stati Uniti hanno usato armi nucleari contro la popolazione di Hiroshima e Nagasaki nell'agosto 1945 e hanno chiesto il diritto esclusivo alle armi nucleari, gli Stati Uniti si sono opposti consapevolmente alla Carta delle Nazioni Unite e per gran parte del periodo allo stesso tempo ha diretto l'ONU per i suoi scopi e interessi globali. Il paese ha cifre astronomiche nel suo budget per la difesa e produce e vende armi per la maggior parte delle guerre che il mondo ha vissuto fino ad oggi. Allo stesso tempo, essa stessa ha portato direttamente a molte delle guerre, come ora in Iraq. Davanti alle Nazioni Unite, gli Stati Uniti sono arrivati ​​al punto di rifiutarsi di pagare i propri debiti per il lavoro quotidiano dell'organizzazione mondiale.

Anche i poteri di governo della Norvegia ha sostenuto la politica statunitense ed esportato armi nei paesi belligeranti. Sta accadendo nello stesso momento in cui milioni e milioni di poveri e di bambini muoiono di fame.

Uno degli atti più crudeli del nostro nuovo millennio è stato l'attacco terroristico nel cuore degli Stati Uniti nel 2001. Una domanda che dobbiamo porci è: perché non c'è stato finora alcun accordo legale sul caso, e perché abbiamo non ha ricevuto alcun reale chiarimento su come il dirottamento di tre aerei con equipaggio completo in uno degli aeroporti meglio sorvegliati del mondo possa essere effettuato in modo così efficace? Nessuno ha indovinato nulla e nessuno ha fallito? La colpa è solo dei terroristi e del terrorismo? E che dire della copertura della stampa norvegese in questo contesto?

Roald Halvorsen e Hans I. Kleven sono ex vicepresidenti e presidenti dell'NKP.

Potrebbe piacerti anche