Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

La tragica mafia

VENEZIA / Mafia e corruzione sono stati i temi di diversi film alla Mostra del Cinema di Venezia a settembre. Ma perché così tante persone sono attratte dal potere, quando si corrompe così facilmente nel tempo?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Può un mucchio di film all'annuale Festival del Cinema di Venezia suggerire qualcosa sul potere nel nostro tempo? Possibilmente. Vediamo come affrontano la tragedia del potere:

Il film portoghese Un branco (il dominio) di Tiago Guedes ricorda l'epopea italiana di Bertolucci 1900 – dove segui i detentori del potere e dei sudditi per diverse generazioni. Per quasi tre ore lo seguiamo Un branco ("Dominio") la storia della ricca famiglia Fernandes. 1946: Il padre alleva suo figlio João – duramente. 1973: l'alta borghesia politica nepotista e fascista portoghese fa pressioni sul nuovo capofamiglia adulto João Fernandes (interpretato da Albano Jerónimo) affinché li sostenga – rifiuta nonostante sia imparentato con loro; non è corrotto.

Un gregge (il Dominio)

Poi la Rivoluzione portoghese dei garofani rovescia il regime autoritario dell'Estado Novo nel 1974, come vediamo nel film, dove i ricchi fascisti devono fuggire a capofitto in Brasile. João, invece, è stato e resta un proprietario terriero più indipendente. Affronta le sfide dei tempi. Ma è lui quello prepotente al vertice, come suo padre lo ha cresciuto. E gli piace divertirsi un po' con le donne nel mondo del lavoro – e le cose stanno lentamente ma sicuramente andando per il verso sbagliato. 1991: la tenuta, con i suoi vasti campi di mais e riso che rifornirono il Portogallo per diversi anni, è stata venduta poco alla volta e la ricchezza è diminuita. E ora anche la famiglia, che comincia a lasciarlo. Le bugie erano diventate troppe. Il destino ha raggiunto João. Sua moglie lo ha lasciato. E il suo giovane figlio ricorda di essere stato bagnato nell'acqua ghiacciata da bambino, per indurirsi – dove dice a suo padre durante una discussione che i suoi sentimenti per lui sono rimasti altrettanto ghiacciati, come dice mentre esce dalla porta alla fine del film. E poi, disperato, João disperato cavalca il suo amato stallone nero, che alla fine precipita. Ne ha ferito un altro. Deve sparare al cavallo e il film finisce dove era iniziato, con l'ormai anziano João che cerca rifugio nelle piccole rovine dove giocava da bambino, altrettanto solo.

Troppo potere, come accennato, tende a finire tragicamente, in modo corruttivo.

L'anziano boss mafioso nelle regole della cosiddetta 'Ndrangheta
nascondendosi dalla sua caverna nel terreno.

Francesco Rosi

A Venezia abbiamo visto anche l'ex regista italiano Francesco Rosi (1922–2015) nella biografia documentaria Cittadino Rosi, realizzato dalla figlia Carolina. Apparteneva in particolare ai neorealisti politicizzati degli anni '60 e '70 come Pier Paolo Pasolini, i fratelli Taviani ed Ettore Scola. Il documentario che stiamo guardando è in realtà un ritratto socialmente critico dell'Italia attraverso piccoli commenti in cui padre e figlia insieme sul divano guardano molti dei suoi film – sui rapporti di potere, sulla corruzione e sulla mafia.

Citizen Rosi. Regissør Francesco Rosi

Rosi è stato costantemente proiettato in retrospettive a Venezia, come qualche anno fa, quando abbiamo avuto modo di vedere il lungometraggio Le mani sulla città (Lo squalo immobiliare, 1963) su un'industria edile mafiosa e corrotta. La svolta di Rosi fu forse il film sulla mafia La Sfida (La sfida, 1958), che fece scalpore con la sua insinuazione che la mafia controllasse il governo. O Salvatore Giuliano (1962) sulla Sicilia, la polizia e la mafia. E fino a tardi La connessione palermitana (1990) il tema mafioso ritorna nuovamente.

Nello stesso divano vediamo anche lo scrittore mafioso Roberto Saviano (Gomorra, tra gli altri), chiaramente ispirato a Rosi, dove si parla di costruttori corrotti e delle condizioni con cui l'Italia è ancora alle prese. Alla Berlinale all'inizio di quest'anno, Saviano ha affermato che sta ancora combattendo la natura barbarica interna della mafia, che ha portato alla piena protezione della polizia nel suo dodicesimo anno. Anche se la mafia non è così chiaramente omicida nelle strade come a Palermo negli anni '70 e '80. Oggi si ritrovano nel profondo della politica e degli affari. Come mi ha detto in Sicilia il mio amico tassista: se hai un concorrente problematico, preferiresti che un giudice corrotto lo mettesse in prigione per distruggerlo. O come ha menzionato la nostra scrittrice Francesca Borri a proposito della sua città natale italiana, Bari, oggi a loro piace controllare l'intera via dello shopping dove normalmente si siede e scrive. E se viene rubata un'auto non vai alla polizia, ma cerchi di risolvere il problema tramite uno dei clan del quartiere.

Sorrentina

La corruzione è un tema presente in molti film del festival, come quello di Steven Soderbergh La lavanderia automatica – sui Panama Papers, dove Meryl Streep & co. situato vicino a questa attività corrotta ed evasore fiscale (basato sul libro di Jake Bernstein Mondo segreto). O che ne dici di quello che ha viaggiato molto Un ufficiale e una spia (accuso) di Roman Polanski, sul potere ai vertici con il caso Dreyfus? E la docu-fiction satirica La mafia non è più quella di una volta di Franco Maresco. Dietro il documentario ci sono anche corruzione e potere Cittadino K dal professionista Alex Gibney: Sì, cosa pensi che potrebbe dire l'oligarca russo Mikhail Khodorkovsky dal suo esilio in Svizzera?

O che ne dici della sontuosa serie TV dell'italiano Paolo Sorrentino Il nuovo papa, dove abbiamo visto due episodi a Venezia della prossima stagione (after Il giovane Papa). Nei più alti circoli del potere vaticano, vediamo l'ultra conservatore Papa Pio XIII (Jude Law) ammalarsi ed entrare in coma, per poi essere sostituito dal suo successore liberale e compromettente Giovanni Paolo III (John Malkovich al suo meglio). Il regista Sorrentino filma in modo umoristico ed estetizzante con giochi linguistici retorici, nepotismo e molta sensualità – sia in Venezuela che a Roma.

Il nuovo papa

Le tragedie della vita, la mafia e la corruzione sono davvero così tipiche dell'Italia o del festival di Venezia?

Il lungometraggio di Olivier Assaya Rete di vespe a Venezia è strettamente basato sul libro di Fernando Morais La storia del Cinque cubani (2015). Poiché negli anni '90 alcuni cubani in esilio negli Stati Uniti volevano rovesciare Fidel Castro, quest'ultimo inviò alcune spie cubane che si infiltrarono tra loro, al fine di prevenire azioni terroristiche contro Cuba. Questi, notoriamente, hanno attaccato le spiagge e gli hotel turistici per paralizzare l’economia turistica. Loro stessi finanziarono le loro attività anti-castristi attraverso il contrabbando di droga dalla Colombia e altrove. Ma le stesse spie di Castro furono messe a tacere a Miami, dove l'FBI le arrestò tutte, con conseguenti lunghe pene detentive per loro – che avrebbero dovuto prevenire il terrorismo. Come afferma lo stesso Castro in un documentario verso la fine del film, la reazione degli Stati Uniti è stata ridicola, poiché gli stessi Stati Uniti hanno schierato agenti della CIA in tutto il mondo, sia per smascherare il terrorismo che per proteggere gli interessi americani. Le spie patriottiche cubane lasciarono le loro famiglie nascoste e furono chiamate traditori in patria, solo per poi rivelarsi essere gli eroi del paese – ma spesso finirono con più di 15 anni in una prigione americana.

’Ndrangheta

Ritorno in Italia, e nelle serie tv italiane ZeroZeroZero diretto, tra gli altri, da Stefano Sollima e Janus Metz – tratto dal già citato libro sulla cocaina di Saviano Zero Zero Zero dal 2015. Saviano ha anche contribuito alla sceneggiatura del film della serie complementare, su questo "oro bianco", la cocaina che viene trasportata dal Sud America e dal Messico all'Italia.

Zero Zero Zero

La serie inizia in Calabria, dove l'anziano boss mafioso della cosiddetta 'Ndrangheta governa nascondendosi dalla sua caverna sottoterra. Il tragico è sorprendente, poiché la voce fuori campo del boss mafioso inizia descrivendo la mentalità della vita in cui tutti ti voltano le spalle a meno che tu non dia loro qualcosa. O quando non ti serviranno più. E se i tuoi figli non ricevono abbastanza soldi, dicono che non li ami abbastanza. Anche mogli e madri sono pronte a farsi avanti con "non mi ami" appena non ti prendi cura di loro... Questo vecchio italiano in Calabria sta per essere portato via dai clan rivali, ma poi promette uno sconcertante numero di nove in una mafia che distribuisce miliardi di corone norvegesi ai leader concorrenti, per tenerli sotto controllo.

La serie, basata sulle ricerche di Saviano, si muove tra italiani, militari messicani corrotti e agenti marittimi americani. La serie salta in modo interessante nel tempo in modo drammaturgico, a differenza di tutti i film in ordine cronologico menzionati sopra - e si svolge sia in italiano, inglese, spagnolo e calabrese!

E ancora, quando il potere corrompe, seguono tragedie personali: il broker marittimo del film Edward Lynwood (David Byrne) ha una figlia e un figlio, simili ai due in portoghese. La tenuta - la giovane donna forte e diretta e il fratello silenzioso, un po' goffo. Sono ancora i bambini a soffrire a causa del comportamento dei genitori? Lo potrai vedere quando il resto della serie uscirà su Amazon Prime l'anno prossimo...


Leggi anche: Le vittime del fuoco della corruzione

Trulli mentono
Truls Liehttp: /www.moderntimes.review/truls-lie
Redattore responsabile di Ny Tid. Vedi i precedenti articoli di Lie i Le Monde diplomatique (2003–2013) e morgenbladet (1993-2003) Vedi anche par lavoro video di Lie qui.

Potrebbe piacerti anche