Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Il potere unificante di una lotta comune

Movimento
Regissør: Nadir Bouhmouch
(Marokko og Qatar)

ATTIVISMO / Movement è un pezzo di propaganda politica lirico e ben girato, con un tocco marocchino.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

#Nadir Bouhmuch#s Movimento è un viaggio poetico meravigliosamente filmato attraverso le vite dei poveri abitanti dei villaggi marocchini che descrive la loro resistenza provocatoria a una miniera d'argento che sta rubando loro la terra e avvelenando la terra con il cianuro. L'intera faccenda sembra essere un esempio da manuale dei molti casi sottostimati in cui piccole comunità protestano contro la distruzione ambientale dell'élite ricca – e qui Movimento sulla speranza e l'incoraggiamento, nonché su una miriade di personalità colorate. Ma come molti altri che scrivono sceneggiature e dirigono lo stesso film, Bouhmouch è troppo vicino al proprio materiale.

Movimento su Strada '96

Il film inizia nel campo di attivisti asciutto, polveroso e battuto dal vento in cima al Monte Alebban, uno sperone roccioso con vista panoramica su una valle color ocra e verso montagne lontane dove si nasconde "la settima miniera d'argento più grande dell'Africa". Nelle capanne di pietra, gli abitanti del villaggio vigilano qui dal 2011: poi hanno chiuso il rubinetto dell'oleodotto ormai arrugginito che per molti anni aveva portato l'acqua necessaria all'operazione di estrazione dell'argento.

Nel 2011, il suolo di Imider è stato avvelenato da perdite di cianuro.

La sorgente d'acqua – che è ricavata in una vasca di cemento – si trova all'interno dei confini di Imider, un paesino a valle, dove gli abitanti hanno la vasca per vivere. Imider è una piccola macchia fertile di mandorli e campi di orzo in un angolo riparato dalle rovine di un forte coloniale francese. Il villaggio ha sperimentato che i pozzi sono rimasti senza acqua dopo l'inizio dell'intensa attività di pompaggio per le miniere d'argento a metà degli anni '80.

La prima tornata di proteste è iniziata nel 1996, ed è da lì che gli attivisti del villaggio hanno preso il nome del movimento: Movement on the Road '96. I martiri di quell’epoca – uomini che furono incarcerati o uccisi in scontri con la polizia – godono ancora di rispetto e ammirazione. Bouhmouch non fornisce dettagli su ciò che è accaduto durante queste proteste, ma ci riporta al 2011, quando il terreno fu avvelenato dalle perdite di cianuro e i mandorli appassirono, e la resistenza divampò di nuovo. Questa volta, gli abitanti del villaggio hanno preso in mano la situazione: hanno chiuso il rubinetto collegato all’oleodotto e hanno occupato Alebban Hill.

La loro storia è raccontata attraverso le parole, le canzoni, le poesie e gli eventi locali della gente del posto, tra cui un meraviglioso festival primaverile all'aperto, dove genitori e figli eseguono piccole rappresentazioni tra tutti i discorsi e le proiezioni di film stimolanti su altri attivisti ambientali.

Valore inestimabile

L'aspra bellezza delle collinette brulle e delle valli rocciose (dipinte con scene di pecore e capre che si riuniscono presso una conduttura dell'acqua sempre più arrugginita), sotto un cielo azzurro brillante e luminoso, è in contrasto con i colori verdi e freschi della piccola valle lussureggiante, dove il spuntano fiori di mandorlo “grandi come zoccoli di mucca”. Oltre a queste bellissime immagini d'atmosfera, Bouhmouch sceglie di raccontare la storia attraverso gli abitanti del villaggio, che parlano tra loro di ciò che sta accadendo. Con questo approccio, il regista evita la necessità della voce narrante, che a volte può comunque sembrare invadente.

“Abbiamo sofferto la siccità e contaminazione a causa di questa mia", dice una donna mentre con le sue amiche taglia il fieno sotto un mandorlo. “Dopo che abbiamo chiuso il rubinetto della miniera, l’acqua è tornata. L'anno scorso non siamo riusciti nemmeno a raccogliere." Un'altra donna aggiunge: “Ma questo non significa niente, perché finché c'è il cianuro nel terreno non c'è molto da sperare. E quando difendi i tuoi diritti sei solo oppresso”.

Bouhmouch non fa alcun tentativo di mostrare l’altro lato della storia: non ci sono fotografie della miniera stessa o interviste con chiunque sia associato al suo funzionamento. Il pubblico viene semplicemente informato che la miniera è una delle più grandi e redditizie dell'intero continente africano. Gli abitanti dei villaggi arrestati e incarcerati affermano di essere stati falsamente accusati. Tuttavia il film non contiene immagini dell'aula del tribunale o degli scontri con la polizia. Ma queste carenze potrebbero non essere importanti.

Movimento evidenzia il potere unificante che un obiettivo comune ha per un gruppo di persone. I cittadini di Imider insistono sul fatto di non essere impotenti: dimostrano che, acquisendo conoscenza e rifiutando di lasciarsi intimidire, possono fare la differenza in uno dei tanti fronti per il , il movimento ecologico# – un movimento che merita il sostegno di tutti coloro che sono preoccupati di lottare per un mondo più giusto e più equo. La protezione dell’ambiente non ha prezzo se paragonata alla volgare glorificazione del denaro da parte del capitalismo globale.

Nick Holdworth
Nick Holdsworth
Holdsworth è uno scrittore, giornalista e regista.

Potrebbe piacerti anche