Direttore del movimento Nadir Bouhmouch
Direttore del movimento Nadir Bouhmouch

La forza unificante di una lotta comune


attivismo: Il movimento è un pezzo di propaganda politica lirica e magnificamente filmata, con un tocco marocchino.

Holdsworth è scrittore, giornalista e regista.
E-mail: holdsworth.nick@gmail.com
Pubblicato: 2019-12-31
Movimento

Nadir Bouhmouch (Marocco e Qatar)

#Nadir Bouhmouch # s Movimento è una passeggiata poetica magnificamente filmata attraverso le vite dei poveri paesani marocchini che descrivono la loro opposizione ribelle a una miniera d'argento che ruba loro la terra e avvelena la terra con il cianuro. Tutto rappresenta un esempio scolastico dei molti casi sottostimati in cui piccole comunità protestano per il danno ambientale della ricca élite - e qui Movimento sulla speranza e sull'incoraggiamento, nonché una miriade di personalità colorate. Ma come molti altri che scrivono e dirigono un singolo film, Bouhmouch è troppo vicino al suo stesso materiale.

Movement on the Road '96

Il film inizia nel campo di attivisti secco, polveroso e spazzato in cima alla montagna di Alebban - una gola rocciosa con vista panoramica su una valle ocra e verso montagne lontane dove si nasconde la "settima miniera d'argento più grande dell'Africa". Nei cottage di pietra, gli abitanti del villaggio hanno tenuto d'occhio qui dal 2011: poi hanno chiuso la gru sull'oleodotto ormai arrugginito che aveva trasportato per molti anni l'acqua necessaria fino all'operazione di estrazione dell'argento.

Nel 2011, il suolo di Imider è stato avvelenato da perdite di cianuro.

La fonte d'acqua - che è costruita in una vasca di cemento - si trova all'interno dei confini di Imider, un piccolo villaggio nella valle, dove gli abitanti hanno scolpito una vita. Nel frattempo, una fertile zona di mandorli e campi d'orzo si trova in un angolo protetto dalle rovine di un forte coloniale francese. Il villaggio ha sperimentato che i pozzi hanno esaurito l'acqua dopo la metà degli anni '80 ha iniziato un'intensa attività di pompaggio per le miniere d'argento.

La prima serie di proteste è iniziata nel 1996, ed è da lì che gli attivisti del villaggio hanno portato il nome al movimento: Movement on the Road '96. I martiri dell'epoca - uomini che erano stati imprigionati o uccisi in combattimenti con la polizia - godono ancora di rispetto e ammirazione. Bouhmouch non fornisce dettagli su ciò che è accaduto durante queste proteste, ma ci riporta al 2011, quando la terra è stata avvelenata da perdite di cianuro e i mandorli appassiti e la resistenza si è riaccesa. Questa volta gli abitanti del villaggio presero in mano la questione: chiusero la gru attaccata alla condotta e occuparono la collina di Alebban.

La loro storia viene raccontata attraverso le parole, le canzoni, le poesie e gli eventi locali della gente del posto, tra cui una deliziosa festa di primavera all'aperto, in cui genitori e figli si esibiscono in piccoli ...

Abbonamento semestrale NOK 450


Caro lettore. Hai già letto i 4 articoli gratuiti del mese. Che ne dici di supportare i TEMPI MODERNI disegnando una corsa online Abbonamento per libero accesso a tutti gli articoli?


Lascia un commento

(Usiamo Akismet per ridurre lo spam.)