Il delirante regista antisommossa Stepan Polivanov
Stephan Polivanov, delirante regista di scontri

La città post-sovietica in cui la danza è politica


TECHNO-PROTESTE: Una protesta danzante e la sua crescita e caduta davanti al parlamento della Georgia.

Gray è un critico cinematografico regolare in MODERN TIMES.
E-mail: carmengray@gmail.com
Pubblicato: 2019-12-01
Riot Raving

Stepan Polivanov (Paese ?? XXXXX)

Un documentario su klubbliv i Georgia, Riot Raving ha avuto l'anteprima di un affollato auditorium da 1500 posti durante il Beat Film Festival di quest'anno a Mosca. L'energico sviluppo di una scena giovane e creativa nella capitale dell'ex Repubblica Sovietica, Tbilisi, ha messo la città sulla mappa per le persone di tutto il mondo e, nonostante le attuali tensioni geopolitiche, la Russia non fa eccezione. Ma quella non era l'unica cosa che attirava le zanzare Riot Raving, il debutto alla regia a Stepan Polivanov, prodotto dalla consolidata Stereotactic collettiva indipendente a Mosca. Il film è incentrato sulle incursioni della polizia contro il più grande club di Tbilisi, Bassiani, nel maggio 2018, che ha spinto migliaia di persone a protestare di fronte al parlamento della Georgia ballando in sfida alla tecno fragorosa. Ciò è parallelo a un raid nell'agosto 2017 contro Rabitza, un club techno fai-da-te a Mosca, dove la polizia ha anche effettuato duri arresti di ospiti e personale. Ma piuttosto che rispondere con una resistenza collettiva, Rabitza ha semplicemente chiuso - e le zanzare volevano vedere cosa era nella situazione in Georgia che ha reso possibile un'ondata di resistenza pubblica.

Culture Club

Riot Raving si estende su più parti. Il primo riguarda l'emergere di culture Club in Georgia sullo sfondo molto diverso di una società conservatrice e non molto urbanizzata (i filmati delle campagne mettono in evidenza la divergente tecno-cultura, che di solito è associata all'industria ma qui fiorente). Gran parte del film è stato girato di notte. Un sottogruppo di giovani generazioni ha trasformato le ore dopo il tramonto nel loro parco giochi dove possono esprimersi liberamente e con il tempo di parlarsi ("il giorno è per le persone che hanno paura", dice uno dei frequentatori del club. Polivanov ha trovato molti dei suoi protagonisti su Tinder e sul suo stile vagamente impressionista, in cui si mescola con gruppi di amici casuali in parcheggi e club, aggrappandosi all'impressione di rilassate gite edonistiche. Queste scene avrebbero potuto essere reminiscenze del ritratto febbrile della gioventù di Michael Marczak a Varsavia, Tutte queste notti insonni - se non fosse stato per l'intensità politicamente carica che esplode ...


Caro lettore. Hai già letto i 4 articoli gratuiti del mese. Che ne dici di supportare i TEMPI MODERNI disegnando una corsa online Abbonamento per libero accesso a tutti gli articoli?

Abbonamento NOK 195 / trimestre

Lascia un commento

(Usiamo Akismet per ridurre lo spam.)